“La ricamatrice di segreti” di Kate Alcott | RECENSIONE

Avere coraggio non è da tutti. C’è chi ne è assolutamente privo e la cosa finisce lì senza troppi problemi. C’è anche chi non solo non ce l’ha, ma addirittura all’occorrenza, fa di tutto per incolpare altri della propria mancanza quando alcune situazioni gravi li mettono sottoscacco. Questi, si chiamano codardi. E se loro allontanano i problemi con mezzi subdoli o con una manata nel vuoto a fendere l’aria come a farsi spazio tra il nulla che si creano attorno, i guai li vanno a cercare. In un modo o nell’altro. Perché i codardi, rispetto a chi non ha coraggio e basta, inciampano sempre in qualcosa che li mette a nudo, anche se fuggono o sfuggono ai propri doveri, alle proprie responsabilità, mostrandosi per quello che sono: codardi. Poi ci sono i coraggiosi, autentici nelle idee quanto nelle azioni. Uomini o donne che ai più sono scomodi. Ad averne di gente del genere, molte cose andrebbero diversamente e pure meglio. 

Nel romanzo La ricamatrice di segreti di Kate Alcottnavighiamo nelle acque fredde dell’ipocrisia, del ricatto, della corruzione, ma anche in quelle agitate del coraggio, del riscatto e dell’amore. È il 1912. La nave più lussuosa del mondo, il Titanic, solca l’Oceano Atlantico per approdare in America. Tess, una giovane ricamatrice, ha l’audacia di partire e di avvicinarsi alla celebre stilista inglese, Lady Lucile Duff Gordon, mentendo sulla propria identità. La traversata del Titanic si trasforma in un enorme tragedia. Il transatlantico nel suo viaggio inaugurale collide con un iceberg e cola a picco, inabissandosi. Nei momenti drammatici, di paura e terrore, il coraggio a molti viene meno. Ad altri invece il coraggio è tale e grande da salvare se stessi ed altre vite. Nessuno dimenticherà nulla di quella tragedia. E qualcuno ha più di un segreto da nascondere per salvarsi la faccia, la rispettabilità e l’onore. 

Travolgente lo stile narrativo. Piena, ricca, la storia. Il romanzo conquista in ogni suo aspetto.    

Lucia Accoto

Giornalista pubblicista, autrice e conduttrice di programmi TV. Ho la passione per la cronaca nera, per i libri e la moda, senza trascurare lo stile nelle sue sfaccettature. I libri mi accolgono sempre come una signora, posandomi sulle spalle uno scialle di titoli ed emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *