Mario Venuti presenta CasaCasa LIVE SESSION: “Entrate a casa mia, qui si fa musica” | INTERVISTA

“Entrate a casa mia, qui si fa musica”

Cosi il cantautore siciliano Mario Venuti, invita e accoglie (se pur virtualmente), il pubblico, ad ascoltare il suo nuovo progetto musicale nato poco prima della quarantena da Covid-19

“CasaCasa Live Session” (cosi denominato il nuovo progetto), è una raccolta casalinga, registrata live direttamente da salotto di casa del cantautore. Una session, che racchiude in se i brani più famosi dell’artista.

“La diminuzione delle occasioni sociali dal Covid-19”, ci spiega cosi il cantautore, “Riporta la casa come palcoscenico ideale. Entrate a casa mia, qui si fa musica.”

Un progetto nato quindi per rimediare al bisogno di vicinanza emotiva e di contatto (anche se virtuale),con il pubblico, in un periodo storico difficile per tutti.

A tal proposito, noi di M Social Magazine, abbiamo raggiunto telefonicamente Mario Venuti, per farci raccontare a noi, e a voi lettori di questo nuovo progetto. Con l’occasione abbiamo fatto anche un tuffo nel passato (artistico e non) del cantautore. Ecco a voi la nostra chiacchierata.

CasaCasa Live Session, un palcoscenico a portata di salotto

“Il caso ha voluto che non appena siano finite le registrazioni, sia scattata la quarantena per tutti noi. Cosi ho voluto immortalare alcune versioni dei miei brani che avevamo suonato la scorsa estate dal vivo e ho pensato di organizzare una session a casa, con i miei musicisti. In qualche modo, spero sia servito anche a distrarre chi mi ha seguito.”

Tanti i concerti e le attività live sospese. CasaCasa Live Session, fa fronte a questa mancanza?

“Con i live e le attività sospese, ho fatto diventare casa mia un palcoscenico, cercando cosi di sopperire alla mancanza. Tutto ciò ora è disponibile sia in video che audio, raccolto in un mini album pubblicato sulle piattaforme digitali.”

Torniamo indietro con la memoria. Quando ha capito che poteva e voleva vivere di musica?

“Si comincia per passione, quando poi vedi che c’è la possibilità di farlo diventare una professione, la cavalchi con gioia”

Attraverso quali mezzi scoprì questo talento artistico?

“Ho sempre avuto un talento artistico, infatti disegnavo e frequentavo l’Istituto d’arte. Diciamo che le discipline si somigliano un po’ tutte, ma verso i 14 anni, ho scopertro che era la musica la mia vera passione, e quindi ho trasformato, le mie aspirazioni artistiche dal disegno alla musica.”

Facciamo un gioco. In un mondo parallelo dove nessuno conosce l’artista Mario Venuti(amato e apprezzato da tutti), come si descriverebbe?

“(Sorride, poi ironicamente risponde)…un ragazzo(e lo dico fra virgolette), che ha un certo non so chè…(conclude sorridendo)”

Parliamo della sua terra, la Sicilia. Quanto è stata importante per lei nella sua crescita personale e professionale?

“Importante anche se in maniera indiretta. A me non piace molto il folclore, è troppo da cartolina. Ho sempre avuto una visione del mondo cosmopolita, guardando al mondo però da qui. Quindi il luogo in cui sono e il mondo che guardo, sono due aspetti che vanno necessariamente uniti.”

La Sicilia,come tutte le regioni italiane, pian piano ripartirà da questo Covid-19, guardando al futuro, nonostante i problemi attuali. Quindi le chiedo: “Come sarà la ripartenza di Mario Venuti, pensando al suo di futuro?

“Sicuramente non dimenticherò mai il silenzio poetico che c’era nelle nostre città. Sensazioni che porto nel cuore soprattutto ripensando a quei pomeriggi di solitudine e di silenzio. Per il futuro sto lavorando a un mio progetto discografico, nato da pochi giorni, ma che affronterò con calma, ci sto ancora lavorando ma senza fretta. Ciò che ora spero è di ritornare presto a suonare live.”

Il sito ufficiale di Mario Venuti è www.mariovenuti.com

Rosa Spampanato

Rosa Spampanato anni 35. Amante della scrittura. Collaboratrice per diversi Magazine Online nella sezione spettacolo: Cinema, Musica, Teatro e TV.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *