Biografilm Festival 2019, la 15′ edizione della Kermesse torna con le grandi storie

Torna a Bologna da venerdì 7 a lunedì 17 giugno ilBiografilm Festival – International Celebration of Lives, l’evento culturale organizzato in collaborazione con il Gruppo Unipol e il Gruppo Hera, che porta sul grande schermo le grandi storie biografiche, i documentari e le produzioni cinematografiche di fiction.

«Un Festival ormai affermato sul piano nazionale e internazionale. Una delle punte di diamanta della promozione della cultura cinematografica nella regione Emilia Romagna» ha affermato Massimo Mezzetti, Assessore alla cultura, politiche giovanili e politiche per la legalità della regione Emilia Romagna.

Madrina di quest’edizione, la splendida Doria Tillier, rivelazione del cinema francese che sarà al Festival in Yves (Tutti pazzi per Yves).

Tra gli altri grandi ospiti ci sono Christo, l’artista contemporaneo autore di The floating pears, la maxi installazione sul Lago d’Iseo e protagonista del documentario Christo – Walking on Water e Asif Kapadia, già premio Oscar per Amy, che presenterà Diego Maradona, uno dei documentari più attesi dell’anno, un’eterna leggenda sportiva che fa il paio con un’altra icona dello sport raccontata nel documentario What’s my name – Muhammad Ali di Anton Fuqua.

Al Biografilm Festival sarà poi dedicata un’ampia sezione alla fiction, concentrando l’attenzione in modo particolare sulla produzione francese con il Focus Francia, in collaborazione con UniFrance.

Tra i film troviamo Première vacances di Patrick Cassir, Mon bébé di Lisa Azuelos, il film d’apertura del festival Celle que vous croyez di Safy Nebbou, Yves di Benoît Forgeard, Deux fils di Félix Moati.

Per quanto riguarda i titoli provenienti da altri paesi, troveremo Divino amor di Gabriel Mascaro, Monos di Alejandro Landes e Family Romance, LLC, il secondo film di Warner Herzog presentato al festival.

In occasione dell’Omaggio Fandango arriveranno a Bologna tutti i grandi registi della nota casa di produzione: Sidney Sibilia, Giovanni Veronesi, Daniele Vicari e Antonello Grimaldi.

La grande notizia è che ci sarà anche Luciano Ligabue a introdurre la proiezione di Radio Freccia, il film che ha diretto nel 1998.

Assieme all’omaggio a Fandango, Biografilm premierà il suo fondatore nonché grande regista e fine scopritore di talenti, Domenico Procacci con il Celebration of Lives Awards.

È il premio che il Festival assegna ai grandi autori dell’era moderna che hanno lasciato un segno indelebile nella nostra storia recente con le loro narrazioni.

A rappresentare la grande forza del documentario, insita proprio nella peculiarità di saper rendere molto sfumati i contorni con la narrativa, ci saranno due film del maestro Werner Herzog presente con Family Romance, LLC, un film fiction e Meeting Gorbachev, un’intervista all’ex Presidente dell’Unione Sovietica che, in sinergia con la Fondazione Cineteca, sarà proiettato sul grande schermo di Piazza Maggiore.

Tra gli omaggi poi troviamo anche uno spazio dedicato al Sundance Film Festival, da sempre grande appuntamento per il cinema indipendente e esempio di qualità che il Biografilm Festival tenta di seguire, ma anche uno che vedrà protagonista la regista Costanza Quatriglio, tra le voci più interessanti del cinema documentario italiano contemporaneo, vincitrice del Nastro d’Argento nel 2013 per Terramatta e nel 2015 per Triangle. Per l’occasione verranno proiettati alcuni suoi film.

Armando Biccari

Mi chiamo Armando Biccari ho origini pugliesi sono un giornalista ho lavorato e lavoro lavoro per diverse Testate giornalistiche online e Carta Stampata, e Radio TV ho vissuto in diverse città Italiane Genova, Venezia, Prato Macerata. Tra le mie passioni ci sono oltre al Cinema la comunicazione musicale Sociologia dei New Media Audiovisivi Televisione, e la comunicazione scientifica e tutto il resto...