Disobedience un viaggio nei sentimenti, e nell’universo femminile, guidati dal regista cileno Sebastián Lelio

C’è l’amore universale e l’amore “diverso, c’è la morte e la vita, la religione, le convenzioni schiaccianti della società… Bè, direte, nulla di poi così nuovo… ma se a metterli in scena è Sebastián Lelio, non ne siatene tanto certi.

09Lelio torna ad indagare i grandi temi della vita, mettendo sempre al centro della sua indagine l’universo femminile a 360 gradi, e ci riesce con una veridicità, una delicatezza (anche nei momenti più “spinosi”) una forza, che tolgono il fiato.

Si, perché davanti alla pellicola, volenti o nolenti, che sia per la storia o perché la storia riesce a spostare il vostro pensiero, si rimane toccati, pianto, sconcerto, per qualcuno, forse, sdegno, speranza.

Siamo in una comunità ebraica, con tutto ciò che essa porta con sé, siamo a Londra, ed è appena mancato il rabbino capo della comunità. Ronit vive a New York lontana, almeno geograficamente, dall’oppressione della provincia, dagli schemi che non le appartengono, ma Ronit è anche la figlia del rav.

L’incipit è dunque la morte, che diventa l’occasione del ritorno a casa. Ma il ritorno a casa serberà dolore che si aggiunge al dolore, svelerà i “retroscena” di una comunità e di una famiglia, riaccenderà il rapporto, troncato dalla partenza di Ronit, con l’amica di infanzia Esti, da dove esso era stato lasciato. Si apriranno e chiuderanno porte, si faranno scoperte, si troverà la pace e il perdono, anche di sé tessi…

Magnifiche le protagoniste, Rachel Weisz e a Rachel McAdams, intense oltre misura, vive, credibili dall’inizio alla fine.

Tratto dall’omonimo romanzo di Naomi Alderman, il film di Lelio si colloca ancora una volta in una dimensione che scuote l’anima e il pensiero.

DISOBEDIENCE_SCHEDA

 Titolo originale: Disobendience

Anno: 2017

Data uscita: nelle sale italiane 25 ottobre 2018
Genere: drammatico
Regia: Sebastián Lelio

Soggetto: tratto dal romanzo di Naomi Alderman
Con: Rachel Weisz, Rachel McAdams, Alessandro Nivola, Cara Horgan, Mark Stobbart
Paese di produzione: USA, Regno Unito, Irlanda
Durata: 114 minuti
Distribuzione Italia: Cinema

Annalisa Stretti

Giornalista Pubblicista, esperta in Comunicazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *