Festival di Sanremo 2021: le pagelle della terza serata

4 marzo 2021, è tempo di cover e duetti per la 71esima edizione del Festival di Sanremo. Ecco le nostre pagelle sulle 26 interpretazioni dei BIG in gara nella terza serata.

NOEMI con NEFFA – “Prima di andare via”

Esibizione: Problemi tecnici? Chissà. La prima parte della canzone davvero fuori syncro con l’orchestra. Tra i due il gelo, sembravano le prove. Si sono ripresi nella seconda metà del brano. Sicuramente era meglio se Noemi fosse stata da sola. 6

Look: Un look che rimanda un po’ agli anni 2000, audace per un palco di quel calibro, ma ha saputo comunque portarlo con disinvoltura e eleganza. 6,5

FULMINACCI con VALERIO LUNDINI e ROY PACI – “Penso positivo”

Esibizione: Esibizione divertente. Fulminacci avrebbe dovuto portare, come brano in gara, un pezzo movimentato. 7

Look: Uno stile che va compreso. E io faccio fatica a comprenderlo. Non era un abbigliamento ricercato, ma comunque nello stile del cantante e dell’interpretazione. 4

RENGA con CASADILEGO – “Una ragione di più”

Esibizione: Neanche lui sa con chi sta cantando. Ammetiamolo, un unione tremenda di due voci completamente diverse. 4

Look: Un abito elegante con dettagli particolarissimi a partire dal tessuto, ma non si adatta a lui. Non riesce ad esaltarne la bellezza di tale capo. 5,5

EXTRALISCIO e DAVIDE TOFFOLO con PETER PICHLER – Medley “Rosamunda”

Esibizione: Ed è subito sagra paesana del cinghiale o Festa dell’Unità. Nulla a che vedere con Sanremo. Il pubblico over dell’Ariston avrebbe apprezzato. 4

Look: Coerenti nel loro stile. 6

FASMA con NESLI – “La fine”

Esibizione: Dopo il problemino tecnico (il microfono di Fasma non funzionava) si ricomincia da capo. Pensavamo di perderci qualcosa di importante? No, era meglio ascoltarla con il microfono spento. 4

Look: Dettagli curati. Abito perfetto per la sua giovane età. 6

BUGO con PINGUINI TATTICI NUCLEARI – “Un’avventura”

Esibizione: La versione è bella e l’arrangiamento dei Pinguini è davvero pazzesco. Peccato siano in coppia con Bugo. Ci vorrebbe un DPCM che vieti a Bugo di cantare in qualsiasi parte del mondo. 4

Look: Total red. Camicia di raso tendenza della prossima stagione, però su Bugo fa effetto Gabibbo. 5

FRANCESCA MICHIELIN e FEDEZ – Medley

Esibizione: Parac*li. Teatrali. Si sono divertiti giocando la carta dell’ironia. 7

Look: Lei in versione scolaretta direttamente da “Il Collegio 1968“. Lui Versace. Insieme un pugno in occhio. 4

IRAMA con cameo inedito di GUCCINI – “Cyrano”

Esibizione: Una delle cover più belle della serata e pensare che erano le prove generali. Le esibizioni registrate di Irama dimostrano che a volta la semplicità e la voce come sola ed unica protagonista non tolgono nulla all’esibizione, anzi la rendono più intima, autentica ed emozionante. 10

Look: 10 perché anche nelle prove è un figo pazzesco.

MANESKIN con MANUEL AGNELLI – “Amandoti”

Esibizione: Rock allo stato puro, hanno incendiato il palco. Una bella esibizione. Nessuna sbavatura. 8

Look: Che gli vuoi dire? Osano e fanno bene. Moderni, di classe. 9

RANDOM con THE KOLORS – “Ragazzo fortunato”

Esibizione: Random schiera Stash and The Kolors e fa bene. Stash è come il parmigiano, dove lo metti rende tutto più buono. 6

Look: Stili, forme e colori… a “random”. 4

WILLIE PEYOTE con SAMUELE BERSANI – “Giudizi universali”

Esibizione: Un colosso della musica italiana, che va cantata con l’intenzione giusta. L’intenzione che ci ha messo Bersani. Scelta “gigiona”. 6,5

Look: Willie il doppio petto si allaccia. L’unica cosa bella gli occhiali. 4,5

ORIETTA BERTI con LE DEVA – “Io che amo solo te”

Esibizione: Malinconia e romanticismo. Meno male che alle 23 arriva Orietta a far vedere come si canta. Sublime. E l’alchimia con Le Deva è stata centrata in pieno. 8,5

Look: Rosso e paillettes. Lei divina, ma ora basta col rosso. 6,5

GIO EVAN con i cantanti di The Voice Senior – “Gli Anni”

Esibizione: Gio Evan scende in campo in qualità di animatore di una pensione della riviera romagnola, in una serata karaoke del venerdì sera. 4

Look: Coerente anche l’abito con l’esibizione, appena arrivato da Riccione Terme. 3

GHEMON con i NERI PER CASO – Medley

Esibizione: Una bella fusione di voci, nessuna che prevaleva sulle altre. Finalmente. Promossi a pieni voti. 8,5

Look: Elegante, ma comunque basic. 6

LA RAPPRESENTANTE DI LISTA con DONATELLA RETTORE – “Splendido splendente”

Esibizione: Vera rivelazione di questo Festival. Arrangiamento pazzesco. Si balla e si canta insieme alla voce bellissima di La rappresentante di lista. Donatella da grande signora resta un passo indietro al servizio del gruppo. 9

Look: Abbiamo capito che vanno di moda i tailleur doppiopetto ma li hanno davvero tutti. Basta. Il colore corallo non aiuta. 4

ARISA con MICHELE BRAVI – “Quando”

Esibizione: Il bel canto. Due grandi talenti. Precisione ed emozione. Le loro due voci che si intrecciano sono da pelle d’oca. (Peccato non avere Michele in gara). 9,5

Look: I look di Arisa quest’anno sono sottotono. Speriamo in una riprese nelle prossime serate. 5

MADAME – “Prisencolinensinainciusol”

Esibizione: Pazzesca. 18 anni e un talento indiscusso. Un’altra bella scoperta di questi Festival. 7,5

Look: Oggi aveva le scarpe. Invecchiata volontariamente nel ruolo che ha interpretato. 6

LO STATO SOCIALE con PANNOFINO e FANELLI – “Non è per sempre”

Esibizione: Volpini. D’impatto, in onore dei lavoratori dello spettacolo. Bravi. 6,5

Look: Eleganti. Mancavano gli occhiali neri ed erano dei perfetti buttafuori. 5

ANNALISA con FEDERICO POGGIPOLLINI – “La musica è finita”

Esibizione: Annalisa arriva a salvare letteralmente la serata. Meravigliosa come sempre. Una voce sensuale che incanta e tocca note altissime con una facilità impressionante. Esecuzione impeccabile. 10

Look: La sua bellezza acqua e sapone è ipnotica e sexy. 9

GAIA con LOUS AND THE YAKUZA – “Mi sono innamorato di te”

Esibizione: Un inizio poco convincente, per poi rapire completamente l’attenzione. Gaia si gioca la carta Tenco e ne esce benissimo. In piena sintonia con Lous. Toccanti. 8,5

Look: Da amazzone a power ranger il passo è brevissimo. Gaia perché quei guanti? Senza sarebbe stata promossa. 5,5

COLAPESCE E DIMARTINO con cameo di BATTIATO – “Povera Patria”

Esibizione: Una sufficienza stiracchiata salvata dal finale di Battiato che ha reso l’atmosfera commovente. 6

Look: Abiti stilosi, ma come la prima serata, tutto molto privo di dettagli e accessori. 5,5

COMA_COSE con ALBERTO RADIUS e MAMAKASS – “Il mio canto libero”

Esibizione: Senza dubbi i peggiori della serata. Dimenticabili. La più grande delusione di questo Festival. Sembra facile “Il mio canto libero”, sembra. 2,5

Look: Sicuramente con il look meglio della prima serata, anche se continuo a non capire il vestirsi uguali. 5

MALIKA AYANE – “Insieme a te non ci sto più”

Esibizione: Poetica e molto teatrale. Intensa anche nelle pause ad effetto. 7

Look: Sublime, la più elegante. Classe. 9,5

MAZ GAZZE’ con DANIELE SILVESTRI e la MAGICAL MISTERY BAND – “Del mondo”

Esibizione: Sono quasi le due di notte (01:45 per la precisione) e questa esibizione è la mazzata che non ci meritavamo. 3,5 

Look: Max eri meglio in versione Da Vinci. 5

ERMAL META con la NAPOLI MANDOLIN ORCHESTRA – “Caruso”

Esibizione: Invece la mazzata finale arriva con Ermal che ci canta “Caruso” (all’01:50). Meritava una collocazione migliore in scaletta. Anche lui ha sonno e infatti urla. 5,5

Look: Vestito da soldatino schiaccianoci. Ci sta. 6

AIELLO con VEGAS JONES – “Gianna”

Esibizione: Sono le 02.00, grazie Antonio per averci risvegliato. Cover non propriamente riuscita, da premiare la voglia che ci ha messo e trasmesso. Per la compassione: 6,5

Look: L’uomo meglio vestito della serata. Sexy. 10+

Enrico Bucci

1991 - Riminese. Laureato al DAMS di Bologna. Defilippibers addicted.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *