Tina Cipollari contro i suoi accusatori: “Sono davvero stanca!”

Il Grande Fratello 16 sembra non averne proprio abbastanza delle polemiche, sia dentro che fuori la casa. Nel corso delle ultime settimane, infatti, sono stati diversi i dibattiti che hanno scaldato i salotti televisivi e protagonisti dei più recenti scontri sono stati Simone Di Matteo, Tina Cipollari e Roger Garth.

All’interno della puntata del GF andata in onda lunedì 6 maggio, sono state affrontate diverse tematiche, alcune delle quali legate in particolar modo a Kikò Nalli, ex marito della bionda opinionista di Uomini&Donne.

Barbara d’Urso, infatti, ha mostrato all’hair-stylist i commenti a caldo di uno dei suoi figli in merito alla sua nuova love story nata tra le mura di Cinecittà, dai quali traspariva come non apprezzasse la nascente relazione tra il padre e l’ex-inquilina della casa, la professoressa Ambra Lombardo. Il giorno successivo, durante la diretta di Pomeriggio 5, il modello Roger Garth, ospite abituale nello studio di Cologno Monzese, è intervenuto per commentare l’accaduto. L’opinionista ha pubblicamente ritenuto che quei messaggi negativi contro Ambra, giudicata falsa e alla ricerca di visibilità, fossero stati supportati dalla vamp, la quale avrebbe avuto modo di manipolare ed influenzare il pensiero del ragazzo.

In seguito a tali affermazioni, L’Irriverente Simone Di Matteo, all’interno della sua rubrica, ha apertamente preso le difese della Cipollari, sua intima amica, attaccando duramente il giovane stilista: “Roger Garth, così restio a rivelare informazioni riguardanti la sua vita privata, e provata, ma oltremodo avvezzo in televisione a divulgare ad ogni costo, e senza ovvie ragioni, i fatti degli altri. Stranamente quelli non gli sfuggono mai, per non parlare di ciò che spesso e volentieri inventa a discapito di chiunque!  Con quale diritto e a che titolo parla di Tina Cipollari, giudicando male una donna che non conosce minimamente l’esistenza di chi esclusivamente spera ciò che non realizzerà mai?! Affermare pubblicamente, a Pomeriggio 5 davanti a milioni di telespettatori, che una madre possa manipolare il proprio figlio, oltretutto minorenne, aizzandolo contro il padre, nonché suo ex marito, in riferimento ad una storia appena nata e, a quanto pare, già finita, lo trovo ridicolo e disgustoso, come trovo nauseante e imbarazzante lui, da querela!!! Mi auguro vivamente possa redimersi e chiedere scusa, e magari, chissà, trovare un lavoro. Diffamare è reato”.

La pronta risposta di Garth non poteva farsi attendere e tramite una Instagram Story direttamente dal suo account scrive: “Dire che una persona si inventa le cose va dimostrato altrimenti si chiama diffamazione”, lasciando così spazio a diversi interrogativi ancora senza risposta.

L’unica cosa ad essere certa è il putiferio mediatico che ne sta scaturendo. Da Gossip Blog a FidelityNews, diverse testate giornalistiche hanno riportato la notizia e i fan del modello si sono scagliati contro l’ex-viaggiatore di Pechino Express, tacciandolo di essere esclusivamente alla ricerca di visibilità.

La vamp, tuttavia, stanca delle critiche e delle varie speculazioni che hanno colpito sia lei che la sua famiglia, è andata letteralmente su tutte le furie e ha deciso di rompere il silenzio, rilasciando una lunga dichiarazione ufficiale sui suoi profili Tina Cipollari Original e Le Perle di Tina e rigettando qualunque tipo di accusa potesse essere rivolta a lei e all’amico fraterno Di Matteo: “Quando si lavora in televisione, si è inevitabilmente esposti al giudizio di chi ci segue. Positive o negative che siano, le critiche sono sempre accette, purché queste siano costruttive e non diffamatorie o offensive. Alle volte, poi, c’è chi finisce per esagerare e di questo SONO DAVVERO STANCA. Sentir parlare di manipolazione accostata al mio nome mi fa accapponare la pelle. “Manipolare un figlio” – continua – significa raggirarlo, controllarlo, ancor peggio usarlo per i propri scopi personali. È una cosa orribile, non avrei mai il coraggio di poterlo fare. Sono le mie creature, a loro va tutto il mio AMORE, non sono dei burattini ”emotivi” che utilizzo a mio piacimento, al contrario di quanto alcuni possano pensare. Il peso delle responsabilità di un genitore non dovrebbe mai gravare su di un figlio, e così è, per quel che mi riguarda”.

Ma non finisce qui:” NON PERMETTO A NESSUNO, né al primo di un’ipotetica classe quanto meno all’ultimo di tanti prezzemolini televisivi, di infierire, giudicare o sindacare sulla mia vita privata, la mia famiglia e il mio essere madre, al di là del mio ruolo in tv. NON CONSENTO che si utilizzi la mia stabilità per dar adito a spregevoli pettegolezzi, ancor meno se questi vengono poi diffusi da persone di cui non conoscevo minimamente l’esistenza e che non hanno alcun diritto di poter proferire parola sulla mia sfera privata e sentimentale. I miei tre figli sono tutti in grado di intendere e di volere, e non sono poi così diversi da qualunque altro bambino della loro età che guarda la televisione o possiede un profilo su un qualsiasi social network.

“IO NON POSSO E NON INTENDO” – tuona furibonda – “negar loro l’unica possibilità che hanno adesso di poter vedere il padre, ossia quella di seguirlo all’interno del Grande Fratello 16, e non posso di certo evitare una qualsiasi loro reazione alla vista di un atteggiamento o comportamento del loro papà, giusto o sbagliato che possa essere ritenuto, perché tutto ciò non dipende da me. NON APPREZZO ASSOLUTAMENTE la superficialità con la quale taluni sentenziano la vita di altri, per di più, davanti a milioni di telespettatori, e trovo a dir poco vergognoso SPACCIARE UNA MENZOGNA PER UN’ASSOLUTA VERITÀ. Così come NON ACCETTO che SIMONE DI MATTEO venga accusato di difendermi per ottenere visibilità. Vi assicuro che non ne ha assolutamente bisogno. Possiede tutte le capacità necessarie per poter brillare di luce propria. La sua rubrica L’Irriverente è geniale, lettissima e ricercatissima. Chiunque lo additi di esser disposto a tutto pur di apparire, evidentemente sta descrivendo solo se stesso!”

Esprimere un pensiero è lecito, al contrario, diffamare è tutta un’altra storia. Quali saranno i provvedimenti della vulcanica vamp nei confronti dei suoi calunniatori?!  

Diego Lanuto

Studente di 'Lingue, Culture, Letterature e Traduzione' presso l'Università di Roma 'La Sapienza'. Appassionato di danza, lettura, spettacolo e tanto altro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *