ANDREA CANDOLFO pubblica oggi “Non Racconto L’Amore” sognando Sanremo | Lo abbiamo intervistato

Andrea Candolfo, nato a Milano il 17 settembre 1992 è uno dei cantautori emergenti più promettenti. Si sta facendo conoscere attraverso le sue parole e la sua voce.

Noi lo abbiamo incontrato e intervistato…

Il suo più grande sogno è cantare, cantare i suoi pezzi e ci sta riuscendo con grande sacrificio e fatica ma i risultati stanno arrivando. A Novembre 2016 pubblica il primo singolo “Tra le Nuvole”, che supera le 80mila visualizzazioni su YouTube. A distanza di un anno pubblica il singolo “Questa Sottile Alternanza”, che con oltre 100mila visualizzazioni in meno di un mese gli ha dato la forza per uscire oggi in tutti i Digital Store su etichetta Young Records con “Non Racconto L’Amore” il suo primo EP contenente 5 brani (produzione artistica di Joe Migliozzi).

Perchè “Non Racconto l’Amore”?
Ci sono vari motivi, quando ho iniziato a scrivere l’album con Luigi Andrea Cimini ci siamo dati dei paletti, cioè volevamo fare un album diverso dagli altri, che non parlasse d’amore. Il primo singolo, TRA LE NUVOLE, infatti parla di speranza, di credere nei sogni e di tutto tranne che d’amore.
Quando però poi ci siamo messi a tavolino per scrivere ci siamo resi conto che è impossibile scrivere un album che non raccontasse l’amore, e abbiamo appunto deciso di intitolarlo NON RACCONTO L’AMORE che è una contraddizione perchè in verità lo racconto visto che è impossibile non farlo.
Ma non solo per questo, un altro motivo della scelta del titolo è che in un EP di 5 brani è impossibile raccontare l’amore in toto per cui mi sembrava giusto intitolarlo così. 

QUESTA SOTTILE ALTERNANZA è un titolo molto particolare, non è un titolo classico di un brano, come l’hai scelto?
Hai ragione, l’alternanza per me è un sentimento, ci sono storie d’amore destinate a prendersi e lasciarsi e per me è questa l’alternanza. La possibilità di riscoprire la bellezza dei sentimenti anche dopo essersi lasciati, la bellezza di un bacio o di un abbraccio.

Quando hai iniziato a scrivere le canzoni di questo album?
Se dovessi fare un conto posso dirti che le canzoni viste e risistemate le ho iniziate a scrivere circa due ani fa

Questa sottile alternanza

Sei un autore che scrive molto?
Amo scrivere sia testo che musica, io inizio a scrivere, mi registro al telefono perchè senno poi non ricordo neanche la melodia, la mattina mi sveglio e mi riascolto e a questo punto o mi piace o no e li decido se cestinarla o meno

Hai mai pensato di scrivere per altri?
Mi piacerebbe molto, è un mio grande sogno.

Preferisci fare il cantante o l’autore?
Il cantautore
(ride), mi piace ascoltare una mia canzone cantata da altri ma amo molto cantare i miei pezzi. 

Ascoltando i tuoi brani, soprattutto “Questa sottile alternanza” posso dirti che hai una bellissima voce ma in alcuni momenti può assomigliare a quella di Eros Ramazzotti, sono il primo che te lo dice? Ti fa piacere che si noti?
Altri me lo hanno detto, non molti. Io sono cresciuto con la musica Italiana in generale, forse ho quel modo di cantare che magari può ricordare in questo caso Eros ma è importante per me avere una propria personalità e trasmettere con la propria voce qualcosa e io questo credo di fare.

Visto che mi hai detto che sei cresciuto ascoltando musica Italiana, con chi sei “cresciuto” musicalmente?
Guarda io sono cresciuto con De Andrè e Battisti, può sembrare strano ma amo il cantautorato Italiano. Per me Battisti è un mostro sacro. Ascolto anche musica straniera ma non la seguo particolarmente, mi piace molto l’ultima di Ed Sheeran
(Perfect)

Parliamo di Social, tu lo sei?
E’ molto importante e io li uso molto, al giorno d’oggi se vuoi far conoscere un tuo progetto lo devi essere. Ho Facebook, Instagram, Twitter seguiti e gestiti principalmente da me

Cosa pensi di questa edizione di Sanremo?
Credo che il direttore artistico (Claudio Baglioni) sia una persona validissima, mi aspettavo qualcosa in più nelle nuove proposte mentre per quanto riguarda i Big sono curioso di ascoltare il duetto di Moro ed Ermal Meta

Ti ci vedi a Sanremo?
Io mi ci vedo benissimo, non sono uno da talent, poi mai dire mai.
(ride)
Sono un cantautore e mi piacerebbe che si ascoltassero le mie canzone e non essere giudicato da delle cover.

Se dovessi sognare un duetto? Con chi?
Nessuno mi ha mai fatto questa domanda…

…se devo sparare in grande ti dico Tiziano Ferro o Giorgia 

Cosa vuoi far sapere ai tuoi fan riguardo questo tuo EP?
In questo album ci sono tanti sacrifici, forse molti non lo sanno che per arrivare al prodotto finito ci vuole tanto lavoro. Ti svelo un segreto, circa un anno fa avevo finito l’album, una mattina mi sono svegliato, l’ho riascoltato e mi sono detto che non mi piaceva come suonava e così ho informato il mio produttore che volessi rifarlo tutto perchè mi sembrava un disco vecchio, lui non era molto felice ma ora lo sento più mio

Profilo Facebook Ufficiale

TRACKLIST

La musica ci salverà
Come il profumo delle tue mani
Questa sottile alternanza
Non racconto l’amore
Tra le nuvole


ISCRIVITI alle NewsLetter per non perdere le nostre novità e iniziative!

Christian De Fazio

CEO & Editore di M SOCIAL MAGAZINE, Autore Televisivo, Attore, Mistery Shopper e molto altro... Appassionato di Musica, Televisione, Cinema e Viaggi, alla ricerca sempre di nuovi stimoli.