QUENTIN TARANTINO: da “Pulp Fiction” a “One Upon a Time in… Hollywood”

Quentin Tarantino, famoso regista hollywoodiano che ha incantato i grandi schermi con celebri film quali Pulp Fiction, Le Iene, The Hateful Eight, oggi ci delizia con un nuovo film di stampo un po’ differente rispetto ai precedenti; difatti One Upon a Time in…Hollywood, per 3/4 della durata, dà la parvenza di essere un film con uno stampo meno violento e con scene meno d’effetto impattante.

In perfetto stile Tarantino, che ricostruisce meticolosamente l’ambientazione e lo stile di Hollywood dei fine anni ’60, il film verte più su l’attenzione alla scenografia che ad una vera e propria sceneggiatura.
Tarantino decide di lavorare ancora una volta con Di Caprio, impeccabile, così come lo era stato in Django Unchained, nella sua rappresentazione di un attore in decadenza lavorativa.

Ad accompagnare un premio Oscar, un altro grandissimo attore che rende il tutto un po’ più “pepato”: Brad Pitt.
A lui che si deve la scena che ha tenuto tutti incollati al grande schermo, la scena finale rappresentante a doc la tecnica del regista.
Ci sono alcune domande che si celano dietro questo film:

Chi è la bambina attrice e perchè non vuole rivelare il suo nome?


Perchè si lascia così poco spazio alla figura di Sharon Tate (Margot Robbins)?

A tal proposito, il regista con un colpo di genio degno del suo nome, insceneggia l’omicidio da parte di Charles Manson nei confronti della Tate quando era all ottavo mese di gravidanza, in casa Polansky (che all’epoca era in Europa per lavoro), rappresentando tre hippies che sotto effetto di acidi, assoldati da questo misterioso “Charly”, fanno irruzione nella villa di fianco, quella di Rick Dalton (Leonardo di Caprio) e tentano di uccidere tutti all’interno, ignari che Cliff Booth (Brad Pitt) lo stantman di Rick, uomo che secondo Tarantino, avrebbe potuto scaraventare su un auto Bruce Lee, ed il suo pitbull siano all’interno della casa.
Rick, depresso per il suo decadimento artistico e per essere un’alcolista da ben quattro litri di Daiquiri Frozen a sera, sente di aver trovato la svolta, dopo tutto il trambusto creatosi a notte fonda, nell’invito della Tate a bere un drink con degli amici a casa, certo di avere un’altra possibilità di entrare a far parte del jet set di attori di grande spicco e tornare anche lui nelle grazie della Madame Cinemà.

Pare proprio che Quentin, questa volta, abbia voluto distaccarsi dall’immagine di violenza e crudeltà di Pulp Fiction e Sin City, che rappresentavano scene di overdose di cocaina, stupri e sicari, pistole e omicidi e abbia scelto di mantenersi più sul soft e sulla suspance, creando scenari all’apparenza evidenti ma che in realtà riuscivano a stupire.

Martina Caputo

Martina è una giovane donna ambiziosa, fin dalle scuole primarie si avvicina alla scrittura, abbracciando in particolare modo il giornalismo (con giornalini "redatti" rigorosamente su fogli A4 con tanto di disegni, che denunciavano i problemi del mondo. Sviluppa nella tarda adolescenza la passione per la poesia, in seguito allo studio di poeti del calibro di D'Annunzio e Wilde. Cambiamenti di prospettive la direzionano a scelte diverse tra di loro, talvolta sbagliate ma che fanno comunque parte di quel grandissimo bagaglio che ogni uomo si porta dietro: l'esperienza. Diplomata in ragioneria, lavora da quando ha 16 anni mantenendo, così i suoi interessi. Dopo un iniziale percorso in Relazioni Internazionali, decide di partire alla volta di New York, metropoli nella quale viene selezionata per uno stage breve per le Nazioni Unite. Innamorata della possibilità dell'essenza del "divenire" in America e della voglia di approfondire la lingua e mettersi in gioco, decide di trasferirsi a Chicago per studiare Marketing e Social Media Communcation. Una volta tornata in Italia, riprende gli studi, vertendo la sua attenzione in Psicologia della Comunicazione. Apre una società che si occupa di pubbliche relazioni, gestione social media e marketing, organizzazione di eventi, con particolar focus nel settore ristorazione (food and beverage).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *