Alejandro G. Iñárritu sarà il presidente di giuria della 72′ edizione del Festival di Cannes 2019

Il regista messicano Alejandro G. Iñárritu è stato nominato presidente di giuria della 72° edizione del Festival di Cannes si svolgerà dal 14 al 25 maggio 2019: il coronamento di un rapporto decennale con la Croisette.

Dopo il tentativo di scendere a patti con Netflix dei giorni scorsi, il Festival di Cannes ha annunciato oggi chi sarà il presidente della giuria del concorso principale.

Stavolta a coordinare il lavoro dei giurati che assegneranno la Palma d’oro sarà Alejandro G. Iñárritu. Il regista di Birdman, Revenant – Redivivo e Amores Perros è il primo messicano a ottenere questo prestigioso incarico.

Il suo connazionale e amico di lungo corso Guillermo del Toro aveva presieduto la giuria dell’ultimo Festival di Venezia, premiando il connazionale Alfonso Cuarón con il Leone d’Oro.

I tre registi formano un trio affiatato di colleghi e amici, che ha persino un nome ufficiale: i Three Amigos!

La notizia è stata accolta con gioia dal regista messicano, che ha fatto sapere attraverso un comunicato di esserne onorato, dato che Cannes è considerato l’epicentro del circuito festivaliero mondiale.

“Il cinema scorre attraverso le vene del pianeta e questo festival è il suo cuore. Io e gli altri giurati avremo il privilegio di essere testimoni dei nuovi, fantastici film dei colleghi registi del resto del mondo. È un grande piacere e una responsabilità che mi assumo con passione e dedizione“.

Chissà, forse Iñárritu non ha saputo dire di no al Festival che ne ha incubato e lanciato la carriera. Proprio in Costa Azzurra nel 2000 venne presentato il suo lungometraggio di debutto, Amores Perros.

Il Festival di Cannes ha ospitato due anni fa anche i suoi ultimi progetti più sperimentali, come l’esperienza in realtà virtuale intitolata Carne y Arena.

Pierre Lescure, il Presidente del Festival, e Thierry Frémaux, il suo Direttore artistico, hanno elogiato Iñárritu come “non solo un filmmaker coraggioso e un regista che è sempre pieno di sorprese, ma anche come un uomo sicuro, un artista del suo tempo. Cannes accoglie tutti i tipi di cinema, e attraverso la presenza del regista di Babel, è il cinema Messicano quello che il festival celebrerà” hanno detto Lescure e Frémaux.

I due hanno notato che non era sicuro che Iñárritu accettasse di partecipare alla giuria, tanto meno nelle vesti di Presidente.

Armando Biccari

Mi chiamo Armando Biccari ho origini pugliesi sono un giornalista ho lavorato e lavoro lavoro per diverse Testate giornalistiche online e Carta Stampata, e Radio TV ho vissuto in diverse città Italiane Genova, Venezia, Prato Macerata. Tra le mie passioni ci sono oltre al Cinema la comunicazione musicale Sociologia dei New Media Audiovisivi Televisione, e la comunicazione scientifica e tutto il resto...