MUSICA

Radio Zeta Future Hits Live 2024, un vero anticipo d’estate senza tempo | REPORTAGE

Le stelle si sono ritrovate tutte sopra al Centrale del Foro Italico di Roma per il Radio Zeta Future Hits Live 2024. Astri eguagliati da luci sparate dal palco a 360 gradi, che non riescono tuttavia a scaldare il clima tipicamente primaverile che ha investito Roma nella serata di ieri, venerdì 31 Maggio, come son riusciti a fare i 39 artisti intervenuti per questa terza edizione in terra romana. Ognuno con una sfaccettatura diversa, per mostrare come ormai avviene da ben 3 anni, la loro idea di estate per la generazione Z. E il pubblico, a trazione giovanile e family-friendly, ha di sicuro mostrato il suo lato più radiofonico, avvezzo alle playlist come d’altronde è ideata la scaletta dell’evento.

Ph: Elena Di Vincenzo

Infatti fin da subito, alle 20.30 spaccate, Radio Zeta ha messo “play” sull’astro nascente di Sarah Toscano, con il suo giusto mix di sensualità e capacità vocale, per poi volgere su quello derivante da Sanremo, Maninni, con un interessante medley fra Ariston e lidi balneari. Nomi in rampa di lancio che man mano sono andati a crescere, in una carrellata di emozioni arbitrate, come già siamo stati abituati, da tre abili giovani speaker, con una adeguata competenza: l’invisibilità ai fini del racconto. Perché come sempre il Radio Zeta Future Hits Live 2024 non ama dilungarsi in speech, ma si contraddistingue per la forza impattante dei propri beniamini e dei relativi contenuti discografici.

Ph: Elena Di Vincenzo



La line-up è così salita sul palco in maniera personale, sfruttando egregiamente il tempo a disposizione, tra chi si è buttato sulla folla come Stash dei The Kolors, a chi ha trasformato il palco in un vero teatro con il corpo di ballo come Emma e Gaia e chi in solitaria come Angelina Mango. C’è chi invece ha fatto soltanto sussultare le ugole del pubblico con le ormai consolidate strofe delle loro recenti hit come Ghali, Gazzelle, Mahmood, Geolier e Tananai e chi farlo accompagnare dal movimento grazie alle proprie hit adrenaliniche come Annalisa, Rhove e Capo Plaza.

Ph: ©Alessandro Bremmec

Ma la bellezza del Radio Zeta Hits Live 2024 sta pure nel confronto immediato fra giovani e ‘diversamente’ giovani con il grande merito di annullare le distanze temporali e ancorarle al presente. Come son riusciti gli immortali Ricchi e Poveri, sulle ali di Sanremo, col mindset “giovani per sempre con la musica”, Orietta Berti, ospite annunciata a sorpresa proprio last minute, ma anche gli Articolo 31 con un medley vintage legato ai 90’s e le stesse Paola & Chiara, con quel sound di inizio millennio che non riusciamo proprio a scrollarci di dosso.

Insomma il Festival della Generazione Z ha aperto l’estate, tra odori nostalgici del passato e profumo di inediti al gusto di ‘tormentone’, in un’atmosfera stranamente primaverile, con un altro bagno di folla del pubblico che proprio non può fare a meno di guardare al futuro con la musica!

Copertina a cura di © Alessandro Bremmec

Luca Fortunato

Nato con la 'penna' all'ombra del Colosseo, sono giornalista pubblicista nell'OdG del Lazio. Accanto alle cronache del mio Municipio con il magazine La Quarta, alterno le mie passioni per la musica e il calcio, scrivendo per alcune testate online (M Social Magazine e SuperNews), senza dimenticare il mio habitat universitario. Lì ho conseguito una laurea triennale in Comunicazione a La Sapienza e scrivo per il mensile Universitario Roma. Frase preferita? "Scrivere è un ozio affaccendato" (Goethe).

Lascia un commento