Oscar 2021 | Delusione per Laura Pausini | NOMADLAND Miglior Film | Ecco i vincitori

“Dedico il premio a tutti quelli che hanno il coraggio di tener fede alla bontà che hanno dentro sé stessi e a quella che vedono negli altri”

Qui si fa la storia”, cantava Vasco Rossi nel lontano 2008, e oggi 26 Aprile 2021 la storia la fa una ragazza di soli 39 anni, ovvero: “Chloé Zhao”, la prima donna di origine asiatica a vincere la statuetta per la Miglior Regia per “Nomadland”.

Ma facciamo un passo indietro…

La 93esima Edizione degli Oscars 2021 (rimandata più e più volte a causa della Pandemia), si è svolta questa notte a Dolby Theatre di Los Angele.

Edizione questa, simbolo della ripartenza (almeno in Italia da oggi 26 Aprile). Edizione che arriva e si conclude con la riapertura in Italia dei Cinema. Una notte questa , tanto attesa e in cui l’emozione era palpabile anche da casa, non solo per l’attesa del premio, ma proprio per il simbolo che questa Edizione ha creato inconsapevolmente: “Rinascita”.

Il Cinema come noi lo conosciamo sta cambiando e a darne conferma è stata proprio la cerimonia degli Oscars fortemente improntata sul tema dell’inclusività etnica-razziale(elemento mancante contestato all’Academy negli anni passati).

“È stato un anno duro e ancora ci siamo in mezzo e piangiamo la perdita di tante persone”

Ha commentato così Regina King, accogliendo la notte più attesa dagli americani (ma anche di tutto il mondo). Fiera padrona di casa, è entrata con il suo Oscar, vinto per “Se la strada potesse parlare”, accogliendo tutti con forti parole di speranza e fiducia: “So che molti cambiano canale se pensano che stiamo predicando, ma se le cose fossero andate diversamente oggi invece che i tacchi alti mi sarei messa stivali da marcia. Sono la madre di un ragazzo nero e so con quanta paura dobbiamo combattere. Non c’è fama che tenga”.

E così in questa notte “magica”, «Nomadland» di Chloé Zhao vince tre delle categorie più importanti, a partire dal premio Oscar come miglior film. Il film della regista cinese naturalizzata americana, già Leone d’oro a Venezia e già premiato ai Golden Globe, ha convinto la giuria dell’Academy. Chloé Zhao,(emozionatissima, e consapevole di quello che stava accadendo), ha poi così commentato:

“Ultimamente ho pensato parecchio a come si fa ad andare avanti quando le cose si fanno difficili. Quando ero piccola, in Cina, con mio papà recitavamo a memoria delle poesie classiche cinesi completando i versi l’uno dell’altra. Uno di questi diceva che le persone alla nascita sono tutte buone: questa lezione ha avuto un grande impatto su di me che continua ancora adesso. Ed è per questo che dedico il premio a tutti quelli che hanno il coraggio di tener fede alla bontà che hanno dentro sé stessi e a quella che vedono negli altri»

Delusione per l’ Italia per non aver portato a casa nessun premio, ma felici e commossi e fieri della nostra Laura Pausini , che purtroppo è stata battuta dall’afroamericana 23enne H.E.R. con il suo “Fight for you”. Senza premi anche il film “Pinocchio” di Matteo Garrone.

“Aver fatto parte di un progetto così speciale come “The Life Ahead” con Edoardo Ponti e Sophia Loren è stato per me uno dei regali più grandi che la vita potesse farmi.”

Ha dichiarato poi Laura Pausini sui Social, spiegando che:
“Aver cantato IO SI sul palco dell’Academy è un sogno che mai avrei potuto mai sperare si avverasse ancora di più in un’edizione così storica. Grazie @theacademy!
Ringrazio Diane Warren, per la nostra canzone e per tutti i traguardi raggiunti, primo fra tutti il Golden Globe, è stata un’esperienza incredibile lavorare insieme!
Grazie a Bonnie Greenberg e Niccolò Agliardi! Grazie Palomar, grazie Netflix, mi sono sempre sentita a casa con voi.
Torno in Italia felice di aver vissuto un’esperienza irripetibile nata per un messaggio importante che condivido completamente e per la grande passione che dopo ventotto anni ho ancora per la musica che non è solo il mio lavoro, ma è la mia vita.
Torno in Italia felice di riabbracciare la mia bimba che mi aspetta e con la quale festeggeremo di ritrovarci dopo la prima settimana di lontananza della nostra vita. Ma le racconterò il sogno di una notte….incredibile! “

E se vi siete persi tutti e 23 i premi della Notte degli Oscars, ecco a voi la lista completa.

Miglior film
The Father
Judas and the Black Messiah
Mank
Minari
Nomadland
Una donna promettente
Sound of Metal
Il processo ai Chicago 7

Miglior regia
Thomas Vinterberg, Un altro giroDavid Fincher, MankLee Isac Chung, MinariChloe Zhao, NomadlandEmerald Fennel, Una donna promettente

Miglior attrice protagonista
Viola Davis, Ma Rainey’s Black BottomAndra Day, The United States vs. Billie HolidayVanessa Kirby, Pieces of a WomanFrances McDormand, NomadlandCarey Mulligan, Una donna promettente

Miglior attore protagonista
Riz Ahmed, Sound of MetalChadwick Boseman, Ma Rainey’s Black Bottom
Anthony Hopkins, The FatherGary Oldman, MankSteven Yeun, Minari

Migliore attrice non protagonista
Maria Bakalova, Borat – Seguito di film cinema
Glenn Close, Elegia americanaOlivia Colman, The FatherAmanda Seyfried, MankYuh-Jung Youn, Minari

Miglior attore non protagonista
Sacha Baron Cohen, Il processo ai Chicago 7
Daniel Kaluuya, Judas and the Black Messiah
Leslie Odom, Jr., Quella notte a Miami…Paul Raci, Sound of MetalLakeith Stanfield, Judas and the Black Messiah

Miglior sceneggiatura originale
Judas and the Black Messiah
Minari
Una donna promettente
Sound of Metal
Il processo ai Chicago 7

Miglior sceneggiatura non originale
Borat – Seguito di film cinema
The Father
Nomadland
Quella notte a Miami…
La tigre bianca

Miglior fotografia
Judas and the Black Messiah
Mank
Notizie dal mondo
Nomadland
Il processo ai Chicago 7

Miglior film internazionale
Better Days, Hong Kong
Un altro giro, Danimarca
Collective, Romania
The Man Who Sold His Skin, Tunisia
Quo Vadis, Aida?, Bosnia ed Erzegovina

Miglior film di animazione
Onward
Over the Moon – Il fantastico mondo di Lunaria
Shaun, vita da pecora: Farmageddon
Soul
Wolfwalkers – Il popolo dei lupi

Miglior documentario
Collective
Crip Camp – Disabilità rivoluzionarie
The Mole Agent
Il mio amico in fondo al mare
Time

Migliori trucco e acconciature
Emma.
Elegia americana
Ma Rainey’s Black Bottom

Mank
Pinocchio

Migliori costumi
Emma.
Ma Rainey’s Black Bottom
Mank
Mulan
Pinocchio

Miglior sonoro
Greyhound – Il nemico invisibile
Mank
Notizie dal mondo
Soul
Sound of Metal

Miglior cortometraggio
Feeling Through
The Letter Room
The Present
Due estranei
White Eye

Miglior cortometraggio animato
Burrow
Genius Loci
Se succede qualcosa, vi voglio bene
Opera

Yes-People

Miglior cortometraggio documentario
A Concerto Is A Conversation
Do Not Split
Hunger Ward
A Love Song for Latasha
Colette

Migliori effetti speciali
Love and Monsters
The Midnight Sky
Mulan
L’unico e insuperabile Ivan
Tenet

Migliore scenografia
The Father
Ma Rainey’s Black Bottom
Mank
Notizie dal mondo
Tenet

Miglior montaggio
The Father
Nomadland
Una donna promettente
Sound of Metal

Il processo ai Chicago 7

Migliore colonna sonora
Da 5 Bloods – Come fratelli
Mank
Minari
Notizie dal mondo
Soul

Migliore canzone originale
“Hear My Voice – Il processo ai Chicago 7
“Husavik” – Eurovision Song Contest – La storia dei Fire Saga
“Io sì (Seen)” – La vita davanti a sé
“Speak Now” – Quella notte a Miami…
“Fight for You” – Judas and the Black Messiah

Rosa Spampanato

Rosa Spampanato anni 37. Amante della scrittura. Articolista per M Social Magazine Articolista per il Quotidiano LaSicila Collaboratrice per il Magazine Cherrypress e per la testata locale Rivista Zoom Sezioni di Riferimento Cinema TV Musica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *