Dalle imitazioni dursiane di Vincenzo De Lucia alla querelle Zorzi-Salemi, passando per l’eliminazione della Ruta: l’autoironia è una delle cose più belle, che ve scaldate a fa’?

A detta di Marie Curie, chimica e fisica polacca, nella vita non c’è nulla da temere, ma solo da capire, ed effettivamente aveva ragione da vendere. Se oggigiorno le persone evitassero di accontentarsi, per esempio, di buttarsi tra le braccia di chiunque pur di riempire un vuoto o occupare uno spazio, il giorno di San Valentino avremmo sicuramente visto in giro molti più cuori felici e molti meno cornuti gongolanti. Per carità, non bisognerebbe mai fare di tutta l’erba un fascio, ma rinunciare alla propria libertà giusto per non sentirsi soli, per quanto mi riguarda, è come perdersi un poco alla volta! E poi i proverbi non sbagliano mai, meglio single che male accompagnati, per tutto il resto ci sarà a breve Giulia De Lellis con Love Island su RealTime.

La casa più spiata d’Italia nelle ultime puntate è tornata a dividere il Paese a causa dell’eliminazione improvvisa, e forse anche un po’ ingiusta, di Maria Teresa Ruta, per non parlare dei continui battibecchi tra Tommaso Zorzi e Giulia Salemi. Se da una parte l’uscita inaspettata della Ruta ha innescato dubbi, problemi e incertezze da parte del pubblico votante sulla questione legata al televoto (preferisco astenermi da ogni giudizio, non vorrei essere bandito persino dalle reti private), dall’altra, certi teatrini pieni di risentimento tra due persone che alla fin fine, sotto sotto, si voglio bene, finiscono solo per ricoprire di ridicolo i diretti interessati. Diciamocelo chiaramente, tanto sarà Dayane Mello ad aggiudicarsi il titolo e la corona di questa quinta edizione del Grande Fratello Vip! Non saranno le lacrime di coccodrillo di Stefania Orlando, oppure la nomina a finalista di Zorzi, o ancora la nuova love story a favor di telecamera tra la bravissima attrice (sotto ogni punto di vista, non c’è che dire) Rosalinda Cannavò e Andrea Zenga, a cambiare le sorti dell’esito finale. Perciò, che vi scaldate a fa’?!

A Domenica In Mara Venier, al contrario, ci ha regalato un po’ di sana leggerezza grazie all’ospitata di Vincenzo De Lucia. E no, non sto parlando del Presidente della regione Campania (che per giunta ha una vocale in meno nel cognome), ma dell’imitatore del momento che, in seguito al suo intervento a Stasera tutto è possibile con Stefano De Martino, ha portato una ventata d’aria in quel di Viale Mazzini. Ed era ora! Classe 1987 e di origini napoletane, chi meglio di lui poteva dar vita ad una riuscita e per nulla offensiva caricatura di Barbara d’Urso?! Neanche a dirlo, infatti, De Lucia si è presentato negli studi di Rai1 proprio nei panni della regina di Cologno Monzese, un gesto che, con tutta l’ironia e l’autoironia che da sempre la contraddistinguono, è stato apprezzato dalla stessa. D’altronde, saper ridere di se stessi ancor prima che lo facciano gli altri è la più grande delle conquiste!

Sul fronte musicale, invece, le cose non sembrano promettere alquanto bene. Tralasciando il proliferare incontrollato e incontrastato di quelle melodie smielate e insensate che ammorbano le nostre giornate, pare che, almeno stando alle recenti notizie, sia in arrivo un duetto tra Cristiano Malgioglio e Federico Fashion Style. Non so cosa ne pensate voi, ma io spero soltanto che l’istrionico paroliere possa restituire un po’ di decenza a chi prima di lui l’ha persa già da parecchio tempo!

Simone Di Matteo

Simone Di Matteo, curatore della DiamonD EditricE, autore, scrittore e illustratore grafico è tra i più giovani editori italiani. I suoi racconti sono presenti in diverse antologie.Nel 2016 partecipa con Tina Cipollari alla V edizione del reality show Pechino Express in onda su Rai2 formando la coppia degli Spostati. Dopo Furore (tornato in onda in prima serata su RAI2 nel marzo 2017) 
è tra gli ospiti del nuovo esperimento sociale in onda su Rai4 Social House. Attualmente è impegnato in una missione segretissima a favore della pace nel mondo. Web: www.simonedimatteo.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *