Conosciamo la Bernstein School of Musical Theater, l’Accademia di musical che forma talenti!

Chi non ricorda “Fame -Saranno famosi” la serie televisiva statunitense che vedeva un gruppo di studenti e insegnanti della New York School of the Performing Arts raccontare la propria vita dentro la scuola tra una serie di numeri musicali, coreografie e musical? Ebbene in Italia, a Bologna abbiamo la Bernstein School of Musical Theater! Si tratta di una struttura davvero immensa con una superficie di oltre 2000 mq per accogliere i ragazzi desiderosi di approfondire e perfezionarsi nelle tre discipline del musical-danza, canto e recitazione.

Shawna Farrell, direttrice della Bernstein School of Musical theater di Bologna

In questa scuola da sogno arrivano da tutta Italia e ad accoglierli è Shawna Farrell, fondatrice e direttrice della scuola. Lei è una forza della natura ed anni fa è arrivata in Italia con la sua laurea in Studi musicali e vocali presso l’Università di Toronto, nonché un diploma al Royal Conservatory of Music in pianoforte e voce, sempre a Toronto.

Shawna è un’esperta in materia di musical ed una una scopritrice di molti talenti in ambito artistico. Dal 1993, anno di fondazione della Scuola ad oggi moltissimi allievi sono poi diventati dei professionisti, tra cui Veronica Appeddu, Filippo Strocchi, gli Oblivion, Simona di Stefano, solo per citarne alcuni.

Sono ancora in contatto con alcuni di loro – ci racconta Shawna – li vedo perché intervengono in Accademia per alcuni masterclass di alta formazione. Altri li sento per telefono”

Il 2018 è un anno importante perché cade il 25° anniversario dalla fondazione dell’Accademia e per tale occasione la Bernstein School of Musical Theater premia il talento assegnando 10 borse di studio ai candidati più meritevoli.

Le audizioni presso la sede della scuola, a Bologna, avverranno il 7 e 8 gennaio, il 3 febbraio, il 3 marzo ed infine il 7 aprile.

Per andare incontro alle esigenze degli aspiranti performer, per la prima volta la commissione della SBMT si sposterà da Bologna per tenerele audizioni in altre città italiane: a Roma l’11 marzo presso il Teatro Brancaccio, a Siracusa il 18 marzo, presso l’A.S.D. Silva Arte Danza e Musical, a Milano il 25 marzo presso l’Area Dance.

Abbiamo pensato di offrire 10 borse di studio per chi sogna di entrare in Accademia – spiega Shawna – ma ci tengo a sottolineare che se la passione è l’ingrediente principale per chi vuole iniziare questo percorso, non va sottovalutato il grande impegno per la vita che ci si assume. La voglia di fare deve essere proporzionata allo spirito di sacrificio”.

Alcuni studenti della Bernstein School con Shawna Farrell e Giuseppe Lombardo, direttore amministrativo

Le giornate a scuola sono davvero lunghe ed intense. Si inizia alle 9.00 e si termina alle 19.30. E’ dura perché viene richiesta dedizione e concentrazione sempre alta. Ma tutto questo è ripagato da grandi soddisfazioni. Dentro la scuola c’è anche molta vita sociale. Gli allievi formano una famiglia tra loro. Quando escono di qui, restano amici. -sorride Shawna- E’ molto bello per me”.

Un pensiero sui talent show?

Non li guardo perché mi dispiace per i ragazzi che sono lì. Quella “scuola” è fatta per proporre uno spettacolo in TV e la formazione del ragazzo passa in secondo piano. E’ un attimo mortificare un talento con una parola o un gesto sbagliato detto davanti alle telecamere e questo non è un bene, come non lo è il fatto che i ragazzi possano essere giudicati da casa da persone che non hanno le competenze per farlo”.

Le novità del 2018 sono parecchie perché accanto al triennio accademico, ci sarà un corso di scrittura di Musical e poi corsi di danza, workshop e campi estivi.

Ma al momento la concentrazione è massima sulle prossime audizioni, oramai alle porte!

E’ possibile prenotare giorno e orario della propria audizione scrivendo a info@bsmt.it.

ph: Giulia Marangoni


ISCRIVITI alle NewsLetter per non perdere le nostre novità e iniziative!

Monica Landro

Amo la musica, i libri, il teatro e i viaggi. Amo cucinare le torte e prendermi cura delle mie piante. Odio i calcoli matematici, le percentuali e i problemi di geometria. Amo stare in mezzo alla gente ma amo ancora di più stare con me stessa. Amo la Sicilia, i suoi colori, sapori e tramonti. Ogni volta che la vita mi sembra difficile, cerco di raggiungere uno scoglio, mi siedo e ne parlo con il mare.