Alla scoperta del peeling di Jessner | Dr. Marco Bartolucci

Oggi parleremo di un trattamento un po’ dimenticato a causa della fama crescente dell’acido glicolico. Parliamo del peeling di Jessner che, ancora oggi, è molto valido per il refreshing del viso e per il trattamento delle iperpigmentazioni.

La soluzione di Jessner si compone di acido lattico, acido salicilico e resorcinolo in parti uguali e viene applicata sul viso dopo adeguata preparazione con acido retinoico.

Il composto si presenta di color ambra chiaro e tende ad oscurarsi alla luce e all’aria, a causa della fotosensibilità dell’acido salicilico. Buon esfoliante, dotato cioè di un buon potere cheratolitico, la soluzione è caratterizzata da potere schiarente.

A seconda del numero degli strati applicati si può decidere se provocare una semplice esfoliazione con distacco dello strato corneo o arrivare fino a tutta l’epidermide; tuttavia il peeling rimane sempre intraepidermico e non provoca la formazione di croste.

Effettuare un peeling con la soluzione di Jessner ha i suoi vantaggi, in quanto questa miscela è considerata “delicata”, adatta a pelli sensibili poiché possiede un buon potere esfoliante non aggressivo come altri caustici per cui raramente diventa più profondo del voluto.
Il ritorno alla vita sociale è immediato e consente l’applicazione del trucco, essendo superficiale gli effetti collaterali quali infezioni o eritemi persistenti sono rarissimi.

Le sue indicazioni sono essenzialmente costituite dalla cura del photoaging e quindi dal miglioramento della tramatura cutanea. Un’altra importante applicazione è rappresentata dal trattamento del melasma, condizione in cui bisogna evitare atteggiamenti troppo aggressivi.

Dr. Marco Bartolucci

Dott. Marco Bartolucci - Laser e Medicina Estetica - Sotherga - Milano Tutor del programma TV di Rai2 "Detto Fatto" www.dottmarcobartolucci.it Mail: info@dottmarcobartolucci.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *