Francesco Renga presenta QUANDO TROVO TE: “Sono sicuro che sarà una canzone che crescerà nell’arco delle serate” | CONFERENZA STAMPA

“Avevo appena traslocato ed eravamo nel primo lockdown e in pieno lockdown. Mi trovavo in una casa nuova e con niente da fare. E così tra i miei scatoloni ho trovato i miei vecchi diari, le mie vecchie foto , insomma ricordi tangibili che avevo nascosto in me per proteggerli. E così estremamente potenti sono riaffiorati dando vita poi a una canzone nata in soli quattro ore. Un successo, una magia”

Queste le parole in conferenza stampa di Francesco Renga che sarà in gara al 71° Festival di Sanremo con il brano “QUANDO TROVO TE” (Sony Music).

«Tornare a Sanremo non ha mai avuto per me un significato più profondo – racconta Francesco Renga – non è solo la gioia di tornare su quel palcoscenico, in quel contesto così importante per la musica e per il mio lavoro. Questa volta significa ricominciare finalmente a farlo, il mio lavoro. Significa ripartire insieme con tutto il Paese.”

QUANDO TROVO TE”, scritto da Francesco insieme a Roberto Casalino e Dario Faini, racconta del momento in cui quel ricordo felice che ognuno di noi tiene nascosto in fondo al proprio cuore come un prezioso tesoro, al riparo dal casino della quotidianità, all’improvviso riaffiora potente nelle nostre esistenze, restituendo loro un senso più profondo e aprendoci gli occhi su una realtà che è migliore di quello che pensiamo.
Sono sicuro che sarà una canzone che crescerà nell’arco delle serate.Tengo molto a questa canzone è davvero importante per me perché è diversa dalle altre ballad che ho portato in passato. È un brano con ritmo e felicità, una canzone di speranza. Sembrerà banale dirlo ma dedico a tutti voi e sicuramente anche a me questo brano e questo Sanremo che rimarrà sicuramente negli annali, e si speri sia anche l’unico.”

Parlando poi del Cast Sanremese racconta: “Un cast agguerrito e molto forte, legato al momento storico che stiamo vivendo nella musica. Non dico che mi sento il nonno ma uno zio si(Sorride). Sono stato a Sanremo 30 anni fa’, avevo 22anni, ed essere ora qui con loro che hanno la stessa età di quando ho partecipato io è una cosa che mi diverte molto. Al tempo io ero nelle nuove proposte e oggi con piacere vedo che ci sono giovani che partecipano tra i big. Credo sia questa la novità assoluta di quest’anno.”

E a chi gli chiede quale consiglio di sente di dare ai giovani in gara, Renga conclude spiegando che: “I giovani non devono perdere quel fuoco e quella luce potente che hanno dentro. Di viveri il periodo di Sanremo con spensieratezza aggiungendo quel pizzico di follia per vivere un momento magico.”

Rosa Spampanato

Rosa Spampanato anni 37. Amante della scrittura. Articolista per M Social Magazine Articolista per il Quotidiano LaSicila Collaboratrice per il Magazine Cherrypress e per la testata locale Rivista Zoom Sezioni di Riferimento Cinema TV Musica