Lasciarsi Andare è prendere una pausa da se stessi. L’importante è volersi ritrovare

Il corpo parla, la mente a volte ascolta. Le emozioni soffrono. La paura è tanta. Eppure è bello perdersi. Un lusso che non tutti possono permettersi. Questo è il problema, forse.

Ci sono periodi della nostra vita in cui ci sembra di perdere il controllo. Non parlo di gesti estremi o reazioni violente. Mi riferisco alla sensazione di perdere il contatto col presente perché proiettati nel futuro.

Spesso, rifugiati nel passato. Quello stato di fermo indipendente dalla nostra volontà. Come quando da bambini con il rialzo della  temperatura corporea  ci avvertivano che saremmo cresciuti di qualche centimetro in quei giorni di febbre.

Qual è la differenza tra l’avere la febbre da bambini e la depressione da adulti?.

Nessuna. In tutte e due i casi ci sentiamo vittime e ci aspettiamo che passi al più presto possibile. Forse non per tutti. A qualcuno piace stare male. Ci si riconosce. Ci si sente a proprio agio.

Lasciarsi andare spesso è preso come un “accettiamo quel che viene”.

Vogliamo reagire ma non serve. Inutile muoversi. Aspettiamo che passi. Questo momento così inutile. A cosa serve? Ad accrescere cosa? Ci domandiamo.

Eppure solo attraverso il dolore si può pensare veramente a una crescita. E’ come se risvegliasse parti di noi sopite che aspettano di venire allo scoperto attraverso le esperienze. Ma se devono essere lezioni è normale che passino attraverso il dolore. Quando stiamo male, ci perdiamo una parte di vita se rifiutiamo la nostra condizione.

Perdersi è come prendersi una pausa. Importante è volersi ritrovare. Ricordarsi sempre chi siamo e da dove siamo partiti. Importante ricordare il viaggio. Necessario, per questo, ripercorrere le tappe.

Successi. Mancati successi. A volte insuccessi. Questi ultimi li colleghiamo a qualcosa di negativo. Eppure si potrebbe dire che questi sono solo fatti non successi. Non contano se non come esperienze che fanno crescere. Dobbiamo osservare e ricordare quello che è accaduto, cambiare l’informazione per utilizzare quello che è utile e funzionale. Questo ci serve per ritrovare la forza.

Andare. Lasciare e andare.

Disarmante quanta verità può esprimersi in una sola parola. Ritrovare la forza nella leggerezza. Questo è quello che serve. A volte non è facile. Come fare per seguire il proprio ritmo a dispetto di quel che vorrebbe la società. La vita chiede altro.

Eppure noi pensiamo il contrario. Impossibile lasciare andare. Bisogna stare sul pezzo. Chi esce dai giochi è un uomo morto. Chi non può permettersi di vivere, si accontenti di sopravvivere. Privandosi anche della libertà di sbagliare, mollare o lasciare andare le cose come possono andare e non come devono. Subentra il giudizio. Qui si apre un altro scenario. Lo affronterò in un altro momento.

Consiglio

Quante volte mi sono perso, ma sapevo che in questo perdermi avrei trovato un’altra parte di me. Così è da sempre. E questo è quello che voglio. Potermi perdere nei miei pensieri. Potermi trovare nei miei ritmi.

Potermi sentire vivo giorno dopo giorno. Questo è lasciarsi andare per me. Lasciarsi andare a dubbi. Avere la certezza che nulla è certo. Ritrovare quelle parti di noi che spesso dimentichiamo di avere. Lasciamoci andare a quel che siamo, senza paura di apparire diversi dagli altri, un tempo l’unicità era un vanto, oggi sembra essere qualcosa di cui vergognarsi.


RIMANI AGGIORNATO SULLE NOVITA’ – Iscriviti gratuitamente qui!

2 pensieri riguardo “Lasciarsi Andare è prendere una pausa da se stessi. L’importante è volersi ritrovare

  • 3 maggio 2018 in 21:27
    Permalink

    “Ama la goccia che fa traboccare il vaso. E’ nascisti Lì dentro ogni bel cambiamento!”…per lasciarsi andare ci vuole tanto coraggio e consapevolezza di quello che si vive nel lasciarsi andare…

    Risposta
    • 3 maggio 2018 in 23:55
      Permalink

      si Barbara ti dirò che a volte ci vuole più coraggio a mantenere la posizione scomoda pur riconoscendo quanto male ci può fare che prendere quello che ci spetta a discapito di altri che ne pagherebbero le conseguenze.
      non tutti in questa vita riescono a lasciare andare, ma questa consapevolezza a volte è un modo diverso di lasciare andare.
      con affetto

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *