La valigia su letto…!

“E’ quella di un lungo viaggio….” cantava Iglesias, potrebbe anche essere solo un weekend oppure una gita fuori porta, ma la valigia comunque sia è onnipresente!

Che sia un viaggio di lavoro o di piacere o una lunga vacanza, la valigia è certamente l’elemento che occupa i nostri pensieri prima di qualsiasi tipo di spostamento.

Chi prepara la valigia? Cosa si mette in valigia? Come si mettono gli indumenti e gli accessori all’interno della valigia?

Tre domande che possono sollevare interrogativi e discussioni in famiglia.

Se si è single, il problema è presto risolto….dobbiamo confrontarci solo con noi stessi. Magari mettiamo e togliamo, aggiungiamo e ripieghiamo i capi a nostro piacimento. Pensiamo e sostituiamo ma non litighiamo!

Ma se siamo coppia ecco che il confronto è inevitabile. “Perché porti tutta quella roba?”…. “C’era bisogno di mettere anche il libro e l’ombrello!?”…. “Ma quanti giorni stiamo via?”

E così potremmo andare avanti con un lungo elenco di suggerimenti, di consigli, di screzi su quanto e su come dobbiamo preparare la valigia. Su cosa portare o su cosa mettere prima. Su come si piegano i pantaloni e le camicie, sugli accessori da bagno o sulla biancheria intima.

Resta il fatto che preparare una valigia è un po’ come selezionare, proiettandoci in un tempo futuro, ciò che pensiamo potrebbe esserci utile. Saremo, anche se per pochi giorni in un luogo che non ci appartiene, in un luogo che anche se piacevole, come nel caso di una vacanza, non avrà i confini della nostra casa a cui siamo abituati. Anche se ci troveremo in posti bellissimi e circondati da ambienti accoglienti e gradevoli ciò che pensiamo prima di partire è di portare con noi tutto ciò che ci potrebbe servire, a volte anche il superfluo, nell’illusione che potrebbe tornarci utile anche se spesso sappiamo che stiamo esagerando. E come se desiderassimo portare con noi una parte di casa, come la lumaca porta con sè la sua abitazione che ha una funzione protettiva. Nella valigia noi mettiamo una parte della nostra vita quotidiana, delle nostre abitudini….la nostra “coperta di Linus”.

A casa vostra chi prepara la valigia? Chi si occupa di predisporre l’occorrente sul letto o sulla poltrona, prima di inserirlo in valigia? Ciascuno pensa per sé, oppure è un partner ad occuparsene per tutti?

Di solito gli uomini delegano volentieri alla moglie l’arduo compito di preparare la valigia e spesso poi non sono parchi nel distribuire critiche su cosa andava preso o che cosa si sarebbe dovuto lasciare.

Le donne, anche se non sempre di buon grado si dedicano a questa attività, pensano ai figli o ai bambini e il più delle volte portano davvero il mondo….dall’antibiotico al cerotto; dal maglione alle ciabatte; dal libro allo spray anti zanzare….. In quella valigia c’è davvero un mondo….da fare invidia a Mary Poppins.

Ma ci sono anche persone che partono con uno zaino contenente l’indispensabile, un cambio per dieci giorni di vacanza….perché poi si lavano i capi. Lo spazzolino e il dentifricio….magari le sigarette. Ecco fatta la valigia! Charlie Brown sarebbe l’ottimo compagno di viaggio!

Quanta diversità!

Quanti modi di affrontare l’allontanamento da casa!

Quante infinite possibilità di comprendere chi siamo anche attraverso una semplice valigia!

E voi a chi vi sentite più vicini, a Mary Poppins o a Charlie Brown?


RIMANI AGGIORNATO SULLE NOVITA’ – Iscriviti gratuitamente qui!

Ernestina Rossotto

Psicologa, psicoterapeuta. Ha fondato la filosofia dello "psico-design". www.psico-design.com