”Roma e le romane” di Pier Francesco Pingitore e Manuela Villa, dal 27 marzo al Salone Margherita di Roma

Roma e le sue belle donne sono un simbolo di bellezza eterna, oggi come ieri, e nella Capitale ha debuttato “Roma e le Romane” un nuovo evento musicale, un viaggio nel tempo attraverso canzoni, storie e leggende delle donne capitoline cantate, ballate e raccontate alla romana, che, iniziato mercoledì 27 marzo, terminerà domenica 14 aprile.

Lo spettacolo è in scena al Salone Margherita, scritto e diretto da Pier Francesco Pingitore, con la partecipazione di Manuela Villa e la produzione di Nevio Schiavone, patron del teatro.

Dalle eroine delle origini alle grandi cortigiane del Rinascimento, dalle celebri cantanti contemporanee alle generose abitanti delle periferie e delle borgate, ‘’Roma e le Romane’’ è un suggestivo itinerario volto alla riscoperta dell’universo femminile che raccoglie tutta la tradizione romana in un’unica circostanza.

Grandi canzoni d’autore e simpatici stornelli popolari del vasto canzoniere romano si alternano sul palco, riproponendo anche alcune delle esibizioni più prestigiose dell’inimitabile “Roma”, lo show, più che riuscito, già messo in scena lo scorso anno.

Un’esperienza unica ed indimenticabile nella più elegante ed incantevole cornice della Capitale dove la romanità è sempre di casa con Franco Califano, Gabriella Ferri e tanti altri.

Una serata all’insegna del divertimento, della nostalgia e della celebrazione, ‘’Tanto pe’ sognà’’, direbbe Nino Manfredi, una completa immersione nella cultura romana, quella più autentica, della gente che ha fatto Roma e ha contribuito a renderla davvero grande.

Il tutto, grazie all’inconfondibile voce della cantante  Manuela Villa, con l’apporto di una band dal vivo e una scenografia curata nei minimi dettagli. A lei si affiancano il tenore Nico Di Barnaba e un corpo di ballo ad animare la scena .

Insomma, ci sono tutti gli ingredienti necessari per uno spettacolo di  successo!

La direzione musicale è affidata a Claudio Garofalo Pica,  le coreografie sono ad opera di Cristina Pensiero, i costumi e le scene di Graziella Pera.

Diego Lanuto

Studente di 'Lingue, Culture, Letterature e Traduzione' presso l'Università di Roma 'La Sapienza'. Appassionato di danza, lettura, spettacolo e tanto altro!