L’armadio contiene vestiti e nasconde segreti

Siamo abituati a mettere nell’armadio tutto quello che non ci serve al momento.
C’è chi stira e ordina , c’è chi butta e nasconde.
Nella coppia di solito c’è sempre uno dei due più ordinato dell’altro.

Uno di essi piega con cura i vestiti e li ripone nell’armadio dopo esserseli tolti o li sistema sullo schienale della sedia o nel portabiancheria, senza lasciare traccia di essi in casa; è preciso, meticoloso, ordinato. L’altro lascia cadere gli abiti smessi a terra, o li butta sul letto senza curarsi di piegarli o di riordinarli. Questi due modi di entrare in relazione con gli oggetti raccontano molto della personalità degli individui e anche delle possibili conflittualità e relazioni interpersonali.

Molti dei conflitti tra i coniugi sono legati ad un diverso uso degli oggetti che utilizzano in comune. In quest’ottica relazionale, gli oggetti segnano una linea di congiunzione o di distanziamento fra due persone.

Meglio sempre prevenire e ricordarsi che non basta essere sposati o conviventi per pretendere di essere sopportati in ogni nostro comportamento. E’ importante stabilire delle regole, anche per come mettere le cose nell’armadio.

Spesso, soprattutto gli uomini, passano dalla casa di mamma al nido d’amore. La mamma pensa che il figlio non debba occuparsi di certe cose. Quindi giustamente lui si comporterà come ha imparato a casa e porterà questo modello come dote per la futura compagna.

Ecco mi viene da suggerire ai giovani amici che vogliono andare a vivere in coppia.

L’armadio per le donne è un archivio prezioso e non come per voi l’appendice del vostro magazzino. Parlatevi, parlatevi sempre!


RIMANI AGGIORNATO SULLE NOVITA’ – Iscriviti gratuitamente qui!

Ernestina Rossotto

Psicologa, psicoterapeuta. Ha fondato la filosofia dello "psico-design". www.psico-design.com

10 pensieri riguardo “L’armadio contiene vestiti e nasconde segreti

  • 28 aprile 2018 in 17:04
    Permalink

    Molto interessante. Sicuramente ci sono due modi diversi di riporre i vestiti nell armadio in correlazione alla nostra personalità. Possiamo etichettare uno dei due come giusto e di conseguenza l’altro come sbagliato? O sono giusti o sbagliati entrambi?

    Risposta
  • 28 aprile 2018 in 17:05
    Permalink

    È verissimo .. condivido …la penso allo stesso modo…

    Risposta
  • 28 aprile 2018 in 23:00
    Permalink

    Abbiamo bisogno dell’armadio,anche quando andiamo fuori solo per qualche giorno,il non averlo può farci sentire a disagio. A casa è il nostro luogo privato la nostra piccola cassaforte delle vanità…

    Risposta
    • 29 aprile 2018 in 13:36
      Permalink

      Grazie Mattia per le tue riflessioni. Credo che ci siano tanti modi di riporre i capi nell’armadio. Tanti modi di organizzare, in relazione alle nostre esigenze e personalità, ma anche in relazione alle persone che vivono con noi. Credo che si possa parlare di modi diversi di considerare l’ordine….più che di giusto o sbagliato .

      Risposta
    • 29 aprile 2018 in 13:42
      Permalink

      Cara Renata sempre attenta e presente. Grazie.
      In effetti l’armadio contiene molte parti della nostra personalità!

      Risposta
  • 29 aprile 2018 in 13:00
    Permalink

    Trovo l’articolo utile è realizzabile nello sperimentare nuovi modelli di comportamento all’interno di una convivenza di qualunque natura essa sia.
    Apprezzo moltissimo il tipo di comunicazione sintetica, diretta e mirata

    Risposta
  • 1 maggio 2018 in 09:43
    Permalink

    Cosa ci vorrebbe permette, al nostro partner o figlio/a che sia, in perfetta allawance, di esprimersi anche in questo, con la consapevolezza della non facilità della quotidiana convivenza dove diventa ‘faticoso’ dettar legge ad un essere che ha modalità diverse di funzionare rispetto alle proprie!!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *