Fusilli con crema di finocchi e castagne bollite | Vegan | Filippo Prime

Qualcuno ha detto castagne? Eh si ragazzi, finalmente sono tornate! Ingrediente molto presente in tantissimi piatti autunnali sia dolci che salati, ma … le avete mai assaggiate bollite? Io solitamente preparo le caldarroste perché adoro il profumo che rimane in tutta la casa però bisogna ammettere che le castagne bollite sono molto più indicate per certe ricette come quella che oggi vi propongo.

INGREDIENTI (per 2 porzioni)

  • 220gr fusilli bucati
  • 400gr finocchi
  • 300gr castagne
  • 100gr panna di soia
  • 1/2 scalogno
  • 100ml vino bianco
  • 2 foglie alloro
  • Sale fino qb
  • Olio evo qb
  • Pepe nero in polvere qb
  • Prezzemolo fresco qb

PROCEDIMENTO

Lavate accuratamente le castagne e incidetele, con un piccolo taglietto, sul lato bombato. Trasferitele in una casseruola con abbastanza acqua da coprirle di qualche centimetro, un pizzico di sale e le foglie di alloro.

Coprite la casseruola e fate cuocere per 30 minuti da quando l’acqua inizia a bollire. Nel frattempo lessate i finocchi dopo averli mondati e tagliati a spicchi e fate soffriggere lo scalogno tritato finemente in una padella antiaderente con un filo d’olio.

Sfumate lo scalogno con il vino bianco quindi aggiungete nella padella anche i finocchi lessati. Salate, pepate a piacere e lasciate cuocere a fuoco medio per qualche minuto fino a quando il vino sarà completamente evaporato.

Frullate i finocchi assieme alla panna e a qualche ciuffetto di prezzemolo fresco. Scolate le castagne appena sono cotte e sbucciatele ancora calde. Tagliatele a pezzetti e unitele alla salsa di finocchi.

Utilizzate questa crema per condire la vostra pasta. Io ho usato i fusilli ma qualsiasi tipo di pasta corta può andar bene. Impiattate decorando con qualche barba di finocchio.

Filippo Prime - VeganQuantoBasta

Chef Vegano per passione e per lavoro. Propongo ricette che hanno come filo conduttore il gusto, la tradizione e la semplicità. Seguitemi su Instagram @vegan.qb e su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *