Lucia Bramieri non ci sta! Dopo le dichiarazioni a “LIVE NON È LA D’URSO” sbotta! “Fatemi parlare, perché io non ci sto a sentire queste assurdità”

“Io non posso tacere. Fatemi parlare, perché io non ci sto a sentire queste assurdità”


Queste le parole di Lucia Bramieri (nuora dell’attore e cantante Gino Bramieri), riferite ad un’affermazione di Paola Caruso fatta ieri 7 Maggio 2020 durante la diretta dello show in prima serata di Barbara D’Urso a LIVE NON È LA D’URSO.

Ma ricostruiamo i fatti e cerchiamo di capire come sono andate realmente le cose.

Il servizio andato in onda ieri intitolato: “Da Lory del Santo a Paola Caruso: i vip si lamentano per la crisi”, raccontava come gli artisti italiani sono preoccupati del fermo obbligatorio per tutti gli eventi estivi.

Le conseguenze del Coronavirus”, continuava poi il servizio, “Travolgono anche i personaggi famosi. Albano dichiara di essere preoccupato per i suoi risparmi, Lory Del Santo, Carmen Russo anche loro preoccupati per il fermo, tanto che Carmen ha dovuto chiudere la scuola di danza. Tra loro anche Paolo Caruso dichiara: “Di noi artisti non se ne preoccupa nessuno. Sono preoccupata per mio figlio e per il mio futuro lavorativo”. Lamentele legittime? Se lo chiedono in molti
A chiederselo è anche la Signora Bramieri, che a tal proposito non ha potuto e non ha voluto tacere di fronte a tali affermazioni. Cosi ha deciso di contattare la redazione di M Social Magazine per esprimere il proprio pensiero in merito. Noi del Giornale abbiamo cosi accolto il suo sfogo.

Benvenuta tra le pagine di M Social Magazine. Durante il servizio andato in onda ieri 7 Giugno 2020 a LIVE NON È LA D’URSO sulle problematiche degli artisti e dei loro eventi messi in pausa a causa del Covid-19, lei non ha potuto tacere a un’affermazione della Signora Paola Caruso.
“Mentre guardavo il programma di Barbara d’Urso, ho sentito Paola Caruso lamentarsi (insieme ad altri artisti in fermo a causa del Covid), di lavorare poco e di essere preoccupata per se e per suo figlio. Quello che io mi chiedo e che chiedo anche a voi: “Se un genitore deve mantenere i propri figli, perché non va a lavorare?” che cosa fa questa Caruso, io non lo so sinceramente.”


Quindi lei sostiene che se un personaggio pubblico, si trovi in difficoltà economiche, a causa degli eventi, non deve aspettare l’ospitata in tv ma darsi da fare e rimboccarsi le maniche?
“Certo, perché non esiste solo la televisione o il gossippare”

Mi scusi, ma anche lei è spesso ospite nel salotto della Signora D’Urso.
“Certo e sono contenta di esserci e di commentare o gossippare ogni volta che vengo invitata, ma non per questo mi reputo un’artista, perché non lo sono. Sono un personaggio pubblico, ma il mio lavoro non è questo e non posso e non voglio paragonarmi ad artisti che vivono della loro arte. Vi prego non confondiamo gli artisti con i personaggi pubblici.”

Ovviamente il suo sfogo non è diretto principalmente alla Signora Caruso.
“Ma certo che no, io non ho nulla contro la Caruso, ma non per questo dobbiamo associarla ad una grande artista. Il mio è un discorso univoco che abbraccia tutti uomini e donne indifferentemente, ed è importante stare attenti a cosa si dice soprattutto in questo periodo difficile in cui l’economia sta mettendo in ginocchio padi di famiglia, che con solo mille euro al mese cercano di mandare avanti una famiglia. E loro, questi padri, cosa devono dire?”

Il 18 Giugno corrente mese, sarà l’anniversario di Gino Bramieri, artista a 360°.
“Bramieri, Albano, e tanti altri, sono i veri artisti con la “A” maiuscola, e non possiamo confonderli con i personaggi pubblici, come posso esserlo io o qualcun altro. Spero che qualcuno ricorderà quanto è stato importante per la televisione italiana Gino. E siccome lui oggi non è qui, mi faccio portavoce io di questa richiesta. Ho il dono della parola? E allora faccio sentire la mia voce”

Nelle sue parole, si legge un velo di amarezza. Amarezza per il mancato ricordo di Gino o per altro?

“Se non lo ricordo io (attraverso post personali), nessuno lo ricorda Gino, nonostante lui fosse un grande artista. Io spero e lo ripeto, che qualcuno se ne ricordi, e se cosi non fosse, non resterò in silenzio!

Rosa Spampanato

Rosa Spampanato anni 35. Amante della scrittura. Collaboratrice per diversi Magazine Online nella sezione spettacolo: Cinema, Musica, Teatro e TV.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *