Il segreto del successo dei Ferragnez? L’ovvietà. Ce lo spiega il Prof. Bertirotti

Diciannove milioni di follower. A dire il vero, più di 19 milioni.

E tutti curiosi di sapere cosa accade nella loro quotidianità, come se la propria quotidianità avesse bisogno della loro.

Un amore, il loro, nato da una citazione in una canzone, da parte del rapper e con un mazzo di rose consegnato a casa della fashion blogger, l’imprenditrice digitale del momento. Nulla di straordinario in tutto questo, secondo la tradizione seduttiva della nostra specie. È così che fanno anche i primati non umani, le nostre amiche e consorelle scimmie. Al posto dei fiori, senza canzoni da talent show e con qualche urlo modulato secondo le giuste tonalità, con una banana, fanno la corte. E con questo non voglio sminuire alcunché, perché tutti noi siamo legati alle nostre progenitrici scimmie. Nessuno di noi può sentirsi molto diverso.

E l’arcano motivo di questo successo mediatico è proprio nella normalità delle cose che questi due imprenditori telematici raccontano: nulla di eccezionale, di clamorosamente sorprendente. Tutto scontato e banale. Eppure, abbiamo bisogno proprio di questa ovvietà, in un mondo che ci ordina quella diversità che non ci appartiene e che siamo costretti ad impersonare perché ci hanno convinti che per essere qualcuno abbiamo bisogno di dire qualcosa di originale. No, nulla di tutto ciò.

Siamo stracolmi di individui che vogliono proporsi come i santoni, i guru della novità. E sono loro che ci hanno allontanato dalla bellezza, dal silenzio mormorato e sussurato di un amore spontaneo, senza fronzoli e reale, concreto. Ecco che poter visionare un video dove cade un anello nuziale, dove si porta alla prima visita pediatrica il proprio figlio, oppure ci si sposa (cose che possono accadere a tutti noi…) diventa qualcosa di straordinariamente normale. E in questa dimensione, ci possiamo sentire rassicurati, specialmente di fronte all’idea che essere famosi è qualcosa che può appartenere a tutti, perché la fama diventa normalità.

La fama è essere ricordati da coloro che ci amano, come persone che possono donare gioia, oppure persino dolore pensieroso, la nostra vita. Famosi si è quando abbiamo amici e conoscenti che sanno apprezzare la nostra disarmante normalità.

Dunque, bravi, cari Ferragni e Fedez.

Ne ho parlato anche sul mio canale Youtube al quale vi invito a iscrivervi.


RIMANI AGGIORNATO SULLE NOVITA’ – Iscriviti gratuitamente qui!

[mailpoet_form id=”2″]

Alessandro Bertirotti

Docente universitario e Visiting Professor di Anthropology of Mind presso la Universidad Externado de Bogotà, Colombia

Un pensiero riguardo “Il segreto del successo dei Ferragnez? L’ovvietà. Ce lo spiega il Prof. Bertirotti

  • 18 Settembre 2018 in 15:56
    Permalink

    Scusa Alessandro, ma Ferragni e Fedez, chi sono?

I commenti sono chiusi