Conferenza Stampa Sanremo 2021 | Finale | Fiorello: “Abbiamo fatto numeri pazzeschi e non capisco chi ha detto che abbiamo fatto un flop“

Ore 12,15 Conferenza Stampa Tradizionale

“Quello che è successo è stato un po’ un mezzo miracolo. Una galleria vuota senza pubblico, credo sia stato fatto un lavoro straordinario e molto molto coraggioso e per la città non è stata semplice. Gestire e come gestirla la manifestazione è stato difficile. Mi auguro che questo festival sia un pulso di ripartenza per lo spettacolo e per l’Italia.”

Si apre cosi la Conferenza delle 12:15, con le Parole del sindaco di Sanremo che emozionato spiega: “Grazie Amadeus per quello che hai fatto per la città e capisco (anche se in minima parte )lo stress che tu hai provato… hai portato a termine un edizione fantastica, sia per il prodotto che per il segnale che avete lanciato.”

A prender parola poi è Amadeus, che scherzosamente dice: “…finalmente è arrivato il 7 e sono felicissimo di tutta la settimana. La mia felicità non è rivolta solo agli ascolti. Questo è stato un Sanremo diverso e parlare di ascolti sarebbe banale. Ieri però il pubblico è stato alto e questo rende la citta e il nostro lavoro e il nostro sforzo immenso e realizzarlo è stato incredibile. Sono felice di tutto e ringrazio tutti i cantanti che hanno partecipato e sono convinto che saranno i big di domani…. Ma non mi riferisco solo al podio. Permettetemi inoltre di ringraziare amici e collaboratori che insieme a me non hanno mai mollato condividendo insieme a me ogni dubbio paure e incertezze. Mai avrei potuto fare il Festival senza Fiorelllo perchè ha portato l’allegria e intrattenimento in tutte le case….. La prima serra uscire e vedere un teatro vuoto è una cosa che io non auguro a nessuno… e non era facile farlo per 5 ore. Ho avuto un attimo di smarrimento poi ci siamo riusciti….. ringrazio l’orchestra che è stato il nostro pubblico, aggiungendo con la loro presenza un qualcosa in più alla serata. Grazie Lucio Presta,Gianmarco mazzi, il mio ufficio stampa, la mia famiglia che non mi ha mai mollato. Un grazie davvero a tutti voi perché un festival cosi non si fa da soli. Quindi, viva Sanremo, viva la rai, viva la musica.”

Coletta direttore Rai dice: “…. Strapositivo al di là del dato di crescita. Sono spuntati davvero talenti emergenti. Volevo ringraziare i 650 colleghi coinvolti per la Rai. E’ stato fatto un gran lavoro per la sicurezza ed è stato un Sanremo che ha coinvolto tutti sia per al sicurezza sia per la salute di tutti noi. Voglio ringraziare Amadeus per il suo equilibrio e pazienza anche in situazioni non semplici, mantenendo grande sobrietà e misura. Abbiamo tanti talenti inediti che ci porteremo dietro. Questa sarà l’edizione dei record sui targhet giovanissimi 15..24 anni…. un lavoro di ringiovanimento straordinario. Un grande successo.”

Un Festival più social di sempre e un Festival che ci conferma che l’ascolto è cambiato accogliendo le domande dei giovani. I dati inoltre confermano un Festival molto giovane sulle piattaforme Raiplay con meno di 35anni. Tutto cio non avviene per caso ma è un lavoro di squadra con 550 clip e più di duemila post. Un Sanremo quindi più accessibile grazie ad un racconto diverso. Il sentiment è sempre stato positivo. Il pubblico ha applaudito e ringraziato virtualmente, l’Italia che ha di nuovo sorriso e si è sentito più unita grazie alla musica.

Presa parola poi Fasulo vice direttore Rai “….una settimana straordinariamente memorabile. La gara è stata il simbolo di questa rinascita. Una gara importante. Abbiamo realizzato un evento spettacolare in una situazione particolare per tutto il mondo. Simbolicamente eravamo convinti della sua importanza. Chiudo con il ringraziare Amadeus e tutta la macchina che ha reso possibile tutto questo. Ringrazio anche chi non voleva farlo questo Festival e che in queste ore si sta mettendo delle targhe sul petto.”

A sorpresa arriva poi Fiorello ma tramite collegamento telefonico:

“Abbiamo fatto numeri pazzeschi e non capisco chi ha detto che abbiamo fatto un flop…. Voglio ringraziare te Amadeus per l’esperienza più importante della mia vita. Ho ricevuto tanti messaggi privati da tanti colleghi comici esprimendomi una certa solidarietà. Perchè chi fa il mio mestiere sa cosa vuol dire avere il pubblico. Il pubblico ti guida e fa parte dell’ esibizione. Ti dice tutto… se ti manca quello sei in difficoltà…. Io e Amadeus abbiamo cercato di fare la quadra in queste sere, e devo dire che ci siamo inventati un mestiere, ovvero fare spettacoli per nessuno. Detto questo vi saluto e da domani farò un nuovo format… si chiamerà Divano…… Speriamo che l anno prossimo sia un festival bellissimo e fatelo pazzesco perché io lo devo guardare.”

Rosa Spampanato

Rosa Spampanato anni 37. Amante della scrittura. Articolista per M Social Magazine Articolista per il Quotidiano LaSicila Collaboratrice per il Magazine Cherrypress e per la testata locale Rivista Zoom Sezioni di Riferimento Cinema TV Musica