“C’è tempo” il film di Walter Veltroni, al cinema dal 7 marzo

Arriverà in sala il 7 marzo C’è tempo di Walter Veltroni, prodotto da Palomar e Vision Distribution, in collaborazione con Sky Cinema e Pathé.

Il film è interpretato da Stefano Fresi, Simona Molinari, Giovanni Fuoco, Francesca Zezza con la partecipazione di Sergio Pierattini con Laura Ephrikian, Silvia Gallerano, Shi Yang Shi, con l’amichevole partecipazione di Max Tortora e di Anna Billò, Giovanni Benincasa e Jean-Pierre Léaud.

C’è tempo, attraverso la storia famigliare del protagonista, ci porta alla scoperta di un’Italia dimenticata.

Il film infatti segue le vicende di Stefano, un uomo che non ha voluto mai sapere nulla del padre ma che, alla morte dell’uomo, scopre di essere l’unico parente rimasto in vita per il suo fratellastro tredicenne.

La trama

Stefano (Stefano Fresi), quarantenne precario e immaturo, vive in un paesino di montagna e fa un lavoro bizzarro: l’osservatore di arcobaleni.

Alla morte del padre, mai conosciuto, scopre di avere un fratellastro tredicenne, Giovanni, fin troppo adulto per la sua età.

Senza alcuna intenzione di prendersene cura, Stefano parte per Roma e ne accetta la tutela solo per ricevere in cambio un generoso lascito.

Profondamente diversi, i due intraprendono un viaggio in macchina che, fra diffidenze iniziali e improvvise complicità, si colora a ogni tappa.

L’incontro con la cantante Simona (Simona Molinari), in tour con sua figlia, sarà la svolta nel rapporto tra Stefano e Giovanni che, strada facendo, scopriranno quanto essere fratelli possa essere sorprendente, proprio come un arcobaleno a due volte sovrapposte.

Con largo anticipo, da qualche giorno in rete si può già visionare il trailer del film che mette in luce un plot condensato di emozioni e riflessioni sulle stagioni della vita, con i suoi imprevisti che cambiano gli schemi mentali che ognuno di noi ha e le contraddizioni che ci portiamo nel corso della nostra vita.

Bravi anzi bravissimi gli attori protagonisti che interpretano con sagacia il ruolo affidatogli dall’ex leader del PCI Walter Veltroni che questa volta è andato dietro la macchina da presa sì come regista ma per un film vero e proprio.

Il suo ultimo lavoro era stato per il documentario Indizi di Felicità del 2017 e altri due documentari ben riusciti: I bambini sanno e Quando c’era Berlinguer rispettivamente 2015 e 2014.

C’è Tempo si preannuncia come un film colorato; l’estate e le canzoni fanno da corollario a quelle scene che rimarranno impresse nello spettatore.

Non ci resta che attendere il sette marzo… C’è Tempo

Armando Biccari

Mi chiamo Armando Biccari ho origini pugliesi sono un giornalista ho lavorato e lavoro lavoro per diverse Testate giornalistiche online e Carta Stampata, e Radio TV ho vissuto in diverse città Italiane Genova, Venezia, Prato Macerata. Tra le mie passioni ci sono oltre al Cinema la comunicazione musicale Sociologia dei New Media Audiovisivi Televisione, e la comunicazione scientifica e tutto il resto...