Dalle nuove restrizioni di Draghi all’Isola dei Famosi della Blasi, passando per la querela della De Filippi a Delle Piane: mucha mierda a todos!

Molti anni fa qualcuno ci insegnò che “non tutti i mali vengono per nuocere”, ciò nonostante, viste le nuove misure stringenti emanate dal Governo di Mario Draghi, si farebbe prima ad affermare che “certi mali” non finiscono più, ma questa è un’altra storia, quella di una quarantena infinita ai limiti della legalità.

E così, al pari della vita, la quindicesima edizione dell’Isola dei Famosi, nemmeno fosse una nuova puntata di Ciao Darwin, l’esilarante show condotto da Paolo Bonolis e dalla sua inseparabile spalla Luca Laurenti, si divide in due categorie poste a confronto, i Buriños e i Rafinados, una sorta di archetipi di tutte quelle persone che abbiamo la fortuna, o il più delle volte sfortuna, di incontrare lungo il nostro cammino.  Da Vera Gemma a Daniela Martani, passando per Paul Gascoigne e Gilles Rocca, però, ad un primo sguardodi Rafinados non se n’è vista neanche l’ombra, ma sono certo che, presto o tardi, qualcuno che abbia il senso del buon gusto salterà fuori. Chissà, magari Drusilla Gucci Ludolf, pronipote del fondatoredell’omonima Maison di Moda Guccio Gucci e collezionista seriale di ossa di animali morti (roba che farebbe rabbrividire persino il regista del celebre film del 1999 con Denzel Washington e Angelina Jolie).  In formissima la sempreverde Iva Zanicchi, stella del panorama dello show business nostrano che di riempire i vuoti ed occupare uno spazio senza sconfinare nella scontatezza sicuramente se ne intende. Lo stesso si potrebbe dire della padrona di casa Ilary Blasi che, sebbene a detta sua non conosca l’inglese e a malapena capisca l’italiano, tra gaffe immediatamente diventate virali e quella sana leggerezza che la contraddistingue, saprà indubbiamente gestire al meglio le dinamiche della trasmissione con quel pizzico di spontaneità che con guasta mai. A differenza di alcuni suoi colleghi, infatti, e non c’è neanche bisogno di ribadirlo, la compagna di Francesco Totti non fa nessun tipo di distinzione tra i concorrenti, anzi, a lei i figli e i figliastri proprio non le stanno! Inoltre, non vedo l’ora di poter ritrovare in studio Elettra Lamborghini e di seguire gli sviluppi della prossima puntata che andrà in onda giovedì sera. Mucha mierda a todos!

In quel di Roma, invece, pare non si abbia alcuna voglia di scherzare dal momento che la società Fascino PGT di Maria De Filippi ha preso provvedimenti legali nei confronti di Pietro Delle Piane per le sue affermazioni tendenziose in merito alla trasmissione Temptation Island. Che dire, ultimamente vorrei vestire i panni di tanti fuorché del compagno “ex-novo” di Antonella Elia che non perde occasione per far sfoggio delle sue poche capacità attoriali da prefica andata a male e di quel no-sense di cui riesce persino a farsi vanto!

Ah, e per finire, tra le cose che non avrei mai voluto né leggere né sentire, il Vaticano ci ha dato l’ennesima prova dell’arretratezza culturale e ristrettezza mentale figlie della nostra epoca, non concedendo la sua benedizione alle unioni omosessuali in barba alle recenti raccomandazioni di Papa Francesco sulla necessità di “costruire una società civile”. Beh, fortunatamente ci hanno pensato Elodie ed Ermal Meta a rammentarci quanto l’amore scavalchi qualsiasi ostacolo, in fondo, è l’unica forza in grado di far girare il mondo e che ci permette di essere semplicemente e liberamente noi stessi!!!

Simone Di Matteo

Simone Di Matteo, curatore della DiamonD EditricE, autore, scrittore e illustratore grafico è tra i più giovani editori italiani. I suoi racconti sono presenti in diverse antologie.Nel 2016 partecipa con Tina Cipollari alla V edizione del reality show Pechino Express in onda su Rai2 formando la coppia degli Spostati. Dopo Furore (tornato in onda in prima serata su RAI2 nel marzo 2017) 
è tra gli ospiti del nuovo esperimento sociale in onda su Rai4 Social House. Attualmente è impegnato in una missione segretissima a favore della pace nel mondo. Web: www.simonedimatteo.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *