Il Primo Maggio non è mai stato così comix: la storia dietro le quinte di Illustrapensieri | INTERVISTA

Oltre alla commuovente lettera di Lorenzo, fatta girare silenziosamente fra il pubblico di Piazza San Giovanni durante il Concertone, ci sono altre illustrazioni che hanno smosso i cuori degli artisti. Si tratta dei disegni realizzati dai content creator Illustrapensieri. Un duo, formato da Roberto e Marika, che ha regalato una rapida e inaspettata emozione ai cantanti presenti durante la giornata del Primo Maggio, attraverso il regalo di ritratti personalizzati. “In totale ne abbiamo realizzate 23” – ci raccontano i ragazzi che, pur essendo lontani dal tanto ricercato target della generazione Z, han saputo colmare il gap tecnologico. Infatti ” i fruitori finali delle illustrazioni sono le nostre community social su Instagram, Facebook e Tiktok – ammettono i creator trentenni – “Che stanno crescendo sempre di più grazie alle condivisioni e ai tanti apprezzamenti”.

Sicuramente a dar maggior visibilità a un avventura digitale, cominciata quasi come ‘salvagente anti-pandemico’ nel primo lockdown 2020, è stata questa avventura al Primo Maggio, ricca di sentimenti positivi e sorprendenti: “Le aspettative sono state di gran lunga superate! Pensavamo che gli artisti avessero a malapena pochi secondi per prendere il disegno e dire “grazie” invece hanno dimostrato sorpresa ed entusiasmo, soffermandosi sui dettagli e chiedendo curiosità circa l’illustrazione. Anche chi abbiamo beccato di sfuggita ha speso un momento per esprimere la propria felicità“.

Chi, sicuramente, ha lasciato un ricordo indelebile è stato Alfa, “che avrebbe voluto il disegno come cover del suo singolo” , così come i citati Biggio e Aurora che hanno ricambiato con una foto indimenticabile. Sul piano operativo, non verrà di certo dimenticato il lavoro per Leo Gasmann, realizzato “in piedi, sotto la pioggia e in fila per pranzare nel giro di 5-10 minuti!“. Un modus operandi altresì sorprendente per la coppia, capace di rivoluzionare in itinere il loro schema di lavoro in termini di velocità: “Volevamo portare una selezione di disegni già avviati a matita e concluderli sul posto, ma spesso è successo che inaspettatamente scovavamo nel backstage artisti di cui non avevamo il disegno abbozzato, quindi lo realizzavamo al momento, il più veloce possibile per paura che di lì a poco il cantante fosse andato via. Impiegavamo anche pochi minuti e questa era la cosa che più sorprendeva“.

Ma cosa realizza “Illustrapensieri”? “Impressioni visive che non per forza rappresentano la realtà, quanto più una nostra personale visione di questa – rispondono Marika e Roberto – creazioni che derivano da pensieri, spunti, discussioni, momenti di vita vissuta che si bagnano di colori digitali e diventano pillole di buon umore da regalare a chi si ama di più, anche a se stessi”. E allora ecco che la celebre frase di Levante “Sei un pezzo di me” descrive il pezzo di puzzle mancante nel suo corpo, così come un Rocco Hunt galleggia nella sua tazzurella e’ caffè a mò di Jacuzzi per il “juorno buono”: arte moderna e istantanea, quasi come un pensiero volante. E il motto, non a caso dei due giovani creatori è : “a volte basta il pensiero, ma illustrato è meglio!”


Immagine in copertina a cura della fotografa Claudia Rolando

Luca Fortunato

Nato con la 'penna' all'ombra del Colosseo, sono giornalista pubblicista nell'OdG del Lazio. Accanto alle cronache del mio Municipio con il magazine La Quarta, alterno le mie passioni per la musica e il calcio, scrivendo per alcune testate online (M Social Magazine e SuperNews), senza dimenticare il mio habitat universitario. Lì ho conseguito una laurea triennale in Comunicazione a La Sapienza e scrivo per il mensile Universitario Roma. Frase preferita? "Scrivere è un ozio affaccendato" (Goethe).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *