Tantissime le uscite discografiche | “Venerdischi della settimana” va in ferie

Eccoci al giro di boa, vi saluto perchè Venerdischi della settimana va in ferie. Sono stati due anni pazzeschi. Anni in cui spero di avervi fatto scoprire tanta musica nuova. E allora andiamo a chiudere in bellezza.

Canova con Tutti uguali a proposito del nuovo singolo Matteo Mobrici, frontman dei Canova, afferma: “Tutti Uguali è la nostra canzone più corale e in qualche modo anche positiva, antidoto di questa incertezza…”

Braschi è interessante con la sua Buon tutto tanto che mi vien difficile definirlo, ha qualcosa di davvero originale questo brano nelle sonorità e forse persino nella scrittura. Da approfondire.

Rovere Mappamondo è il nuovo singolo della band indie bolognese, incalzante è l’aggettivo più adatto.

Cloude Ti Avrei Voluta feat. Blue Virus qui il beat è ben costruito, il brano “gira” e risponde con dinamiche riuscite nonostante nel rap sia difficile ricrearle.

Guè Pequeno Saigon il nuovo singolo di estratto dall’album “Mr. Fini”.

Il Tre Te lo prometto il rap di questo ragazzo a mio avviso funziona e se ne sta lontano dai clichè del linguaggio duro di strada.

E dai clichè di strada al Cliché di Saturno ballad fresca dal sapore urban indie.

Danti Liberi feat. Raf & Fabio Rovazzi un trio inedito, forse persino azzardato per un brano che così male non è. Raf è il pezzo forte.

Daniele Isola e Cortellino in Non mi ricordo piu tracciano un inno estivo scanzonato e ironico da cantare sotto l’ombrellone con un nannananana. Daniele Isola torna dopo il suo ultimo singolo Samurai, il triestino Enrico Cortellino è invece reduce dal suo ultimo album “Solo quando sbaglio” e poi l’avete capito se ascoltarlo non è stato un errore?

Fadi dopo l’esperienza sanremese si ripresenta con Owo ; sonorità allegre al grido di multiculturalità anche nel sound.

Chiara Ragnini Un Angolo Buio interessante, consigliata se vi piace il cantautorato al femminile da sonorità ricercate con un tocco rock.

Ginevra Sconosciuti suoni vagamente dark densi e colmi di echi fanno risuonare in noi un umore tra la leggerezza e la malinconia.

Glomarì L’ama O Non L’ama? un ballata arricchita dalle viole, una storia che ricorda vagamente la tradizione portata avanti da Dè Andrè. Suggestioni medioevali.

Elvira Caobelli Voglio fare l’amore con il sole brano firmato dalla stessa e da Veronica Marchi. Il testo potrebbe risultare interessante, la canzone da la sensazione (passatemi la metafora) di percorrere una discesa con il freno a mano tirato. Non solo per via dell’arrangiamento minimal, ma per via delle linee vocali stringate.

Anansi torna dopo le collaborazioni di questi anni con Coez, Ghemon, Frah Quintale, Frankie Hi-NRG e Roy Paci con il nuovo singolo Mamma e Anna.

Ganoona con Cucurucucù senza scomodare la Paloma sembra un ibrido tra Mahmood e il primissimo Tiziano Ferro.

Declan J Donovan Tangerine Skies il brano segue la pubblicazione del singolo Fighting With Myself e dell’EP “Homesick” contenente 7 tracce.

Andrelli Hey There Delilah remake estivo del successo dei Plain White T in una veste house ed electro-pop.

Aloe Blacc My Way voce black importante e un pezzo ben scritto per il genere in cui si inquadra.

Anticorpi Cortesemente anche qui le sonorità sono electro-pop ma il testo è leggero e scanzonato.

Neno all’anagrafe Stefano Farinetti, concorrente di Amici 19 ci porta in Faccio Tardi Pure Oggi.

Lisbona Fresco di vittoria al Premio InediTO 2020 per la categoria “Testo Canzone”, l’artista presenta ora un brano indie pop dalla melodia catchy nel racconto di un addio in Quello Che Uccide I Calzini. Sul finale mi rievoca un po’ Hubner di Calcutta.

Raffy Tiki Tiki se non ci sono ritmi raggaeton non siamo contenti, il pezzo son sicuro funzionerà, il testo è banale. 

Bobo Vieri, Nicola Ventola, Lele Adani Una Vita Da Bomber. Brano al confine del trash e videoclip clichè pallone e belle ragazze, feste in piscina e per non farci mancare nulla ritmi latini e raggaeton. Funzionerà nei villaggi turistici!

Valeria Marini con Boom la subrette ci propone una canzone. A voi la critica.

Angela Nobile Io non ci sto “Un brano scritto per tutte quelle donne che non si identificano in uno stereotipo, ma in generale è dedicato a tutte le persone che vogliono vivere la loro vita liberamente e come meglio credono”

Famba con In My Head feat. Eric Lumiere propongono un pezzo dance di cui non vi è molto da dire, le tracce dance spesso si somigliano ma quasi mai i brani sono sgradevoli. Anche questa è tutta da ballare.

Sapienza Musica feat. The Romy & Fel-x latin dance per gli amanti del genere.

E per chiudere il filone Robin Schulz & Wes Alane.

Kygo & Onerepublic Lose Somebody pezzo radiofonico non c’è molto da aggiungere.

Nek Ssshh!!!  il titolo suggerisce di non parlarne, allora andatelo ad ascoltarlo e stop.

Ci si legge e ci si ascolta fra un paio di mesi.

Simone Pozzati

Scrittore e autore di canzoni. il suo primo libro "Labbra Blu" (Diamond Editrice 2015), è una raccolta di storie nere, di inusuale follia, che rievocano le dantesche e infernali cantiche. È stato il curatore editoriale del libro contro la violenza sulle donne "Era mio padre" - Claudia Saba (Diamond Editrice 2016). Il drago di Carta (Augh Edizioni 2017) è una favola per bambini volta a far riflettere sul valore dei sogni. Presto diventata spettacolo teatrale. Ha collaborato come autore all'ultimo disco dei Remida "In bianco e nero" (Radiocoop Edizioni). Il suo ultimo libro è "Il testo e la figura del paroliere"(Arcana)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *