Grande Fratello Vip Christmas Edition: un’Irriverente Presepe per la casa più spiata d’Italia

Poiché, se si proponesse a tutti gli uomini di fare una scelta fra le varie tradizioni e li si invitasse a scegliersi le più belle, ciascuno, dopo opportuna riflessione, preferirebbe quelle del suo paese: tanto a ciascuno sembrano di gran lunga migliori le proprie costumanze” ci rammentò tantissimo tempo fa lo storico per antonomasia Erodoto. E dal momento che siamo nel giorno dell’Immacolata Concezione, in cui ci si appresta a decorare le nostre case per le festività imminenti, come usanza ormai richiede, vi illustrerò quelli che saranno i miei di addobbi personali.

Mentre guardavo la scorsa puntata del Grande Fratello Vip, ho immaginato al modo migliore in cui i concorrenti del padre di tutti i reality avrebbero potuto contribuire costruttivamente al Natale. E così, con le palle che Alex Belli adora raccontare e quelle che con la sua dolce metà Delia Duran ama farsi abbindolare, sono riuscito ad adornare l’albero. Per quel che riguarda il Presepe, la prima cosa a non dover mancare è senza ombra di dubbio la Sacra Famiglia. Non me ne voglia la Madonna, ma visto che è l’unica Maria a disposizione, il ruolo della sempre Vergine e Madre sarà ricoperto da Maria Monsè, affiancata dall’amatissimo Manuel Bortuzzo alias Giuseppe. I due alloggeranno nella capanna messa a disposizione dall’umilissima Katia Ricciarelli e da Giucas Casella il generoso, con l’aiuto del devoto servitore Davide Silvestri (insomma, una versione pecoreccia dei più tradizionali Gelindo, Alinda e Maffeo). A vegliare su di loro, inoltre, ci sarà la “stellare” cometa Valeria Marini, che per la prima volta fu avvistata in lontananza da Giacomo Urtis, il tipico Sbaundatu siciliano che scorge ammirato il simbolo di ciò che non potrà mai essere o diventare. Lui non è una cometa, al massimo una stella cadente! Accanto al celeste astro, si posizioneranno le sue fedeli ancelle Miriana Trevisan, Sophie Codegoni e Manila Nazzaro, angeli alle volte capaci di risplendere di luce propria. Ad ammirare l’avvenuto miracolo, invece, ci saranno tutte quelle braccia levate all’agricoltura che non è difficile incontrare in quel di Cinecittà. In primis il Caganer de’ noi artri Gianmaria Antinolfi che, piuttosto che esser intento a defecare come la sua controparte tradizionale spagnola, sembra provare un insano piacere per l’olezzo delle proprie emozioni. A seguire la frenetica Meraviglia, la nostra Francesca Cipriani che non perde occasione per agitarsi per ogni minima cosa, l’incorruttibile Soldato Aldo Montano, lo spietato Demone Soleil Sorge, sempre pronta a sparare a zero sugli altri e mai su se stessa, e la distratta Benino Carmen Russo, ignara di tutto ciò che le avviene attorno. Poi ci sono i Re Magi e sarebbe stato scontato farli interpretare dalle principesse etiopi Lulù, Jessica e Clarissa Hailé Selassié, ancor di più perché una di loro ha già abbandonato questo Presepe vivente. Perciò, siccome non fanno altro che elemosinare, chi l’amore, chi la notorietà e chi la decenza, sono perfette nelle vesti delle Mendicanti. Al contrario, i tre portatori di doni Gaspare, Melchiorre e Baldassarre saranno Alfonso Signorini, Adriana Volpe e Sonia Bruganelli, che non porteranno l’oro, l’incenso e la mirra, ma l’immunità, una buona parola e qualche comunicato ufficiale.

Infine, il Cristo lo farò io, perché per continuare ad assistere a determinati atteggiamenti ci vuole giusto la pazienza divina!

Simone Di Matteo

Simone Di Matteo, curatore della DiamonD EditricE, autore, scrittore e illustratore grafico è tra i più giovani editori italiani. I suoi racconti sono presenti in diverse antologie.Nel 2016 partecipa con Tina Cipollari alla V edizione del reality show Pechino Express in onda su Rai2 formando la coppia degli Spostati. Dopo Furore (tornato in onda in prima serata su RAI2 nel marzo 2017) 
è tra gli ospiti del nuovo esperimento sociale in onda su Rai4 Social House. Attualmente è impegnato in una missione segretissima a favore della pace nel mondo. Web: www.simonedimatteo.com