Marco Profeta ci presenta “E Poi Arrivò Dicembre (L’Amore Resta)” dedicata a Silvia Capasso

Lui è un avvocato di successo, si chiama Marco Profeta, ha due grandi passioni: il suo lavoro e la musica!

Per fare entrambi si fa in quattro e ci mette passione nel farlo! Si definisce un “romanticone“, i suoi pezzi sono da ascoltare in silenzio per farsi trasportare dalle emozioni, cosa che a lui riesce benissimo!

In merito al suo video “NINNANANNA” che vede protagonista la sua amica Adriana Volpe scrive:

“Da sempre le canzoni che scrivo sono un po’ come le pagine di un diario segreto: amo custodirle nel cassetto dei sogni e delle esperienze. questa pagina, però, la voglio condividere con Voi.”

“E Poi Arrivò Dicembre (L’Amore Resta)”, raccontaci cos’è per te questa canzone, com’è nata e soprattutto perché e nata?
Lo scorso anno una mia amica e grandissima cantante, Silvia Capasso
(the Voice of Italy 2013) ha avuto un malore e ci ha lasciati, proprio a dicembre.
Qualche settimana dopo ho incontrato la sua compagna, Lisa, che vedete nel video con me e sono rimasto profondamente colpito: nonostante il dolore della perdita del suo amore fosse devastante per lei, era come se avesse una luce particolare negli occhi, una risorsa che andava molto oltre la tragedia di una morte così inaspettata. Sono stato a casa di Lisa e Silvia ed ho respirato una verità: l’amore resta, oltre ogni nostra previsione, l’amore (quello vero immagino) rimane sui muri, nelle ossa, nell’aria, nella presenza di chi apparentemente ci ha lasciati.

Quando hai fatto ascoltare la canzone a Lisa cosa ti ha detto? Lei sapeva che stavi scrivendo questa poesia?
Non avevo condiviso l’esistenza del brano con nessuno , fuorchè con i grandi musicisti che mi hanno accompagnato nella realizzazione del brano  e che amo chiamare le mie “estensioni dell’anima” (DANIELE LORETI + DANIELE ROSSINI  +  GIUSEPPE TORTORA violoncellista LAURA PAUSINI-ELISA-MANNOIA +  EUGENIO VATTA). Ho promesso a me stesso che la prima persona che avrebbe ascoltato il brano sarebbe stata Lisa. Solo se lei mi avesse dato il permesso di “camminare” in quel profondo dolore, allora avrei pubblicato la canzone.

Un lunedì sera sono andato a casa di Lisa e Silvia e le ho detto che avevo un regalo per lei. Avevo il cuore che batteva all’impazzata mentre Lisa ascoltava il brano, proprio dove anche Silvia ascoltava le sue canzoni.  Quando l’ultima nota era rimasta nell’aria , mi ha guardato e mi ha detto: “Queste sono le parole che avevo nel cuore, che avrei voluto dire, ma che non avrei mai detto.” Il complimento più bello che mai avrei potuto sentirmi dire.

Il tema centrale di questo brano, a mio avviso, è racchiuso da questa frase “torna qui, anzi resta lì, vengo io da te”, lo credi anche tu?
Hai perfettamente ragione. La disperazione di non poter più condividere il quotidiano con chi avevamo progettato una vita ti spinge a chiedergli di tornare, ma a volte anche il pensiero di potersi raggiungere altrove, in un posto migliore è importante. Il mondo senza “gli occhi dell’amore” può essere un posto terribile.

Il pezzo suscita molta commozione e credo che se una canzone arriva dritta al cuore, vuol dire che hai fatto bingo, cosa vorresti accadesse grazie a questo brano?
Inaspettatamente, da quando il brano è apparso su VEVO sta “girando” tantissimo e ricevo messaggi di moltissime persone che hanno perso i propri cari e si ritrovano nella canzone. Già questo mi fa capire che il messaggio che volevo passasse sta arrivando alle persone. Ciò che, in maniera forse meno immediata, voglio dire è che la luce che ha in sè un amore vero prescinde da tutto: è indifferente se ad amarsi siano un uomo ed una donna o, come nella mia canzone, due donne. Silvia è stata l’esempio di come si possa vivere serenamente la propria omosessualità, la propria storia d’amore, senza issare bandiere e nella semplicità del quotidiano. Un esempio, un vero esempio.

So che hai avuto moltissime dichiarazioni di stima da persone che lavorano nella musica e non, quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?
Sono rimasto davvero colpito dalla stima che tantissime persone mi hanno manifestato, dalla mia amica Adriana
(Volpe ndr) alla grande Valentina Persia (cuore anima risate e cervello, come dico io) a cantanti che stimo come Manuel Aspidi o musicisti come Giuseppe Tortora, nonchè dai sorrisi che ho incontrato in Tribunale da parte di tanti colleghi.. mi sembra un sogno.

Credi di avere l’XFactor?
(ride) Amo definirmi un “CANTIERE” ogni volta che mi chiamano “CANTANTE”, non mi ritengo all’altezza. Più che l’XFactor credo di aver molto da dire e nelle canzoni mi riesce in maniera più diretta farlo. 

Tu non fai di professione il cantante ma sei un avvocato affermato, riesci a conciliare questo hobby con il lavoro o vorresti che il tuo hobby diventasse lavoro?
Sinceramente non lo chiamerei hobby, piuttosto passione. La musica  è una componente essenziale del mio essere, irrinunciabile. Ci ho messo tanto tempo a capirlo, ma ora ho le idee chiare. La dimensione della musica nella mia vita è cambiata e cambierà ancora, sono disponibile al “mutamento”. La professione di avvocato mi appassiona altrettanto, mi occupo di diritto di famiglia e minori prevalentemente ed è un settore delicato ed impegnativo, dove gli interessi in gioco – oltre che giuridici in senso stretto- riguardano la vita delle persone, i loro legami. Non saprei scegliere oggi tra l’uno e l’altro e mi faccio in quattro per fare tutto.

Se un giorno la musica diventasse il mio lavoro… beh, continuerei a fare l’avvocato per passione. (ride).

Immagino che tu stia lavorando già ad un nuovo progetto, puoi anticiparci qualcosa?
Si, sto lavorando ad altri progetti, sempre sul tema dei legami affettivi e del complicato intreccio tra ciò che le persone sentono e ciò che esprimono. ovviamente in pieno stile ballad pop, sono un romanticone.

Tutti noi di “M Social Magazine” ti abbracciamo e ti aspettiamo per seguirti dal punto di vista artistico 😉
Io sono un vostro Fan e Follower! siete eccellenza in un mondo confusionario… GRAZIE PER QUESTA INTERVISTA.

 

VIDEO “E POI ARRIVO’ DICEMBRE (L’AMORE RESTA)


ISCRIVITI alle NewsLetter per non perdere le nostre novità e iniziative!

Christian De Fazio

CEO & Editore di M SOCIAL MAGAZINE, Autore Televisivo, Attore, Mistery Shopper e molto altro... Appassionato di Musica, Televisione, Cinema e Viaggi, alla ricerca sempre di nuovi stimoli.