ATTUALITA'TELEVISIONEUNO SGUARDO SU...

PER UN NUOVO DOMANI, su Rai3 il docu-film sugli ebrei internati a Castelnuovo | Regia di Luca Brignone

Venerdì 26 Gennaio in prima serata su Rai3 per la regia di Luca Brignone (“Cuori 2”, “Don Matteo”, “L’isola di Pietro”) verrà trasmesso il docu-film “Per un nuovo domani” che ripercorre la vicenda di un gruppo di ebrei stranieri – “internati liberi” nella piccola e isolata Castelnuovo in cui rimarranno per più di due anni.

Un film che è come un diario segreto da poco ritrovato, con estrema delicatezza ti avvolge nelle emozioni dei personaggi. Tra amori che fanno casa tenendosi forti e bambini che continuano a giocare nascosti tra i boschi, la scena del matrimonio è come dentro a una clessidra che i fatti storici capovolgerà.
Oltre al cast di attori esordienti e talentuosi il film raccoglie anche le interviste dei pochi testimoni viventi che hanno vissuto questa storia.

E’ una produzione di Rai Fiction e Alfea Cinematografica, tratta dal libro “L’orizzonte chiuso”
Si tratta della vicenda poco nota di un gruppo di circa 70 ebrei, che, nei primi anni ’40, fu costretto a vivere in “internamento libero”, ossia in domicilio coatto, nel capoluogo garfagnino. Due anni di convivenza forzata che consentirono, nonostante i divieti, lo svilupparsi di rapporti con la comunità locale di reciproco aiuto e solidarietà. Pochi di loro si salvarono alla deportazione nazista anche grazie ad alcune famiglie della Garfagnana.
Protagonista l’attore Neri Marcorè nel ruolo del Dott. Israel Meier, figura centrale nel racconto.

“È stato un modo diverso di rendere omaggio alle vittime dell’internamento e agli italiani coraggiosi che non si sono voltati da un’altra parte, ma che hanno provato a porgere la mano, un sorriso, una coperta, un tozzo di pane”, scrive il regista Luca Brignone

La sceneggiatura del docufilm è di Mario Cristiani, Cosetta Lagani e Stefano Nannipieri.

Ottimo prodotto da non perdere per non dimenticare.

Redazione

Redazione editoriale "M Social Magazine" - www.emmepress.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *