Chiara Parenti annuncia l’uscita del suo nuovo libro, tra emozione e paura | L’intervista!

Chiara Parenti è una giornalista pubblicista, lavora nell’ambito della comunicazione e dell’editoria. Appassionata di scrittura creativa, è autrice di un manuale di scrittura e coautrice di diversi saggi. Dopo l’esordio per Youfeel con i romanzi “Tutta colpa del mare (e anche un po’ di un mojito)”, “Con un poco di zucchero” e “L’importanza di chiamarsi Cristian Grei”, a gennaio 2017 ha esordito in libreria con “La voce nascosta delle pietre” (Garzanti).

Ora si prepara all’uscita del suo nuovo libro, “Per lanciarsi dalle stelle”.

Chiara, buongiorno. Fra poco arriverà il grande giorno: il 14 giugno ti ritroveremo in libreria con un nuovo romanzo, “Per lanciarsi dalle stelle”. Cosa provi in questo momento di attesa?

Sono felice che tra pochissimo il mio nuovo libro sarà nelle mani dei lettori e delle lettrici e sono divorata dalla curiosità di sapere come lo accoglieranno. Sembra di stare sulle montagne russe, l’attimo prima della discesa a tutta velocità. Al momento, quindi, sono un mix esplosivo di emozioni. Tra tutte, come sempre, riconosco lei, la “compagna” di tutta la vita: la paura. Che il libro non piaccia, che non venda, che non se lo fili nessuno, insomma.

Cosa è cambiato durante quest’ultimo anno, da quando hai esordito in libreria con “La voce nascosta delle pietre”?

Ad essere cambiata sono soprattutto io. Inaspettatamente, più che segnare una tappa fondamentale nel mio percorso di autrice, il mio esordio in libreria si è rivelato soprattutto un grande stimolo a crescere come persona. Per la prima volta, ho dovuto sforzarmi di vincere la timidezza e parlare in pubblico (anche se specie nelle prime presentazioni le mie non erano proprio frasi compiute, ma balbettii indistinti), ho dovuto prendere un aereo da sola, quando la cosa più temeraria che avessi mai fatto prima di allora era salire sull’autoscontro al luna-park.

Nell’ultimo anno ho preso treni, taxi, autobus cercando di non fare confusione e ritrovarmi sola e raminga chissà dove. Ma soprattutto ho dovuto trovare il coraggio di separarmi dal mio bimbo per la prima volta e lasciarlo a casa.

Insomma, l’esordio in libreria mi ha messo di fronte a tante prove – o meglio – a tante paure da superare, e proprio da lì è nato “Per lanciarsi dalle stelle”.

In un lungo post Facebook creato per dare l’annuncio dell’uscita imminente del tuo nuovo romanzo dici che questo libro ha tanto di te. Parli di paura e di insicurezza, di salti nel vuoto e di paura di sbagliare. Ci puoi spiegare? In che modo sei riuscita a mettere la vera Chiara Parenti dentro queste pagine?

È molto semplice: Sole (la protagonista) sono io.

Come lei, convivo da sempre con un sacco di paure e insicurezze che mi hanno sempre limitata molto nella vita. Fin da piccola ho sempre avuto paura di tutto: dei ragni, del buio, dell’altezza, di dire quello che pensavo, di quello che pensavano gli altri, di sbagliare, di non riuscire a realizzare i miei sogni, di riuscire a realizzare i miei sogni.

È stato facile quindi descrivere le sensazioni di Sole, una ragazza timida e terribilmente insicura, perché sono quelle che vivo io da sempre.

Ci puoi dare qualche notizia del libro in anteprima?

Posso darvi il primo capitolo! Gli iscritti alla mia Newsletter possono leggere le prime pagine del nuovo libro. Per farlo, basta seguire questo link

Puoi donare ai lettori di M Social una citazione?

“Non dimenticarti mai che sei libera: nessuno può darti la felicità. E non dipende da te la felicità degli altri. Se sono scontenti, se ti giudicano, se non approvano le tue scelte – anche se si tratta di tua madre

– sono liberi di farlo, va bene. Ma tu vai. La sola cosa che puoi, che devi fare, è splendere per te. Non ti serve nient’altro per essere felice. L’amore non è mai dipendenza, mai. L’amore è libertà.”

I tuoi primi libri erano in formato digitale. Cos’è cambiato con il tuo esordio in libreria?

La libreria permette di raggiungere un pubblico molto più vasto. Nella mia esperienza, molte persone ancora preferiscono leggere in cartaceo, amano andare in libreria, scuriosare, lasciarsi consigliare dal libraio di fiducia, leggere qualche passo e poi acquistare. Tutto questo con il digitale non è possibile.

Cosa senti di dire ai lettori?

È un romanzo scritto davvero col cuore e che parla al cuore di tutti, tutti quelli che ogni giorno provano a superare le proprie insicurezze e le proprie paure.

Una storia sull’importanza di assaporare ogni attimo, di non perdere le occasioni della vita. Una storia sull’amicizia che quando è sincera scava dentro anche se fa male. Una storia sul coraggio di guardare oltre la paura per toccare le stelle.

 Qual è il messaggio all’interno del libro?

Credo che tutti abbiamo paura di qualcosa. Quello che vorrei è che la storia di Sole, il suo mettersi continuamente alla prova per superare i propri limiti, servisse da stimolo ai lettori e alle lettrici per fare altrettanto.

Perché se è vero che la paura è contagiosa, anche il coraggio lo è. E Sole con la sua storia me lo ha dimostrato.Quindi il mio augurio è che questa sia per tutti un’estate magica. Un’estate senza paura!

 


RIMANI AGGIORNATO SULLE NOVITA’ – Iscriviti gratuitamente qui!

Federica Cabras

Ventiseienne, grande sognatrice. Legge per 12 ore al giorno e scrive per le restanti 12. Appassionata di cani, di crimine, di arte e di libri. Dipendente dalle paste alla crema. Professione, giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *