Marco Adelfio in arte Marphil, un ragazzo che farà strada! Da un talent in Spagna alle dirette con Rudy Zerbi | INTERVISTA

Marco è un ragazzo con le idee ben chiare, la musica è ciò che lo fa star bene ed è una strada che vuole perseguire…

…l’ho conosciuto tramite le dirette instagram, mi ha colpito, ho ascoltato dei suoi pezzi e ora ve lo voglio far conoscere, ne sentirete parlare!!

Ciao Marco o preferisci che ti chiami Marphil? E visto che ci siamo…Marphil da dove arriva?

Ciao, Marco o Marphil è indifferente! Possiamo procedere come preferisci. 🙂

Marphil nasce dalla semplice fusione del mio nome e cognome, anche un po’ per gioco. Non è nulla di particolarmente elaborato o ricercato.

Hai 23 anni, sei di Palermo e hai una voce strepitosa, insomma per fortuna che ti abbiamo scoperto, o meglio che i social in questo caso sono serviti per farci conoscere…quando hai iniziato a cantare e quanto la musica ti ha aiutato a crescere?

Ti ringrazio tanto per i complimenti!
Posso dire che tutto è cominciato da quando ero bambino, mi è sempre piaciuto cantare anche perchè in famiglia si è sempre ascoltata tanta musica. 
Inizialmente lo vedevo più come uno svago e anche uno sfogo, non avrei mai potuto pensare di poter avere l’occasione di farlo diventare il mio lavoro.

Dopo un po’ di anni mi ha notato un producer che si era unito alla nostra comitiva di amici e da lì ho cominciato ad intraprendere questo percorso nel mondo della musica passo dopo passo.

Sembra quasi scontato, ma la musica e le diverse influenze subite all’interno di essa hanno plasmato molto il mio carattere e mi hanno dato modo di crescere sia dal punto di vista umano che d’artista.

Hai un passato turbolento ma questo ti ha rafforzato sicuramente sia dal punto di vista umano che d’artista, se dovessi pensare ad una persona o un avvenimento a cui dire grazie quale sarebbe?

Nella mia vita ho avuto diversi periodi difficili, momenti in cui ho perso l’equilibrio e la serenità. Ero combattuto sulle scelte da prendere nella mia vita, e in seguito anche a dei problemi familiari, mi sono ritrovato in una condizione poco stabile e disorientato. Il passato di ognuno di noi è diverso, e proprio per questo merita rispetto e comprensione qualsiasi esso sia.
Devo riconoscere che proprio grazie a questi periodi turbolenti e soprattutto grazie al supporto costante della mia famiglia, anche nei momenti in cui non eravamo vicini, è cominciato un processo di evoluzione che non mi pentirò mai di avere iniziato. 


La svolta c’è stata in Spagna quando hai partecipato ad un talent in cui sei arrivato in finale…com’è stata quell’esperienza e cosa ti porti dentro da quel mese e mezzo passato li?

Nel mio momento più buio è arrivata l’occasione di partecipare ad un talent in Spagna, e quella è stata la mia vera e propria rinascita sotto ogni aspetto. 

Ho avuto l’onore di lavorare con persone importanti come il vocal coach di Beyoncé, la vocalist di Rihanna, Pharrell, Alicia Keys, il primo ballerino scelto da Michael Jackson nel suo ultimo tour “This Is It”, e altri. 
Ogni persona all’interno di quella realtà, in modo particolare il mio coach, ha contribuito e mi ha realmente aiutato a riprendere la mia vita in mano e a guardare tutto da un’altra prospettiva. Da lì le cose sono andate solo a migliorare. La definisco la mia “changing-life experience”.

Hai iniziato a scrivere in inglese ma ora hai qualche pezzo anche in Italiano che stai preparando, quando scrivi pensi in Italiano o in Inglese?

Ho iniziato a scrivere in inglese e devo ammettere che non mi sarei mai aspettato di raggiungere i traguardi che ho raggiunto oggi.
Da un anno ad oggi, ho totalizzato quasi 2.000.000 streams su Spotify con quasi 300.000 ascoltatori mensili.

Un anno fa avevo solo 250.000 streams e questo mi fa pensare a quanto l’impegno e la dedizione che mettiamo nelle cose possa ripagare ognuno di noi col tempo.
Recentemente ho cominciato il mio primo progetto in italiano e spero possa avere un bel riscontro una volta rilasciato. 

E’ ancora in fase di lavorazione, mi sto dedicando a questo progetto giorno e notte perchè ci credo veramente tanto, non vedo l’ora di farvi ascoltare qualcosa.
E’ un po’ curioso e anche divertente spiegarti come nascono le idee in italiano:
essendo abituato a scrivere e a creare topline e testi in inglese comincio quasi sempre buttando giù una bozza in inglese, da lì poi tutto viene trasformato in italiano. 
E’ una cosa molto relativa perchè le idee e l’ispirazione durano un attimo e molto spesso mi ritrovo a cantare un ritornello sia in italiano che in inglese. Ecco perchè nei miei testi saranno presenti diversi riferimenti e parole in inglese.


Mi hai raccontato che hai provato ad entrare a XFactor e Amici alcuni anni fa e sei arrivato ad un passo per farcela…credi di essere pronto ora?

Ho provato Xfactor e Amici già diverse volte.
Due anni fa sono quasi arrivato ai Bootcamp di Xfactor dopo aver preso quattro si davanti ai giudici ma sfortunatamente dopo non ci sono arrivato. 

L’anno scorso, la redazione di Amici mi ha chiamato cinque volte per fare un’audizione ma sfortunatamente per diversi motivi non sono più riuscito ad andare a Roma. 
Adesso mi sento molto più maturo e pronto, incrocio le dita.

Personalmente ti ho conosciuto grazie alle dirette che hai fatto in questo periodo di quarantena con Rudy Zerbi, inizialmente è stato casuale immagino ma poi…

Non posso negare che ho ricevuto molte più attenzioni in questo periodo di quarantena specialmente grazie a Rudy Zerbi.
Mi ha coinvolto diverse volte nelle sue live ed essere apprezzato molto da lui mi ha dato una carica incredibile.

Inoltre ho avuto il piacere di prendere parte alla realizzazione del progetto della cover “Il mio canto libero” di Lucio Battisti insieme ad altri ragazzi bravissimi.
E’ stata una bellissima esperienza che ha unito la passione per la musica al bisogno comune di tornare alla normalità dato il periodo difficile che tutti stiamo affrontando in Italia.

A Rudy devo un ringraziamento speciale. 

Ci sarebbero moltissime altre cose da chiederti e sicuramente ci sarà modo di farlo perché non ti perdo di vista!

Grazie per il tempo che ci hai dedicato e a presto sulle pagine di M Social Magazine…

https://www.instagram.com/p/B-rVqDsqVtV/?igshid=iw8q4pzu0q7s

Christian De Fazio

CEO & Editore di M SOCIAL MAGAZINE, Autore Televisivo, Attore, Mistery Shopper e molto altro... Appassionato di Musica, Televisione, Cinema e Viaggi, alla ricerca sempre di nuovi stimoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *