Roberto Benigni torna al cinema con PINOCCHIO diretto da Garrone dal 25 DICEMBRE! Ma nei panni di Geppetto!

Era dal 2002 che non usciva nelle sale italiane un film su pinocchio e proprio in quel film che vediamo Roberto Benigni nei panni del Burattino, ma nella versione della favola diretta da Matteo Garrone i ruoli si invertiranno. Infatti Benigni tornato sul grande schermo interpreterà Geppetto il padre di Pinocchio.

Le riprese del film sono iniziate i primi mesi del 2019 tra Lazio, Toscana e Puglia, il film è un co-produzione italo-francese tra Archimede con Rai Cinemae Le Pacte.

Della scelta di Benigni, ha parlato l’amministratore delegato di Rai Cinema Paolo Del Barocco che ha detto: ”La scelta di Roberto Benigni ci sembra uno dei colpi di genio.”

È un progetto che inseguo da tanti anni, ho scritto il primo storyboard quando ne avevo sei”, ha spiegato Matteo Garrone per il lancio del trailer di Pinocchio a Cinè, le Giornate di cinema di Riccione. “Nasce come racconto per bambini ma si rivolge anche ai grandi. E abbiamo cercato di fare un film che arrivasse a tutti”.

Il film che arriverà nelle sale il 25 dicembre. “Non c’è un binomio più meraviglioso: Natale e Pinocchio, sembra fatto apposta no?”, ha commentato Roberto Benigni. Il vero scoop è questo: per la prima volta Garrone, il regista dell’Imbalsamatore, di Gomorra, di Dogman fa un film con un lieto fine! Sei sicuro, Matteo? Non è che arriva la fata Turchina e le viene un infarto? Oppure fa una strage? Mettici qualcosa perché sennò non ti riconoscono più, ha scherzato Benigni.

Nel teaser vediamo anche Gigi Proietti nei panni di Mangiafuoco, Massimo Ceccherini e Rocco Papaleo in quelli de Il Gatto e la Volpe, Marcello Fonte interpreterà il Pappagallo, Alessio Di Domenicantonio Lucignolo, Davide Marotta il Grillo parlante, Paolo Graziosi Mastro Ciliegia ed Enzo Vetrano Faina.

Luigi Villella

Nato in Calabria il 14 Marzo 1995. Grafico pubblicitario, con la passione per la scrittura, il cinema e la Musica e tutto ciò che è Arte. Membro della Famiglia M SOCIAL MAGAZINE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *