Risotto con porro, noci e pere all’aceto balsamico | Vegan | Filippo Prime

Sono finalmente tornate le pere sulle nostre tavole ed è il caso di valorizzarle non solo nei dessert. Un primo piatto particolare e raffinato, quello che oggi vi consiglio, dove i gusti e i sapori si sposano con equilibrio e le varie consistenze degli ingredienti regalano armonia al palato.

INGREDIENTI (per 2 porzioni)

  • 1 pera kaiser (350gr circa)
  • 80gr porro
  • 70 gr gherigli di noci
  • 180gr riso carnaroli
  • 1lt brodo vegetale
  • 150ml aceto balsamico
  • 100ml vino bianco
  • 1 cucchiaino zucchero
  • Olio evo qb
  • Sale fino qb

PROCEDIMENTO

Per prima cosa sbucciate e mondate la pera. Tagliatela a cubetti e versate quest’ultimi in una padella antiaderente con l’aceto e lo zucchero. Fate cuocere per qualche minuto a fuoco vivace finché l’aceto sarà evaporato e la pera leggermente caramellata.

Tenete da parte la padella e portate ad ebollizione il brodo. Spegnete e coprite la pentola per mantenere la temperatura. Fate soffriggere per qualche minuto, in una casseruola, il porro tritato finemente con un generoso filo d’olio.

Aggiungete quindi il vino e lasciate sfumare. Versate ora il riso e fatelo tostare per un paio di minuti sempre mescolando per evitare che si attacchi. Continuate a cucinare il risotto aggiungendo, di tanto in tanto, un mestolo di brodo e continuando a rimestare.

Trascorsi i primi dieci minuti di cottura unite anche le pere. Fate cuocere per qualche minuto ancora. Assaggiate per assicurarvi che la cottura del riso sia come desiderate ed eventualmente aggiustate di sale se necessario.

Poco prima di spegnere il fuoco incorporate nel risotto i gherigli di noce, precedentemente tritati grossolanamente, tenendone da parte un po’ per la decorazione finale. Lasciate riposare qualche minuto prima di impiattare.

Filippo Prime - VeganQuantoBasta

Chef Vegano per passione e per lavoro. Propongo ricette che hanno come filo conduttore il gusto, la tradizione e la semplicità. Seguitemi su Instagram @vegan.qb e su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *