Madonna, MEDELLÍN ft. Maluma|VIDEO: “Una volta ero pura e libera. Voglio tornare ad esserlo per chiudere il cerchio”

A distanza di ben quattro anni dal rilascio del suo ultimo album Rebel Heart, Madonna torna a cavalcare le scene musicali con lo stile e la grinta che la contraddistinguono, grazie al primo singolo ufficiale Medellín, in collaborazione con la star colombiana Maluma, che anticipa la sua ultima fatica discografica Madame X in arrivo il 14 giugno.

Il brano è stato rilasciato mercoledì 17 aprile su tutte le piattaforme e, se in molti sono rimasti delusi, è stato accolto con favore dalla critica: Variety lo considera una “promettente introduzione a una nuova era della cantante“, Rolling Stones lo ha definito come una “canzone sensuale e sinuosa“, mentre Nme parla addirittura di una “gemma pop sorprendente e introspettiva“. Due ere differenti, due culture a sé stanti, due modi di fare musica così diversi ma più vicini che mai, vecchia e nuova scuola si incontrano a Medellín. Sonorità latine, è evidente l’influenza del cha-cha-cha e del reggaeton, si amalgamano perfettamente alla deep house, dimostrando come Lady Ciccone sia abile nel destreggiarsi tra i vari generi senza mai scadere nella banalità.

In un collegamento via satellite con Milano, New York, Miami e San Paolo, in diretta contemporanea sulle reti MTV, Madonna ha lanciato mercoledì 24 aprile il video di Medellín. Durante l’intervista la Regina del pop ha parlato di come la cultura portoghese abbia inevitabilmente influito sul suo nuovo progetto. A Lisbona infatti, dove si è trasferita da tempo per poter supportare la carriera calcistica del figlio, è entrata in contatto con diverse culture e personalità che l’hanno segnata, frequentando musicisti, artisti di vario tipo e prendendo parte alle loro sessioni di musica nei salotti. E proprio riguardo alla musica ha aggiunto: “Ovunque siamo, qualunque lingua parliamo, quando sentiamo della musica ci sentiamo subito connessi al sentimento e all’emozione che l’artista vi aveva infuso: non importa il genere o la lingua, siamo connessi in modo primordiale attraverso la musica. Lo eravamo già, anche prima di Instagram!”.

Il video, un vero prodotto cinematografico curato nei minimi dettagli, presenta evidenti tracce surrealiste, il che conferma nuovamente la capacità di Madonna di poter spaziare nell’arte e imporre la propria impronta.

Per quando riguarda Madame X, invece, altro non è che un alter ego della cantante, o meglio, rappresenta tutte le varie sfaccettature della sua personalità, Madonna stessa, il suo spirito. “Un’insegnante di cha cha – rivela – una professoressa, un capo di stato, una governante, un’equestre, una prigioniera, una studentessa, una suora, una cantante di cabaret, una santa, una prostituta». Un nome attribuitole dalla maestra Martha Graham quando aveva solo 19 anni:” Ogni giorno vieni a scuola e non ti riconosco. Ogni giorno cambi la tua identità“, le aveva detto, e non avrebbe potuto descriverla meglio. Un’artista a 360 gradi, capace di reinventarsi continuamente e di sperimentare e di andare contro le tendenze del momento. Madonna lo ha definito un personaggio naïf: «Non le importa cosa dice la gente. Quando ho iniziato la mia carriera anche io ero naïf, ed è stato un bene perché non ero interessata ai giudizi. Ero libera e pura. Ora vorrei tornare a quello stato, in cui ero lontana da ogni condizionamento. Così si chiude un cerchio“. 

Non resta che aspettare di vedere cosa abbia preparato per il pubblico con le prossime esibizioni, la prima prevista per i Billboard Music Awards il 1 maggio, l’altra per la finale dell’Eurovision Song Contest 2019 di Tel Aviv Il 18 maggio.

 

Diego Lanuto

Studente di 'Lingue, Culture, Letterature e Traduzione' presso l'Università di Roma 'La Sapienza'. Appassionato di danza, lettura, spettacolo e tanto altro!