Loredana Errore ci racconta il suo nuovo singolo 100 VITE “è un grande bisogno di rinascita, di riscatto con se stessi…” | INTERVISTA

Vi siete mai chiesti quante vite servano purché si ritorni ad amare?E quante ce ne occorrono per dirsi le cose abbandonando orgoglio, rabbia e mancate occasioni.? A queste ed altre domande risponde la cantautrice Loredana Errore con il suo nuovo singolo“100 VITE”, brano scritto da Stefano Paviani e Riccardo Rizzardelli.

“In queste 100 vite ci ho rivisto la mia che mi ha accompagnato per tutti questi 35 anni, in infinite volte che mi ha fatto rinascere svelandomi segreti profondi che solo avendoli vissuti posso provare.”, racconta Loredana.

A tal proposito noi di M Social Magazine abbiamo deciso di fare due chiacchiere con lei: “Non abbiamo paura di dirci di quanto abbiamo sbagliato e che senza volerlo,abbiamo ferito amaramente.” Ci spiega Loredana, poi continua: “Siamo coraggiosi nel riconoscerci veri e fragili dove l’imperfezione ci ha dato l’equilibrio con la pace e l’amore.”
Ecco a voi la nostra chiacchierata.

Ciao Loredana e benvenuta tra le pagine di M Social Magazine. Da giovedì 30 aprile è disponibile in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme digitali “100 VITE”il tuo nuovo singolo. Raccontaci di questo nuovo progetto.

Ciao amici di M Social Magazine. “100 vite” è il brano con cui ritorno dopo 4 anni. È una vera sorpresa questa canzone a partire dalla veste, tutta nuova che mi ha permesso  di sperimentare questo nuovo modo di fare musica. “100 Vite” è un grande bisogno di rinascita, di riscatto con se stessi, che per le volte in cui si è caduti e la fermezza nel voler rinascere attaccandosi alla vita.

La musica è sempre stata per te, il collante tra la vita e il cielo. Già da piccolissima, in casa imitavi i cantanti  deliziando tutti alle feste di compleanno. Ripensandoci ora come ricordi quel periodo?

Beh direi spensierato. La musica come ho sempre pensato è davvero il mio collante tra cielo e terra, sospesa, volteggiando grazie alle grandi emozioni che mi ha trasmesso. La musica sa dove portarti senza danneggiarti, arriva dritta al cuore e ti alleggerisce di pesi e brutti pensieri. Sono grata perché la musica fa parte, davvero, della mia anima.

Sei riuscita a dare una chiave di lettura positiva anche agli ostacoli della vita che richiedevano uno sforzo maggiore. Intanto complimenti. Come possiamo trovare positività? Attraverso quali mezzi?

Grazie a voi ma in realtà se ami la vita la devi seguire e ascoltare. Diversi errori compromettono o salvano allo stesso tempo il nostro andare… direi che è tutta una serie di somme, il trasformare in positività la musica insieme alla fede, sono stati di grande aiuto.Posso dire con certezza che amare la vita ti insegna la strada maestra!!

Nel 2009 all’età di 24 anni, entri nella scuola di “Amici” di Maria De Filippi. conquistando così il secondo posto. Ripensandoci ora, cosa lascia un talent così importante come quello di Maria a una giovane artista?

Il talent a cui ho partecipato è stato un’ inversione di marcia per tutte le prove che avevo affrontato fino ad allora. Da lì in poi,  la tabella di marcia è stata un passaggio veloce in grandi spazi musicali; mi vengono in mente tutti i palchi importanti che ho calcato in seguito ad amici. “Amici” lascia tanta voglia di farcela ma all’inizio anche un po’ di  vuoto per quanto è stata intensa la permanenza ad amici, mi mancavano all’inizio le abitudini, i ritmi, la musica che facevamo li dentro. Ma in seguito, mi ha permesso sicuramente di guardare il mio futuro con grandi aspettative. Grazie Maria e tutto lo staff.

Biagio Antonacci ti scrive le prime canzoni di cui una autobiografica intitolata: “Ragazza occhi cielo”. Come nacque la vostra collaborazione?

La collaborazione è stata una vera sorpresa, mai mi aspettavo fosse lui. Il tutto inizia in sala 9 ad Amici dove Maria mi parla e mi racconta di questo brano che per la sua particolarità mi avrebbe fatto piangere dall’emozione e che alla fine avrei capito l’autore. Ed ecco che sentendo quel “ ha conquistato anche me” intesi subito c’era Biagio Antonacci lo ringrazio per tanta musica generosamente datami e che tutt’oggi custodisco come stelle.

Prima di salutarci e ringraziati volevo chiederti: “La vita ti ha donato gioie e dolori. Ora sei pronta per scrivere una nuova pagina di verità, di musica e di messaggi positivi. Quale il tuo messaggio prima di salutarci.?

Il mio messaggio è di vera pace e benessere!! Abbiamo tutti bisogno di tenerezza e che sia proprio lei unita alla Gioia a far uscire il cuore delle persone e farci vedere che lui ci guida, ci fa viaggiare in prima classe con la vita!!. Prendete la Vostra vita e ricamatela di autenticità, fatene un capolavoro il mondo le persone hanno bisogno di noi!!

Rosa Spampanato

Rosa Spampanato anni 35. Amante della scrittura. Collaboratrice per diversi Magazine Online nella sezione spettacolo: Cinema, Musica, Teatro e TV.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *