FEDEZ CONTRO CODACONS: Vogliono bruciare milioni di euro di Donazioni! | VIDEO

Il CODACONS (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori) ha aperto una raccolta fondi per combattere il corona virus ma in realtà, come spiega Fedez nelle sue Instagram stories, la raccolta fondi è un’iniziativa fine a se stessa, con una facciata clickbait volta a confondere l’utente, facendogli credere di star sostenendo l’emergenza Covid-19 in atto, ma che invece ha come unico scopo il mero guadagno personale e lo sfruttamento di una pandemia mondiale.

Fedez si dice sconcertato: “CODACONS non si occupa di Corona Virus, è un’associazione para statale che dovrebbe tutelare in consumatori, e incoraggia l’opinione pubblica ad effettuare delle donazioni con il “regalino” di pagare meno tasse future”

CODACONS accusa l’utilizzo del sito GoFundMe (sito utilizzato da Fedez e Chiara Ferragni ma anche da altrettanti milioni di benefattori nel mondo per le donazioni) per la campagna raccolta fondi a sostegno delle strutture sanitarie, in piena emergenza Covid-19.

CODACONS asserisce di voler vederci chiaro in questa campagna di donazioni e afferma che l’antitrust sia intervenuta pochi giorni fa nei confronti del sito (GoFundMe) usato per la campagna.

CODACONS dichiara anche di voler proporre il blocco di tutte le raccolte fondi da parte dei privati, denaro che è destinato a tutte le strutture ospedaliere in piena emergenza.

Queste sono le parole di Fedez dalle sue Instagram Stories…

Continua…

Martina Caputo

Martina è una giovane donna ambiziosa, fin dalle scuole primarie si avvicina alla scrittura, abbracciando in particolare modo il giornalismo (con giornalini "redatti" rigorosamente su fogli A4 con tanto di disegni, che denunciavano i problemi del mondo. Sviluppa nella tarda adolescenza la passione per la poesia, in seguito allo studio di poeti del calibro di D'Annunzio e Wilde. Cambiamenti di prospettive la direzionano a scelte diverse tra di loro, talvolta sbagliate ma che fanno comunque parte di quel grandissimo bagaglio che ogni uomo si porta dietro: l'esperienza. Diplomata in ragioneria, lavora da quando ha 16 anni mantenendo, così i suoi interessi. Dopo un iniziale percorso in Relazioni Internazionali, decide di partire alla volta di New York, metropoli nella quale viene selezionata per uno stage breve per le Nazioni Unite. Innamorata della possibilità dell'essenza del "divenire" in America e della voglia di approfondire la lingua e mettersi in gioco, decide di trasferirsi a Chicago per studiare Marketing e Social Media Communcation. Una volta tornata in Italia, riprende gli studi, vertendo la sua attenzione in Psicologia della Comunicazione. Apre una società che si occupa di pubbliche relazioni, gestione social media e marketing, organizzazione di eventi, con particolar focus nel settore ristorazione (food and beverage).