L’arte di parlare a regola d’arte: mettiamo l’accento sul giusto accento

Si fa presto a dire “accento”.
Si, ma quale? L’accento fonico o l’accento tonico?
L’accento fonico è quello che ha la proprietà di aprire o chiudere un suono vocalico, che fa la differenza fra una è e una é, ad esempio.
Ne abbiamo già parlato nello scorso articolo di L’arte di parlare a regola d’arte, giunto oramai al quarto appuntamento.
Ne avremo fin quasi a Natale ma… prima di lustrini e strenne, c’è ancora molto di cui parlare.
Già, parlare.. l’arte di parlare bene…
Dicevamo, l’accento. Parliamo dell’accento tonico. Per farlo, occorre introdurre il concetto di sillabe e di scansione sillabica.
La sillaba è uno dei gruppi fonetici in cui si dividono le parole, le regole sono poche (quattro, per l’esattezza) e riguardano l’italiano scritto.
Qui vi racconto dell’italiano che si parla. L’accento tonico si riferisce alla vocale che fra le sillabe si pronuncia con intensità maggiore, nella quale si alza di tono la voce e alla quale sembra quasi “appoggiarsi”.
Facciamo un esempio: “Capito”.
C’è una bella differenza fra capito, capito e capitò.
Capito?
Ecco, l’accento tonico è questo ed è relativamente facile sbagliarlo perché salvo che la parola non sia tronca (con accento sull’ultima sillaba) nella grafia comune non è mai indicato.
Gli accenti tonici caratterizzano quindi le parole tronche (capitò), piane (Capìto), sdrucciole (càpito) o bisdrucciole (càpitano).
Tutto chiaro? Spero di si.
Ed ecco perché si dice ad esempio bocciòlo e non bòcciolo. Non è un errore da poco, vi invito a riflettere su questo.
L’esercizio di oggi è semplice: Inspirate e sulla stessa fuoriuscita di fiato aumentate il volume fino al vostro massimo e poi diminuitelo fino al silenzio.
Come dire.. più facile a dirsi che… a dirsi! Date un’occhiatina al video.
Ci “vediamo” e ci sentiamo sabato prossimo, buon fine settimana a tutti i lettori di M Social.

RIMANI AGGIORNATO SULLE NOVITA’ – Iscriviti gratuitamente qui!

Marco De Domenico

Speaker e doppiatore pubblicitario, Marco è stato voce ufficiale di Italia Uno, di Nickelodeon e di RMC. Attualmente è la voce ufficiale di Pop, di Radio Kiss Kiss Napoli e di Radio Mc Donald’s. E’ in onda nel weekend di Radio Company con un suo programma di notizie musicali. Insegna dizione e uso della voce presso Accademia 09 di Milano. 42 anni, single, ha due figli ancora piccoli. Da 22 anni vive, cammina e si allena con una sola gamba, l’altra gli è stata amputata da ragazzo cadendo in moto. La disabilità non gli ha tolto la voglia di fare e di vivere, va ancora in moto e si sta allenando per fare il giro del mondo in bicicletta.

2 pensieri riguardo “L’arte di parlare a regola d’arte: mettiamo l’accento sul giusto accento

I commenti sono chiusi