Il bullismo elimina l’amore e ci impedisce di diventare migliori. Ce lo spiega il Prof. Bertirotti

I recenti fatti del caso di bullismo di alcuni studenti dell’Istituto Superiore di Lucca ai danni dell’insegnante, come anche quello del 17enne di Lecce non ci possono lasciare indifferenti. M Social Magazine, pur essendo una testata che tratta di entertainment, cultura e svago, sente fortemente il dovere etico e morale di fermarsi a riflettere, di mettere a disposizione le proprie penne per provare a ragionare insieme su come si possa fermare un fenomeno che sta dilagando pericolosamente scivolando sempre più verso il punto di non ritorno.

Ogni giorno di questa settimana vuole essere dedicato all’argomento BULLISMO. In particolare abbiamo affidato alla penna del Prof. Alessandro Bertirotti, l’antropologo della mente che da tempo scrive sulla nostra testata, il compito di spiegarci cosa spinge l’uomo ad un comportamento così incivile e malvagio. L’articolo è pubblicato nella rubrica Chiacchiere Scientifiche, qui.

Il Prof. Bertirotti, in occasione di un argomento così delicato come quello del Bulllismo, ha scelto di regalarci 3 brevi clip in cui indaga il fenomeno del Bullismo a scuola, del Bullismo e la famiglia, del Bullismo nel mondo. Lanciamo oggi quello inerente la scuola, visto i recenti fatti. Giovedì 26 e a seguire sabato 28, pubblicheremo gli altri due. 

Monica Landro

Studi classici, una laurea in Lettere e Filosofia e un tesserino dell'Ordine dei Giornalisti. Questo è il CV in estrema sintesi. Ma quello che veramente mi descrive è l'amore per la musica, per i libri, il teatro e i viaggi. Amo cucinare le torte e prendermi cura delle mie piante. Odio i calcoli matematici, le percentuali e i problemi di geometria. Amo stare in mezzo alla gente ma amo ancora di più stare con me stessa. Amo la Sicilia, i suoi colori, sapori e tramonti. Ogni volta che la vita mi sembra difficile, cerco di raggiungere uno scoglio, mi siedo e ne parlo con il mare.

3 pensieri riguardo “Il bullismo elimina l’amore e ci impedisce di diventare migliori. Ce lo spiega il Prof. Bertirotti

I commenti sono chiusi.