“Butch Cassidy, diretto cinquant’anni fa da George Roy Hill” aprirà la 55′ edizione del Pesaro Film Festival 2019

Si terrà dal 15 al 22 giugno 2019 la 55esima edizione della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema a Pesaro, proponendo uno sguardo al nuovo cinema di avanguardia.

L’intento della Mostra è quello di gettare lo sguardo nella produzione cinematografica mondiale attraverso una ricerca d’avanguardia, e con la precisa volontà di rispettare le opere, come dichiara il direttore artistico Pedro Armocida, facendo attenzione a lavorare ancora con la pellicola, 35mm, 16mm e Super8.

Fondamentale la partecipazione degli studenti dell’Università degli Studi di Urbino, che hanno fatto della cinematografia mondiale materia di studio e che troviamo nella giuria insieme a quella professionale composta da Olimpia Carlisi, Amir Naderi e Andrea Sartoretti.

Complimenti ai ragazzi del biennio di Perfezionamento di Disegno Animato della Scuola del Libro di Urbino, che hanno realizzato la sigla, un bellissimo video-fumetto tratto da immagini di film che il Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale ha deciso di presentare al Festival abbinato alla retrospettiva dedicata ai “film di genere” del cinema italiano (Leone, Risi, Lizzani e molti altri).

Numerose e varie le rassegne presenti: “Satellite” visioni per il cinema futuro, ”Personale di Lee Anne Schmitt” in cui l’autrice americana presenterà tutti i suoi film girati in 16mm, “Fuori Orario” Rai3 e “Stracult”Rai2, “Focus Cinema Spagnolo” in collaborazione con l’Istituto Cervantes di Roma”, “10 anni di Cinema russo: sguardi femminili”, “Femminismi: lezioni di storia dal ’68 al ’78 di Federico Rossin”, “Rassegna Super8 del regista argentino Claudio Caldini”, “Corti in Mostra”, “ Il Muro del Suono”,  una rassegna non competitiva riservata alle più recenti opere inventive ed emozionanti realizzate da autori italiani di cinema d’animazione. Corti in Mostra propone diversi film brevi e talvolta folgoranti, realizzati da autori giovani, poco più che ventenni, provenienti da scuole e corsi di cinema che dedicano particolare attenzione all’animazione, e da registi più maturi, già noti e apprezzati, con una Personale di Roberto Catani. Il muro del suono cinque serate a mezzanotte a Palazzo Gradari tra musica e immagini proiettate sul muro con sonorizzazioni e performance uniche in anteprima per la Mostra del cinema. “Concorso Ri-Montaggi: il cinema attraverso le immagini”, “Re-Framing Home Movies” e per concludere il “Premio Lino Miccichè”, sezioni omaggi alla carriera (Bernardo Bertolucci e Barbara Hammer) e le “Proiezioni Speciali” con quattro film in anteprima mondiale.

Altro anniversario è quello dei 30 anni di Fuori Orario che verrà ricordato in piazza sabato 22 giugno una maratona notturna di “cose (mai) viste” (con De Bernardi, Bressane, Straub, Iosseliani, Naderi) e un incontro, venerdì 21, con tutti gli attuali autori del programma.

Armando Biccari

Mi chiamo Armando Biccari ho origini pugliesi sono un giornalista ho lavorato e lavoro lavoro per diverse Testate giornalistiche online e Carta Stampata, e Radio TV ho vissuto in diverse città Italiane Genova, Venezia, Prato Macerata. Tra le mie passioni ci sono oltre al Cinema la comunicazione musicale Sociologia dei New Media Audiovisivi Televisione, e la comunicazione scientifica e tutto il resto...