Armonia si crea quando siamo ciò che desideriamo essere e facciamo ciò che ci piace fare

Non è bello, ciò che è bello, ma è bello ciò che piace.

Ogni essere umano è diverso da ogni altro per qualcosa. Anche due gemelli omozigoti si differenziano sia pure per piccoli particolari. Lunghi, corti  larghi e stretti, alti o bassi. Tutti i corpi son diversi ma in una cosa possono essere uguali. La grandezza del loro cuore.

Quando si parla di armonia, si fa riferimento alla musica e la si definisce come l’accordo tra gli strumenti che rendono gradevole all’orecchio e al cuore il risultato d’insieme. Si definisce armonica anche una persona con un analogo andamento. È sempre piacevole osservare chi si muove in armonia con il proprio corpo.

Difficile trovare Armonia e quindi pace se non si conosce il proprio movimento. Essere consapevoli di ciò che siamo, è il compito più difficile per l’essere umano. Spesso ci si porta appresso il proprio corpo senza sapere quanto spazio occupiamo nel mondo. Ci fermiamo a ciò che lo specchio riflette, ma anche qui in molti, se possono, o evitano di guardarsi o si limitano ad osservare le singole parti.

Per esperienza , essendo appartenuto al mondo della danza, ho scoperto che è più facile provare antipatia, che amore verso noi stessi. Ma dell’antipatia parlerò un’altra volta.

Il corpo è il nostro strumento terreno con cui affrontare qualunque sfida possibile sul campo di battaglia che noi chiamiamo vita, o forse meglio, società.

La danza e la musica sono strumenti che permettono all’uomo di creare sintonia tra corpo e anima. Lo strumento che dobbiamo utilizzare è il cuore dove albergano i sentimenti dell’anima che vanno verso la pace, la fratellanza e il ritmo.

Euritmia è un termine utilizzato per definire ciò che un uomo vive ad un giusto ritmo, in armonia con il proprio percorso di vita, ed è presente nel suo movimento in equilibrio tra quello che può  fare e quello che è il suo destino.

Essere in armonia è per me proprio questo.

Riuscire a trovare il giusto movimento fisico, all’interno del nostro micro mondo. Non possiamo essere tutti primi ballerini, ma possiamo danzare ognuno secondo i propri passi.

L’armonia si crea quando siamo ciò che desideriamo essere e facciamo ciò che ci piace fare. Infatti quando incontriamo qualcuno che non è in armonia con il suo fare, è facile che ci risulti antipatico.

Perché è questo il rischio di chi non riesce a conciliare le sue parti, alla fine se il corpo non è in armonia con la mente il risultato sarà un canto stonato che per quanto utile a chi lo emette risulterà inutile e fastidioso per chi lo ascolta.

Consiglio

La musica è un lungo respiro in cui abita il ritmo dell’animo umano. Così si esprime l’antropologo della mente Alessandro Bertirotti e a questo mi collego per suggerire a tutti di trovare il proprio ritmo, cercare ogni giorno una musica che rappresenti la nostra Anima.

Non smettere mai di cantare alla vita, anche se si scopre di essere stonati. Piuttosto limitiamoci a farlo quando siamo sotto la doccia o in aperta campagna, ma da soli.


ISCRIVITI alle NewsLetter per non perdere le nostre novità e iniziative!