Tommaso Paradiso, i fratelli Bennato e Annalisa tra le uscite di questa settimana

Questa settimana finisco per essere nostalgico, esce infatti un brano realizzato dai fratelli Bennato La realtà non può essere questa sul tema delle reclusioni forzate causa COVID e io ritorno con i ricordi all’estate, quando con un paio di amici Andrea Del Monte e Adriana Paratore ce ne andammo ad Esperia per assistere ad un concerto di Eugenio. In quel periodo eravamo tutti piuttosto contenti stava per uscire il mio libro sul songwriting mentre Andrea aveva da poco pubblicato il suo disco libro Brigantesse, Storie D’amore e di fucile, Adriana invece era in ferie ma a breve avrebbe continuato a condurre divertendo il suo programma radiofonico Zeta di Notte.  Proprio prima e dopo quel concerto avemmo il piacere di fare due chiacchiere con Eugenio, anche lui nel progetto appena uscito di Andrea. Sarà banale ma vorrei che momenti così tornassero presto, mi mancano le avventure, i viaggi di fortuna in automobili non del tutto affidabili e le forze dell’ordine che ti invitano a parcheggiare sul marciapiedi con cordialità. L’odore delle feste di paese, il vociare della gente. Gli assembramenti, gli abbracci e i panini a due euro. Mi mancano le persone, la vita serena e mai pretenziosa che ci vedeva davanti ad una birra, dietro una chitarra o a volte (fa ridere pensarlo) anche chiusi in casa di nostra sponte semplicemente a fare due chiacchiere. Quindi mi affido a qualcosa di superiore che risolva lo stallo in cui ci troviamo facendo appello ad una profonda religiosità che non vorrei fosse scambiata per religione.

I proventi della canzone dei fratelli Bennato andrà in beneficenza. Eugenio, che ha scritto le parole sulla musica del Edoardo dichiara in merito al brano: “Percepiamo diversamente la realtà rispetto a prima: la stanza è lo spazio in cui si esauriscono questi giorni, mentre il balcone è il luogo che ci collega con il mondo esterno. Il web, invece, è da qualche tempo la prigione dove rischiamo di perdere il rapporto vero: guardarsi negli occhi, parlarsi da vicino”. Dopo i ricordi felici passiamo alle altre uscite di questa settimana.

Houseparty canzone di Annalisa si riaggancia in parte alla stessa tematica sopra citata, la trovo un po’ fiacca, forse un brano troppo pregno di clichè, forse perchè ci sbatte in faccia la triste realtà del momento. Episodi che molti di noi stanno vivendo concupiti e nella malinconia. Se è vero che viviamo immersi nel presente, quello che proviamo adesso non vorremmo si ripetesse anche nella musica pop. Ad ogni modo considero Annalisa una che ha sempre fatto centro con i suoi brani, così come Simonetta che figura tra gli autori del brano insieme a Jacopo D’ettore e la stessa Scarrone. Certamente è possibile che tra qualche mese questo brano susciterà delle altre emozioni, totalmente diverse, magari davanti un cocktail consumato in uno stabilimento balneare. Anzi ne sono piuttosto convinto! 

Gazzelle Ora che ti guardo bene nemmeno Pardini sorprende più di tanto, sarà che forse ho raggiunto l’atarassia superando la dukkha scavallando il velo di Maya.

Gianluca Grignani pure lui dev’essersi dedicato alla meditazione a giudicare dall’artwork del singolo in zazen e con un simboletto apposto tra viso e titolo.

Tommaso Paradiso porta già nel cognome la beatitudine necessaria e ci propone Ma lo vuoi capire scritta insieme a Dario Faini.

Grande Ritorno dei Nucleo la band emilianache ci ha tenuto sospesi a lungo( sono un nostalgico lo sapete l’ho dichiarato!) Cammina con me segna il loro esodo.

SOS Non mi fermare, è ilterzo singolo estratto dall’album “Esso o Esse”, è un brano che racconta di come i quattro componenti della band abbiano trasformato la loro passione in un lavoro si legge sul comunicato ufficiale del release. Il brano in questione non mi fa impazzire ma mi riserverò di ascoltare il resto del disco. Perchè a differenza di tanti altri questi ragazzi “ancora suonano”.

Frijda  Lo Dedico a Te la band propone una rock ballad che ricorda vagamente gli anni 90’.

Renesto Niente da perdere  dall’aria scanzonata ci propone un brano italiano fortemente pop.

L’ennesimo Freddo Cane ed è subito “è un momento difficile quando l’ansia è il mio combustibile” o un ballo lento sull’assolo di fiati.

Devil A Meriti un oscar  arriva dopo il brano “Disordine” e la partecipazione ad “Amici”

Dani Faiv e Salmo parlano di droga e sesso e fanno un pezzo in 8D Audio, niente di nuovo! Che noia e volgarità senza poesia direi. Ascoltare Cioilflow? A saperlo mi leggevo Bukowski mi avrebbe fatto sognare pur descrivendo lo squallore più assoluto tra alcolismo corse e puttane. Almeno Salmo con il cielo nella stanza eri riuscito a comunicare qualcosa di molto bello e poetico anche usando un linguaggio “volgare”  te lo dice uno che non si scandalizza a leggere Catullo e Pietro Aretino. Lo dico amichevolmente perchè avrai pure il flow qui, in questo pezzo, ma hai scritto cose di valore in passato, ora mi sembra di no. Metaforicamente sei andato sul dischetto al novantesimo minuto e hai tirato in tribuna e pensa pure che sia un “lavoro scrivere sul Rolling Stone”, per citare uno dei tuoi brani ( non mi offenderei, anche perchè puoi fare di meglio lo so). Alla prossima canzone, si scherza. Dissing fa rima con…?

Balù Ancora Il dialetto napoletano diventa il mezzo per esprimere il desiderio di normalità e amore.

Ridere dei Pinguini Tattici Nucleari è quello di cui avremmo bisogno, una sana malinconia a cuor leggero.

La Zero conMea Culpasembra di stare a Thoiry

Sam Smith, Demi Lovato sono pronti con I’m Ready

Heading Home è nuovo singolo del DJ/produttore Alan Walker, insieme a Ruben Il videoclip ufficiale, girato in Cambogia con immagini mozzafiato, è stato diretto da Kristian Berg.

Bob Dylan pubblica a sorpresa I contain moltitudes dove cita Edgar Allan Poe, Anne Frank, William Blake, Indiana Jones, i Rolling Stones ed altri. Arriva ad appena pochi giorni da Murder most foul dedicato a Kennedy

Alla prossima!

Simone Pozzati

Scrittore e autore di canzoni. il suo primo libro "Labbra Blu" (Diamond Editrice 2015), è una raccolta di storie nere, di inusuale follia, che rievocano le dantesche e infernali cantiche. È stato il curatore editoriale del libro contro la violenza sulle donne "Era mio padre" - Claudia Saba (Diamond Editrice 2016). Il drago di Carta (Augh Edizioni 2017) è una favola per bambini volta a far riflettere sul valore dei sogni. Presto diventata spettacolo teatrale. Ha collaborato come autore all'ultimo disco dei Remida "In bianco e nero" (Radiocoop Edizioni). Il suo ultimo libro è "Il testo e la figura del paroliere"(Arcana)