Basta un selfie per sbloccare il car sharing

Lo sapevate… per sbloccare l’auto del car sharing basta scattarsi un selfie: la soluzione, sviluppata da Idemia e Omoove, si chiama EasyOpen e permette di aprire il veicolo a noleggio usando come chiave il riconoscimento facciale.

L’utente deve solo registrarsi alla piattaforma di car sharing inserendo come elemento identificativo anche la propria foto: l’autenticazione per sbloccare l’auto è immediata nel momento in cui si mostra il selfie al veicolo. Per registrarsi l’utente deve scrivere alla piattaforma di car sharing con la propria foto

Idea (anche) italiana

Idemia è una società specializzata nelle soluzioni di augmented reality e sicurezza digitale, mentre Omoove, controllata del gruppo italiano Octo Telematics, è una specialista delle piattaforme per la mobilità condivisa e le tecnologie di bordo.

L’anno scorso le due aziende avevano presentato la prima versione di EasyOpen (già attiva, anche in Italia), che permette agli automobilisti di usare il proprio smartphone come chiave per aprire l’auto in sharing, offrendo un’esperienza utente veloce e al tempo stesso una garanzia in più per i gestori delle flotte; quest’anno hanno integrato il riconoscimento facciale rendendo l’autenticazione ancora più rapida e sicura.

Nell’attesa di sbloccare il car sharing con la faccia anche in Italia (è un’opzione che devono offrire i fornitori del noleggio), la dimostrazione con una Maserati Levante al Mobile World Congress di Barcellona è andata perfettamente a segno: registrazione per il noleggio e apertura dell’auto con un selfie in una manciata di secondi.


ISCRIVITI alle NewsLetter per non perdere le nostre novità e iniziative!

Armando Biccari

Mi chiamo Armando Biccari ho origini pugliesi sono un giornalista ho lavorato e lavoro lavoro per diverse Testate giornalistiche online e Carta Stampata, e Radio TV ho vissuto in diverse città Italiane Genova, Venezia, Prato Macerata. Tra le mie passioni ci sono oltre al Cinema la comunicazione musicale Sociologia dei New Media Audiovisivi Televisione, e la comunicazione scientifica e tutto il resto...