Caro Ultimo, riguardo “quel ragazzo… Mahmood” |Lettera aperta

Caro Ultimo,

Sono Monica Landro, discografica e giornalista, ed ero presente in sala stampa quando hai “sbottato”, a notte fonda.

Ho un’esperienza in campo musicale di oltre 20 anni e ti aggiungo che sono figlia a mia volta di un discografico che a sua volta fu anche un cantante. Insomma, di musica ne mastico, direi. Potrei scriverti come professionista e spiegarti che il mio voto è realmente tecnico e non di pubblico da casa che ti vota a prescindere dalla canzone che presenti.

Ti scrivo invece come persona (mamma è il termine che vorrei usare ma ho capito che sei un tipo un po’ nervosetto e non vorrei urtarti fin da subito. La tocco piano, diciamo..).

Permettimi una piccola premessa. Ho un figlio 18enne, all’ultimo anno di scuola. Di recente ha preso un 5 in un compito in classe di diritto. Aveva studiato molto, si era applicato e ci teneva ad un buon risultato. Bene, davanti a quel voto consegnato in classe ha “sbottato” pure lui. Ha inveito contro il Prof. e ti riporto testualmente quanto gli ha detto <<Figa Prof! Lei mette i voti a caso!!>>. Non ti riporto invece la nota (!!!) che ho ricevuto al riguardo. Ai miei tempi per una cosa del genere sarei stata sospesa senza passare dal via! Ovviamente puoi immaginare la mia reazione: sgrido molto mio figlio, arrogante e maleducato, e corro dal Professore a scusarmi. Conveniamo insieme che Alberto sia un bravo ragazzo, che sarà stato un momento, che l’età, gli ormoni, le aspettative sul voto e bla bla bla… insomma, il caso rientra e ovviamente mio figlio si scusa con lui.

Dando il dovuto peso e le dovute differenze – mio figlio era in classe, tu in mondovisione – il concetto non cambia perché tu sabato notte in sala stampa, mi hai dato la stessa impressione. Eri arrabbiato, ti aspettavi un altro risultato. Con i modi che purtroppo sono entrati nel linguaggio comune di voi giovani, hai espresso la tua frustrazione ed il tuo disappunto. Non ti voglio giudicare né condannare per questo. Non ti conosco se non per la tv e le interviste. So che mio figlio è un bravo ragazzo, educato, con una buona famiglia. Non ho elementi sufficienti per non pensarlo anche di te.

Invece, caro Niccolò, sono qui a scriverti per un altro aspetto, che mi è dispiaciuto molto. Parlando di Mahmood hai detto “Ha vinto il ragazzo…Mahmood”. Non ce la stiamo a raccontare: non tanto il tono quanto l’espressione usata è indicativa del tuo sentimento (in quel momento) verso il collega.

Su questo mi piacerebbe che tu riflettessi. Non so se in separata sede tu lo abbia fatto, ma vorrei sperare che ti sia scusato con lui.

Alessandro Mahmood è un tuo collega, quasi coetaneo. Siete giovani e vi accomuna lo stesso sogno: cantare… e diventare famosi. E’ giusto, è lecito e sacrosanto che vogliate diventarlo! Fate bene ad avere questa ambizione.

Alessandro, come te, sognava di vincere. Forse a differenza tua non se lo aspettava, ma lo sognava sicuramente.

Mahmood ha una lunga gavetta, come te, e naturalmente non ha in alcun modo avuto ruolo nelle votazioni che lo hanno visto trionfare, se non di avere dato il meglio, come te.

Mi sarebbe piaciuto che tu empatizzassi con la sua vittoria. Che fossi più credibile nel dire che eri contento per lui, che non lo apostrofassi con “il ragazzo” che sapeva di “minus” rispetto a te. Mi sono chiesta come ci sarà rimasto e perché mai ce l’avessi con lui. Tu no?

Sono certa che se tu avessi vinto e lui fosse arrivato secondo, oggi lui sarebbe felice per se stesso e fiero di essere “solo” ad un passo da te, che riempi già i Palazzetti.

Non sono qui per dirti nulla sulla tua reazione verso di noi in sala stampa e -nel mio piccolo- non sposterà il mio giudizio artistico sulla tua bravura e sul tuo talento.

Sono qui per suggerirti una riflessione che negli anni ho imparato a fare mia: le persone, con i loro sentimenti, vengono prima dei ruoli e delle gare.

In bocca al lupo a te. Ci vediamo al tuo prossimo concerto a Milano.

E… in bocca al lupo ad Alessandro Mahmood che ha una bella canzone e che in sordina, piano piano, in 5 serate, ha catturato l’attenzione dei più.

Monica Landro

Direttore Responsabile

M Social Magazine

Monica Landro

Studi classici, una laurea in Lettere e Filosofia, un tesserino dell'Ordine dei Giornalisti, la Direzione di M Social Magazine. Questo è il CV in estrema sintesi. Ma quello che veramente mi descrive è l'amore per la musica, per i libri, il teatro e i viaggi. Amo cucinare le torte e prendermi cura delle mie piante. Odio i calcoli matematici, le percentuali e i problemi di geometria. Amo stare in mezzo alla gente ma amo ancora di più stare con me stessa. Amo la Sicilia, i suoi colori, sapori e tramonti. Ogni volta che la vita mi sembra difficile, cerco di raggiungere uno scoglio, mi siedo e ne parlo con il mare.

8 pensieri riguardo “Caro Ultimo, riguardo “quel ragazzo… Mahmood” |Lettera aperta

  • 11 Febbraio 2019 in 15:46
    Permalink

    Non sono d’ accordo con lei anche se con tutte le sue buone maniere vuol convincere tutti noi che ha vinto il migliore pur sapendo che Ultimo era stato votato dal ” popolo ” in % molto + alta del primo classificato. Quindi la sua rabbia è da comprendere, anche io al suo posto mi sarei indignata visto che il voto da casa, per altro a pagamento, non vale praticamente nulla !

    Risposta
  • 11 Febbraio 2019 in 20:08
    Permalink

    Ho letto fino in fondo il suo commento e la ringrazio perché attraverso le sue parole ha dato voce anche al mio pensiero (e spero quello di molti). Mi piace la musica ma non sono una esperta. Credo che al di là di tutto l’educazione e il rispetto vengano sempre prima di ogni cosa, soprattutto quando ci troviamo di fronte a degli artisti talentuosi che necessariamente dovrebbero lavorare su se stessi, sui propri sentimenti ed emozioni per poter tradurre e trasferire il tutto nella musica. Ho sempre pensato che l’arte “è qualcosa” che rende migliori perché è nella sua essenza.

    Risposta
  • 11 Febbraio 2019 in 23:51
    Permalink

    Brava, bella lettera, ultimo dovrebbe ringraziarti

    Risposta
  • 12 Febbraio 2019 in 08:31
    Permalink

    Condivido pienamente con te. Giustissime le tue parole. Spero Ultimo legga fino alla fine

    Risposta
  • 12 Febbraio 2019 in 19:40
    Permalink

    Estremamente cortese e, comprensiva!
    Io sarei stata un poco più incisiva… dura, trasparente come un diamante ( perché no, anche tagliente con i superbi altezzosi) ! INSEGNA!

    Risposta
  • 13 Febbraio 2019 in 01:49
    Permalink

    il nervosismo di Ultimo, premetto che mi piace poco, era forse necessario a chi organizza il Festival, non solo Sanremo. Mi capita di essere in giuria, a volte, o di organizzare eventi, e personalmente divido in due i premi, uno di giurati diciamo tecnici o ospiti e uno del pubblico che a volte possono anche essere per lo stesso artista o performer molte altre sono proprio giudizi differenti. Bhe se la reazione di Ultimo non sia delle brillanti interpretazioni credo che sia servito anche ai pachidermi della Rai e anche a diversi giornalisti specialmente a coloro non tecnici ma a caccia di gossip. una cosa è colui che mangia musica e un altro chi scrive di attualità, attualità colorata per i settimanali adatti a Uno Mattina di Sabato e Domenica. io andavo a Sanremo oltre 20 anni fa e non ci sono andato più da quando mi è stato chiesto di sostenere un artista. mi piaceva ma l’imposizione non mi piaceva. UNa notiiza di poco conto ma assai eloquente per noi. quest’anno ho ricevuto tre richieste per accreditare 3 persone non iscritte all’ordine proprio da colleghi che volevano favorire degli amici. io credo che ne avrai trovati in sala stampa qualcuno che si presentava come giornalista e non scrive.
    con cordialità
    Enzo Fasoli
    direttore di http://www.aspapress.it e collegati

    Risposta
  • 17 Febbraio 2019 in 06:02
    Permalink

    da una grande donna ci si può solo aspettare grandi parole.
    grazie mille per questa lettera aperta

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *