Torna dal vivo il Rino Gaetano Day in una nuova location | PRESENTAZIONE

Poche ore ci dividono dal grande ritorno in presenza del Rino Gaetano Day , la manifestazione organizzata da Anna e Alessandro Gaetano che giunge quest’anno alla dodicesima edizione, per ricordare il geniale cantautore a 41 anni dalla sua prematura scomparsa. Un’attesa durata circa 2 anni per via della pandemia che ha stravolto di fatto location e durata ma non il cuore pulsante dell’evento che da sempre ha radunato migliaia di persone soprattutto dal III Municipio di Roma, quadrante dove Rino ha vissuto fino alla tragica scomparsa del 2 Giugno. Infatti non ci sarà il bagno di folla del 2 Giugno vicino la sua casa a Piazza Sempione – che già aveva risentito di forti contingentamenti pre-pandemici dovuti alla paura del terrorismo, ma una doppia festa il 2 e il 3 Giugno al Sessantotto Village (Via Corrado Alvaro), precisamente a Parco Talenti, ad ingresso libero fino al raggiungimento della capienza massima.

A presentare entrambi gli appuntamenti ci sarà la cantautrice Mille, fresca di vittoria degli 1MNext2022 a Piazza San Giovanni e già ascoltata ai nostri microfoni, in un viaggio emozionante, tra immagini e canzoni, con la Rino Gaetano Band, lo storico complesso che ha raccolto grazie alla sorella Anna Gaetano e al nipote Alessandro (voce, chitarra acustica e percussioni) l’eredità del rivoluzionario cantautore calabrese dal 1999, assieme a Ivan Almadori (voce e chitarra acustica), Alberto Lombardi (chitarra elettrica e cori), Fabio Fraschini (basso), Marco Rovinelli (batteria) e Michele Amadori (tastiere e cori). Loro, a differenza dei precedenti raduni nazionali a Roma, divideranno i grandi successi dell’artista in queste due serate, inquadrando ancor più nel dettagli ideali e tracciati di carriera che lo hanno fatto ergere a icona di una generazione. Assieme ad essi tanti suoni, da quelli emergenti che si contenderanno l’anteprima alle ore 20 (Vittoria e Francesco Bastianini il 2 e i Casinò Luna il 3) a quelli giovanili di NaElia – vincitrice di Musicultura nel 2012 – Andrea Strange – icona dell’Indie Folk e finalista della 20° edizione del Premio De Andrè – fino a quelli più storici di Tricarico e di Rachele Bastreghi – anima “femminile” dei Baustelle.

Un memorial fatto di musica ma anche di solidarietà, che ha accolto nelle varie edizioni tanti enti benefici per supportare il loro impegno sociale e solidale, e che quest’anno sposerà la causa di UNICEF ITALIA ospitando sul palco alcuni dei suoi rappresentanti, grazie alle scelte artistiche curate quest’anno da Alessandro Gaetano e Miranda Shkurtaj e che osserveremo da vicino proprio domani sera…



Luca Fortunato

Nato con la 'penna' all'ombra del Colosseo, sono giornalista pubblicista nell'OdG del Lazio. Accanto alle cronache del mio Municipio con il magazine La Quarta, alterno le mie passioni per la musica e il calcio, scrivendo per alcune testate online (M Social Magazine e SuperNews), senza dimenticare il mio habitat universitario. Lì ho conseguito una laurea triennale in Comunicazione a La Sapienza e scrivo per il mensile Universitario Roma. Frase preferita? "Scrivere è un ozio affaccendato" (Goethe).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.