Roberta Bonanno e il suo nuovo singolo “Tanto è uguale” | INTERVISTA

Tra le pagine di M Social Magazine ritorna Roberta Bonanno, cantautrice che ricordiamo partecipó ad “Amici di Maria De Filippi”, nella stagione 2007-2008, arrivando seconda.Dopo aver vinto la 24esima edizione del Premio Mia Martini, partecipa all’edizione 2018 di “Tale e quale show” su Rai1, dove ritorna a Novembre del 2019 partecipando alle puntate finali dello show televisivo con buon risultato e riscontro del pubblico. Oggi è qui tra le pagine del nostro Magazine per parlare del suo nuovo progetto discografico,  brano che potrete ascoltare in radio, in digital download e su tutte le piattaforme streaming. “TANTO È UGUALE” (Advice Music), questo è il titolo del nuovo singolo di ROBERTA BONANNO, scritto per lei da Fabio Vaccaro e Mattia Foderà. Ecco a voi la nostra chiacchierata.

“Tanto è uguale”, è il tuo nuovo singolo uscito venerdì 28 febbraio in radio, in digital download e su tutte le piattaforme streaming. Come nasce l’idea di questo nuovo progetto?

L’idea nasce dalle mani sapienti di Mattia Foderà e Fabio Vaccaro, che hanno saputo dipingere benissimo uno dei tratti della mia personalità. Difficilmente parlo della mia vita privata, ma con questa canzone credo che i due autori abbiano colto in toto quello che oramai vivo da tempo. È difficile trovare qualcuno da amare oggi, ci si affida a sensazioni che magari sono illusorie che e lasciano un po’ il tempo che trovano… ecco, loro hanno saputo parlare anche di questa caratteristica, tirando fuori il meglio, la mia sensualità e anche la mia forza

Vinci la 24esima edizione del Premio Mia Martini. Ripensandoci ora come ricordi quel giorno?

Il premio Mia Martini per me stato un onore incredibile. Mia Martini è una delle più grandi cantanti che abbiamo avuto in Italia, per me l’artista migliore, l’ho sempre sostenuta. Il conferimento a me di questo premio intitolato a lei è stato veramente un traguardo importante; ringrazio ancora Nino Romeo per quello che ha fatto, per avermi associato ai grandi nomi di Mia Martini –soprattutto- e degli artisti che l’hanno vinto prima di me

A Novembre torni a “Tale e Quale Show 2019”, partecipando alle puntate finali dello show televisivo. Raccontaci la tua esperienza.

Tale e Quale show è stata una delle esperienze più belle della mia vita, un grande regalo dopo 10 anni dall’ultima mia apparizione televisiva importante. Ho avuto la fortuna di conoscere una nuova famiglia, che è la famiglia Rai, e di lavorare con grandi professionisti: da Carlo Conti, a cui sarò sempre grata per avermi dato questa opportunità, agli autori, gli insegnanti, i redattori, le truccatrici, la costumista, i parrucchieri… un’esperienza durata due stagioni ma, se fosse per me, tornerei veramente in tutte le edizioni, perché ci ho lasciato il cuore

Torniamo un po’ indietro con la memoria. Hai partecipato alla settima edizione di “Amici di Maria De Filippi”nella stagione 2007-2008, arrivando seconda. Da allora hai fatto tanta strada…ma quanti e quali sacrifici si fanno per amore della propria passione?

I sacrifici sono veramente tanti, non si smette mai di farne. Amici mi ha fatto conoscere dal grande pubblico televisivo e mi ha dato improvvisamente una grande popolarità: la cosa difficile -ma necessaria per cogliere al meglio la grande opportunità che mi è si è presentata- è stata non farsi ubriacare da questa enorme esposizione mediatica, cercare di rimanere con i piedi per terra, rimboccarsi le maniche e continuare a lavorare. Ho cercato di farlo, di andare avanti con le mie forze, e sono molto felice del percorso che ho fatto e che sto facendo. Come in tutte le professioni, anche nel mio lavoro ci sono degli alti e bassi…l’importante è saper cavalcare l’onda nei periodi buoni, e riuscire a mantenersi a galla nei periodi di fiacca; col senno di poi, posso dire che i momenti bui mi hanno portato ad essere quella che sono io oggi, a godermi ogni singola vittoria e ogni singolo traguardo che ho raggiunto in questo campo

Dopo la partecipazione al talent di “Amici di Maria De Filippi” esordisci nel mercato discografico con l’EP “Non ho più paura”. Oggi come oggi Roberta di cosa ha paura e cosa non le fa più paura?

Ne ho più di una, in realtà! La più grande, quella che mi caratterizza da sempre, è la paura dell’abbandono e della solitudine, anche se l’affetto della gente non mi è mai mancato, ho la fortuna di avere una grande famiglia e tanti amici, e questo mi fa pensare ogni volta che “cado” in certi pensieri, che non si è mai davvero soli. Oggi sicuramente, ho più consapevolezza di me, e questo è stata una grande crescita. Ho imparato che con le mie paure ci devo far pace, devo sentirmele, in un certo senso, “amiche”, perché se prendi confidenza con le tue paure, poi riesci a superarle e a superare qualunque ostacolo ti si piazzi sul cammino.

Cosa vuol dire far “Musica” nel 2020 e soprattutto cos’è la “Musica” per Roberta?

Fare musica è una sfida continua, quotidiana. La musica ti dà grandi soddisfazioni ma, a volte, ti fa anche piangere lacrime amare. Per me, però, è sempre stata indispensabile: è una vocazione, l’unica scelta possibile. Fare musica nel 2020 è credere veramente e fortemente in quello che si può dare. Molti mollano, perché a volte le delusioni ti tolgono la gioia e il coraggio di seguire la strada che ami… Io non ho mai veramente pensato di poter abbandonare la musica, perché lei torna sempre a bussare alla mia porta: è la mia stessa vita, la mia sopravvivenza. Certo, è cambiato tutto rispetto tanti anni fa, sta cambiando proprio la legge del mercato… però tutti noi abbiamo bisogno della nostra musica, e ci sarà sempre qualcuno che riconoscerà come sua la mia, e troverà la sua musica in me

Prima di salutarci e ringraziati per la tua intervista ti chiedo: “Quali i tuoi progetti per questo 2020”?

Mi aspetto grandi cose, sono positiva e ottimista, ho sempre pensato che il 2020 potesse essere un anno importante. Già con l’uscita di “Tanto è uguale”, che sta andando molto bene, mi sta dando grandi soddisfazioni. A breve ritornerò sui palchi di tutta Italia a cantare e, come ben sapete, poi tutti gli eventi verranno messi a disposizione sui social media. Spero anche di ritornare in televisione, perché è una delle cose che ho “riassaggiato” dopo tanto tempo, e che -mi rendo conto- potrebbe dare un’ulteriore “spinta” importante al mio lavoro

Rosa Spampanato

Rosa Spampanato anni 38. Amante della scrittura. Articolista per M Social Magazine Articolista per il Quotidiano LaSicila Collaboratrice per il Magazine Cherrypress Collaboratrice per la Testata Giornalistica VanityClass Sezioni di Riferimento Cinema TV Musica