NITRO – No Comment

Dopo un’attesa durata tre anni dall’uscita di ‘Suicidol’, album che oltre a essere stato certificato oro dalla FIMI, ha collezionato decine di milioni di views con i rispettivi video dei singoli, è finalmente uscito ‘No comment’ (Sony Music), nuova fatica discografica del giovane rapper Nitro.

L’artista della Machete crew segna con questo cd l’ennesima conferma della sua scioltezza nell’uso della lingua italiana, del linguaggio rap e nella padronanza della metrica, su vari stili appartenenti alla famiglia hip hop.

Tredici i brani: due tracce ‘Buio Omega’ e ‘Infamity Show’ sono state prodotte da Salmo, mentre i brani Chairaggione’ e ‘Ho fatto bene’ affidati al giovanissimo talento tha Supreme e da Zef e Denny The Cool.

Oltre a Salmo anche altri prestigiosi featuring, ovvero Madman, Dani Faiv e Lazza.

Grande cura per i tuoi testi ma l’album è senza booklet! Come mai?

«Vuoi la verità? Scrivo strofe troppo lunghe! Credo però che nel 2018 non sia indispensabile riportarli in un libretto perché sono ormai tantissimi i siti che si occupano di questo, alcuni per ogni verso delle canzoni, arrivano persino ad inserire una serie di annotazioni. Non trovo sia più un elemento essenziale anche perché, nonostante la velocità delle mie parole, mi impegno per far sì che i testi siano il più comprensibili possibile».

Lo possiamo definire il disco della … maturità?

«Sì, ma si tratta di un’evoluzione naturale».

Questo tuo nuovo lavoro contiene 4 featuring importanti: ci sono altri colleghi con i quali vorresti lavorare?

«A parte quelli della mia cricca, mi piacerebbe collaborare con Noyz Narcos, Tedua e nuovamente con Guè Pequeno».

In ‘Horror Vacui’ sostieni che ‘l’essere umano è programmato per deludere’. Perché questa affermazione?

«Siamo esseri umani, inclini quindi a sbagliare. Si tratta di una normale presa di coscienza anche se, molte delle cose che scrivo nei dischi, non sempre le penso davvero, le dico per convincermi!».

Questo tuo cd verrà suonato dal vivo, con il supporto anche di musicisti?

«Farò il possibile per avere un supporto strumentale ai concerti. Ho sempre apprezzato il fatto che le band riescano a improvvisare sul palco ed, essendo io un freestyler, amo i live in stile jam session ».

Il disco…

Nel disco si alternano costantemente umori, linguaggi e stili apparentemente inconciliabili ma non manca lo spazio per un’analisi sociale e per provocazioni nei confronti della scena rap, mentre –  tratto fondamentale dello stile di Nitro –  è anche quello di utilizzare citazioni, soprattutto cinematografiche e di serie tv.

Solo soffermandosi sul titolo di alcuni brani se ne trovano diverse: ‘Buio Omega’, per esempio, è anche un fill horror di culto di Joe D’Amato ( 1979), ’San Junipero’ è invece uno degli episodi più suggestivi della serie tv britannica ‘Black Mirror’, mentre ‘Last Man Standing’, è una popolarissima sitcom statunitense.

La direzione artistica di ‘No comment’ è stata curata da 333 Mob (Lorenzo Spinosa e Ignazio Pisano) mentre quella creativa da Hell Raton (fondatore di Machete, insieme a Salmo e Slait).

L’uscita di ‘No comment’ è stata anticipata dalla pubblicazione del video-intro ‘Buio Omega’ (http://vevo.ly/kL6Zjq), immediatamente in vetta alle tendenze di youtube e dal nuovo singolo ‘Infamity Show’, uscito in digitale e su Vevo (http://vevo.ly/Nnk0JM) lo scorso 8 gennaio.

 

ph. Mattia Guolo


ISCRIVITI alle NewsLetter per non perdere le nostre novità e iniziative!

[mailpoet_form id=”2″]

Sonja Annibaldi

Sonja Annibaldi - Giornalista e speaker dal 1993, si occupa da sempre di musica e spettacolo e collabora con importanti testate nazionali. Ama il rock, il sushi, la storia dell’arte e i cani. Vive con Blanco, il suo inseparabile Cavalier King.