COME RESPIRI: Un brano intimo, sofferto per questo nuovo singolo di Marco Profeta

Come respiri è un brano musicalmente distante dalle ballate alle quali ci ha abituato Marco Profeta. L’arrangiamento moderno ed il ritmo potrebbero suscitare una vena fresca ed allegra, ma il testo è quasi un ossimoro, intimo, sofferto.

Marco apre le porte del proprio passato, della propria infanzia e delle sofferenze che, da bambino , gli sembravano così grandi rispetto a lui da ritenerle insormontabili.

Parla di se, lo dice sin dalla prima battuta e non teme di mostrarsi con le sue fragilità che, oggi, lo rendono la persona che è.

Riportiamo le sue parole scritte su FaceBook

Nel proprio percorso di vita ognuno di noi incontra chi non capisce e non accetta il nostro sentire, il nostro essere e, magari non volendo, giudica.

Le definisco le persone “ostacolo”.

Questo ci fa soffrire tanto da non sapere neanche più come respirare… Siamo fragili ed inermi davanti a questi “giganti emotivi”. Finché non abbiamo il coraggio di parlare. Non per forza con loro, ma CON NOI STESSI, in un modo nuovo, inedito. Nudi davanti alla nostra fragilità ed alla nostra verità. Solo così scopriamo che quei momenti ci hanno formato, fortificato e reso quelli che siamo oggi. Nel male, ma anche nel bene.

Nel mio piccolo, quelle persone “ostacolo”, oggi, sono in grado di amarle.

 

Christian De Fazio

CEO & Editore di M SOCIAL MAGAZINE, Autore Televisivo, Attore, Mistery Shopper e molto altro... Appassionato di Musica, Televisione, Cinema e Viaggi, alla ricerca sempre di nuovi stimoli.