UMBERTO TOZZI – ‘Quarant’anni che TI AMO in arena’

Uscirà venerdì 1 dicembre ‘ Quarant’anni che ti amo in Arena’, il nuovo doppio cd live con dvd di Umberto Tozzi, registrato all’Arena di Verona lo scorso 14 ottobre durante un concerto – evento (‘40 anni che ti amo’), in cui si è celebrata la straordinaria carriera dell’artista piemontese.

A duettare con lui sul palco sono saliti gli amici di sempre, ovvero Al Bano, Fausto Leali, Marco Masini, Gianni Morandi, Raf  e Enrico Ruggeri che hanno contribuito al successo di una serata immediatamente sold out. “Non avrei mai sognato una simile festa” – confessa Tozzi, costretto a far slittare la serata di un mese a causa di un improvviso attacco di appendicite. “Solo Anastacia, che aveva registrato con me la nuova versione di ‘Ti amo’, non è riuscita a raggiungerci a causa di impegno importante già concordato con una tv tedesca, ma è venuta a trovarmi in ospedale e mi ha fatto un immenso piacere”.

Pare proprio un progetto nato dalla voglia di divertirsi insieme… “Sì, ho sempre privilegiato le cose che nascono dal desiderio non considerando quelle create a tavolino e così quella sera, anziché incontrarci a tavola, ci siamo dati appuntamento su un palco”.

Uno dei pezzi più attesi del maxi show è stato ‘Si può dare di più’, brano grazie al quale con Gianni Morandi e Enrico Ruggeri, hai vinto il Festival di Sanremo nel 1987. Chi di loro nella serata in Arena, si è emozionato di più? “Morandi era il più agitato. Lo conosco bene, l’ho frequentato per anni e anche grazie alla Nazionale Cantanti abbiamo avuto occasione di conoscerci meglio, chiacchierando negli spogliatoi. L’ho visto commuoversi fin dalla prima nota”.

Hai scelto tu i pezzi, che hai cantato con i colleghi? “In realtà abbiamo deciso insieme ma ricordo che quando chiamai Enrico per invitarlo alla serata, rispose che avrebbe accettato solo se gli avessi dato la possibilità di cantare ‘Dimentica Dimentica’ (lato b di ‘Ti Amo; ndr), confessandomi di aver sempre amato quella mia canzone. Ho un bel ricordo legato a quel brano, composto sul pianoforte a muro della mia casa di Torino, la stessa dove nacque anche la hit ‘Gloria’”.

A Verona hai cantato alcune cover internazionali, che ritroviamo nel cd. Come mai hai optato per quei pezzi? “‘Sound of Silence’ di Simon & Garfunkel è legata alla mia adolescenza e la canto spesso per divertirmi quando mi ritrovo con i miei musicisti oppure a cena, a casa di amici. E poi ‘My Sharona’, traccia storica e tiratissima dei The Knack. L’ ascoltai per la prima volta in Messico, mentre stavo raggiungendo in auto gli studi di una trasmissione televisiva, dove mi aspettavano come ospite. A quel punto mi domandai: ‘E adesso, cosa faccio io? “

I tuoi primi successi risalgono a un periodo musicale probabilmente irripetibile, oggi si lavora diversamente. Cosa ne pensi della formula dei talent?  “Mi chiedo quale significato possa avere cantare bene delle canzoni di un altro artista, come accade durante quelle performance tv. Oggi abbiamo bisogno di cantanti capaci di inventarsi un linguaggio proprio e originale, come ce ne sono stati tanti in Italia! Altrimenti si rischia di fare come la nostra Nazionale di calcio, che in campo ha fatto il karaoke…”.

Farai un’apparizione, al prossimo Festival di Sanremo?  “Se mi invitano come ospite ci vado volentieri. Ora che ci penso, ho pure un aneddoto divertente legato al trofeo che ci venne consegnato nell’87, quando vincemmo in trio! Trofeo che io vidi sul palco solo nel momento della premiazione e delle foto. Infatti inizialmente se ne appropriò Morandi, che lo tenne con sé per una decina d’anni. Quindi gli fu richiesto da Rrouge, che lo custodì in casa per un’altra infinità di tempo, fino al momento in cui, se pur ‘risentito’ dalla mia richiesta, confessando che gli avrei creato uno spazio inconsolabile sulla mensola del salotto, si decise a darmelo. Gli ho proposto in cambio una copia perfetta (ride; ndr). Non credo di doverglielo già restituire, merita di stare un po’ anche con me, no?’”

Tozzi ritornerà a esibirsi live nei teatri, all’inizio del prossimo anno. Il nuovo spettacolo (che a gennaio toccherà alcune grandi città europee) partirà l ’11 febbraio dal Regio di Parma e svilupperà anche una parte acustica. Per l’occasione, oltre al suo incredibile repertorio, l’artista regalerà al pubblico anche un paio di inediti. Con lui sul palco ci saranno Raffaele Chiatto (chitarre), Gianni D’Addese (tastiere) Giambattista Giorgi (basso), Gianni Vancini (sax), Elisa Semprini (violino) e Riccardo Roma (batteria).

I biglietti sono disponibili in prevendita su www.ticketone.it, www.concerto.net e www.umbertotozzi.com.

Ecco il calendario completo del tour:

In Europa

12 gennaio – Kural – Oostende;
13– Ethias Theater – Hasselt;
15 gennaio – Theater Carré – Amsterdam;
6 febbraio – Kaufleuten Klubsaal – Zurigo;
8 – Kaufleuten Klubsaal – Zurigo;
9 – Theatre Du Leman – Ginevra;
20 – Kongrsove Centrum – Praga

In Italia

11 febbraio – Teatro Regio – Parma;
5 – T. Ponchielli – Cremona;
1 marzo – T. Politeama – Genova;
3 – T. Goldoni – Venezia;
9 – T- Verdi – Firenze;
13– T. degli Arcimboldi – Milano;
8 aprile – T. Comunale – Ferrara ;
11 – T. Olimpico – Roma;
20 – T. Creberg – Bergamo;
23  – T. Duse – Bologna;
26 – T. Regio – Torino

TRACK LIST ‘Quarant’ anni che ti amo in Arena’ (prodotto da Momy Records e F&P Group, distribuito Sony Music) :
Primo cd: Intro, Notte Rosa, Ti Amo, Gli Altri siamo noi, Si può dare di più con Gianni Morandi ed Enrico Ruggeri, Dimentica Dimentica con Enrico Ruggeri, Medley (Roma Nord/Se non avessi te/Gli Innamorati), Sound of Silence, Una bambolina che fa no no con Al Bano, Nel Sole con Al Bano, Medley (Lei/Qualcosa qualcuno/Dimmi d no), Immensamente, Gente di Mare con Raf, Infinito (Raf) e Self Control con Raf .
Secondo cd : Donna Amante Mia, Io Camminerò con Fausto Leali, Vita con Fausto Leali, Medley (Tu sei di me/Perdendo Anna), T’Innamorerai con Marco Masini, Caro Babbo (Marco Masini), Io Muoio di te, Medley (Stella Stai/My Sharona/Un corpo e un’anima), Tu, Gloria, Finale “Gloria” Arrangiamento London Symphony Orchestra e Ti Amo con Anastacia.


ISCRIVITI alle NewsLetter per non perdere le nostre novità e iniziative!

Sonja Annibaldi

Sonja Annibaldi – Giornalista e speaker dal 1993, si occupa da sempre di musica e spettacolo e collabora con importanti testate nazionali. Ama il rock, il sushi, la storia dell’arte e i cani. Vive con Blanco, il suo inseparabile Cavalier King.