Torna Alessia Marcuzzi con Nicola Savino alla conduzione de LE IENE SHOW | Anticipazione servizi

Stasera Mercoledì 3 ottobre, in prima serata su Italia 1, va in onda il primo appuntamento infrasettimanale con “Le Iene Show”.

Conducono Alessia Marcuzzi (che torna dopo 13 anni nel programma cult di Davide Parenti) e Nicola Savino, con le voci irriverenti della Gialappa’s Band.

Tra i servizi della puntata:

Luigi Pelazza ricostruisce la vicenda del sequestro, avvenuto nello scorso luglio a Brindisi ad opera della Guardia di Finanza, di 700 chili di sigarette di contrabbando a bordo della nave militare italiana Caprera. L’imbarcazione, che era appena tornata da una missione a Tripoli, aveva il compito di segnalare alla Guardia costiera locale le barche di migranti dirette verso l’Italia.

Nel corso dell’inchiesta, l’inviato incontra un militare che era a bordo della nave e il comandante del Caprera.

Dopo la pubblicazione sul sito de “Le Iene” della notizia del provvedimento, Luigi Pelazza intervista anche il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta, la quale dice: «L’ho saputo da voi. Vi ringrazio e mi chiedo come mai. Mi sono molto arrabbiata: se non si capisce che rubare una gallina a Roma o rubare una gallina a Tripoli ha un peso diverso… rubare una gallina è sempre sbagliato, ma a Tripoli è ancora più sbagliato. Lo stesso prendere delle sigarette per fare un piccolo commercio da una parte o dall’altra».

Alessandro De Giuseppe si occupa della prematura morte di Marco Pantani, avvenuta la sera del 14 febbraio 2004 in un residence di Rimini.

Sempre archiviata come suicidio, secondo la famiglia del campione di ciclismo e alcuni suoi amici la vicenda avrebbe ancora dei punti oscuri: partendo da queste incongruenze, dunque, la Iena ricostruisce il caso attraverso immagini inedite e le testimonianze, tra gli altri, degli operatori del 118 intervenuti quella sera.

 


RIMANI AGGIORNATO SULLE NOVITA’ – Iscriviti gratuitamente qui!

Redazione

Redazione editoriale "M Social Magazine" - www.emmepress.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *